04/06/04  - Problemi di battiti cardiaci più veloci - Malattie infettive

04 giugno 2004

Problemi di battiti cardiaci più veloci





Domanda del 04 giugno 2004

Domanda: Problemi di battiti cardiaci più veloci


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 04 giugno 2004.

Sono una ragazza di 28 anni, da circa tre settimane soffro di un disturbo cardiaco, forse una specie di aritmia?. Soprattutto la sera a riposo, ma negli ultimi giorni anche durante la giornata, sento i battiti del cuore più veloci del normale. Comunque mi accade sempre a riposo. Non ho mai sofferto di tali disturbi e non ho problemi particolari in famiglia. Ho preso per circa 9 anni la pillola (con varie interruzioni), gli ultimi esami del sangue mostravano un valore di prolattina più alto del normale, per questo motivo mi è stato consigliato di interrompere l'assunzione della pillola e di effettuare nuovamente esami del sangue e una ecografia della tiroide. Questo disturbo potrebbe in qualche modo essere legato ai problemi sopra descritti? Altrimenti da cosa potrebbe essere causato? E' il caso che mi rivolga ad un cardiologo? Grazie.
Risposta del 08 giugno 2004

Risposta di ORESTE CAPELLI


penso che anzichè una ecografia della tiroide sia più indicato in prima battuta fare un dosaggio del TSH (ormone stimolante la tiroide). Esclusi problemi tiroidei o stati ansiosi (stress lavorativi, affettivi, ambientali? Insonnia ? risvegli precoci?) un Elettrocardiogramma è sicuramente indicato.

Dott. Oreste Capelli
Pubblica amministrazione
MODENA (MO)



Il profilo di ORESTE CAPELLI
Risposta del 08 giugno 2004

Risposta di GIUSEPPE RABITTI


La causa della sua tachicardia (ricordiamoci che si parla di tachicardia se la frequenza cardiaca supera i 100 battiti al minuto) potrebbe essere legata ad una sindrome tiroidea e quindi sarà utile fare le seguenti ricerche: TSH , T3,T4, e frazioni libere, ecografia tiroidea, colesterolemia totale; oppure potrebbe essere generata da una situazione di stress con disregolazione a carico del sistema neurovegetativo. Interessante anche sapere se in famiglia vi siano stati o vi sono persone con eguale disturbo. Inoltre,a mio avviso,sarà utile una anamnesi accurata in relazioni al sospetto di foci infettivi dentali o tonsillari.

Prof. Giuseppe Rabitti
Specialista attività privata



Il profilo di GIUSEPPE RABITTI
Risposta del 08 giugno 2004

Risposta di GIANCARLO AMBROSINI


dopo aver controllato la funzionalità tiroidea (eco, esami ormonali, tireoglobulina e anticorpi antitiroide), consiglio Holter dinamico 24 h (si tratta di una registrazione dell' elettrocardiogramma per 24 ore) al fine di documentare la tachicardia e eventuali aritmie.

Dott. Giancarlo Ambrosini
Medicina generale convenz.
CORIANO (RN)



Il profilo di GIANCARLO AMBROSINI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti