07/10/04  - Problema di coppia - Mente e cervello

07 ottobre 2004

Problema di coppia




Domanda del 07 ottobre 2004

Domanda


caro dottore sono sposata da 13 anni con 1 uomo caratterialmente molto diverso da me,i primi 3 anni ha proceduto tutto abbastanza bene anche perche' io l'ho sempre assecondato,poi col passare del tempo mi sono resa conto di essere tremendamente infelice,incompresa e non considerata da lui cosi che il mio amore nei suoi confronti ha cominciato a diminuire finche' e' finito completamente.ho provato a parlargli di questa situazione piu' volte,divendogli di lasciarmi del tempo per riflettere ma lui non ha mai accettato il fatto che io mi prendessi 1 pausa per vedere meglio dentro di me e separarci momentaneamente.mi ha ricattato fisicamente e moralmente.ora per farla breve mi ritrovo a 40 anni a fare il resoconto della mia vita e mi accorgo che quello che desidero e' separarmi dalui e vivere finalmente la mia vita come ho sempre desiderato cioe' con qualcuno che mi sappia capire e che mi parli (lui parla pochissimo).nel nostro rapporto manca il dialogo,la tenerezza,la complicita' mancano insomma tutte quelle componenti che formano 1 coppia felice.da poco tempo gli ho riparlato di questo probkema e lui ha continui attacchi di panico e dice che se lo lascio combina qualche guaio a me o a se stesso mi puo' dare 1 consiglio su come venirne fuori da questa situazione?premetto che abbiamo 1 bambina di 6 anni.GRAZIE
Risposta del 18 ottobre 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Carissima,
è difficile rispondere a un problema così angosciante a distanza.
Lei ha sposato un uomo-bambino, che è entrato in crisi all'arrivo della figlia; è logico e normale che adesso abbia bisogno di sentire di fianco a sé un uomo vero, che sappia sorreggerla, proteggerla e accompagnarla nel compito di educare la figliola.
E' logico anche che un uomo-bambino non sappia prendersi le sue responsabilità, e che metta nella fuga dal problema tutta l'energia che ha, canalizzandola in un sintomo psico-somatico.
L'adulto, in famiglia, è lei, a lei stanno tutte le decisioni importanti. Tale è la situazione, con tutto il carico di responsabilità che comporta.
Raccolga intorno a sé con tenacia le persone che possono aiutarla, familiari, amiche, amici, uno psicologo della famiglia, qualcuno in consultorio ci sarà che potrà darle una mano, un avvocato.
E quando deciderà di procedere, non demorda. Ora è ancora in tempo per rifarsi una vita, e per dare a suo marito la possibilità di andare in crisi, e perciò di cercare un aiuto e finalmente di crescere un po'.
Un caro saluto, ci tenga informati.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Alzheimer, alla ricerca della terapia
Mente e cervello
21 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Alzheimer, alla ricerca della terapia
Anziani, uno su due si sente emarginato dalla società
Mente e cervello
09 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Anziani, uno su due si sente emarginato dalla società
la Sindrome di Asperger
Mente e cervello
02 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
la Sindrome di Asperger