03/09/04  - Prolasso rettale? - Stomaco e intestino

03 settembre 2004

Prolasso rettale?





Domanda del 03 settembre 2004

Domanda: Prolasso rettale?


Domanda di Stomaco e intestino, inviata in data 03 settembre 2004.

Salve.Ho 23 anni,stipsi cronica resistente nonostante la tanta frutta e verdura,l'acqua bevuta in quantità,i fermenti lattici assunti,il movimento quotidiano.Per lo più è dischezia,sensazione di feci nel retto che non riescono ad uscire.Ultimamente ho notato che durante il ponzamento prima del cilindro fecale protrude dall'orifizio anale come un lembo mucosa da un lato.E' qualche giorno che anche quando l'evacuazione è infruttuosa la carta igienica risulta sporca di muco e a volte leggermente striata di sangue.Non ho praticamente sintomi,un lievissimo prurito qualche volta.potrebbe essere l'inizio di un prolasso rettale?Oppure di emorroidi?E oltre ad evitare il ponzamento prolungato c'è qualcos'altro che io possa fare. un'altra domanda:l'olio di vasellina è considerato un lassativo?potrei usarlo senza preoccuparmi dell'assuefazione?GRAZIE
Risposta del 06 settembre 2004

Risposta di MASSIMO VINCENZI


Sono necessari alcuni accertamenti: una rettosigmoidoscopia, una manometria ano-rettale ed eventualmente anche una defecografia.In base ai risultati può essere vista da un proctologo o da un gastroenterologo. Potrebbe utilizzare Nova Fibra 1 busta al giorno o in alternativa SELG 250 1 busta intera al giorno. L' olio di vasellina è un lassativo e può usarlo tranquillamente.

Dott. Massimo Vincenzi
Casa di cura privata
Specialista attività privata



Il profilo di MASSIMO VINCENZI
Risposta del 07 settembre 2004

Risposta di ANTONIO IANNETTI


Esegua una visita proctologica ed una manometria ano-rettale. E' importante fare una diagnosi per prescrivere la terapia opportuna, che potrebbe essere quella di una "educazione motoria dell'atto defecatorio". Non indugi, perchè, se non corretto, il problema potrebbe peggiorare nel tempo. Probabilmente le Emorroidi e l'iniziale prolasso sono la conseguenza di un atto defecatorio errato. Quindi sono l'effetto e non la causa del problema.

Prof. Antonio Iannetti
Universitario
ROMA (RM)



Il profilo di ANTONIO IANNETTI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Stomaco e intestino



Potrebbe interessarti