23/06/04  - Prostata? - Malattie infettive

23 giugno 2004

Prostata?




Domanda del 23 giugno 2004

Domanda


scrivo per l'ennesima volta. ad oggi non ho ricevuto nessuna risposta. non mi arrendo. e' possibile sapere quali sono i sintomi piu' evidenti di problemi alla prostata? gonfiori e tensioni addominali, con la sensazione frequente di urinare, puo' essere dovuto a problemi di prostata? l'emissione di gas, a volte molto rumorosi, molto frequenti durante la giornata a cosa puo' essere dovuto? grazie
Risposta del 26 giugno 2004

Risposta di GABRIELE DELGADO


I sintomi più caratteristici di una problematica prostatica sono i disturbi urinari, quali: pollachiuria (tendenza ad urinare spesso durante la giornata), nicturia (ovvero la necessità di alzarsi la notte per urinare), stranguria (ovvero diuresi dolorosa), tenesmo vescicale (sensazione di voler urinare senza però riuscirvi), ematuria (sangue, in tracce o evidente, nelle urine). Naturalmente possono essere diversi i gradi di gravità dei sintomi descritti. Nel Suo caso non si può tuttavia escludere problematica a carico del colon retto (colite).
Una buona ecografia di reni vescica e prostata (eventualm. anche transrettale) ed un clisma opaco potrebbero rappresentare un buon inizio per l'iter diagnostico (che va tuttavia sempre guidato dall'esame clinico).

Dott. Gabriele Delgado
Casa di cura convenzionata




Il profilo di GABRIELE DELGADO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Malattie infettive
01 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Combattere l’influenza con la dieta
Malattie infettive
24 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Combattere l’influenza con la dieta
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino
Malattie infettive
18 dicembre 2017
Notizie e aggiornamenti
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino