29/05/08  - R.m. encefalo con m.d.c. r.m. rocche petrose con m.d.c. - Mente e cervello

29 maggio 2008

R.m. encefalo con m.d.c. r.m. rocche petrose con m.d.c.





Domanda del 29 maggio 2008

Domanda: R.m. encefalo con m.d.c. r.m. rocche petrose con m.d.c.


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 29 maggio 2008.

gen.le dOtt. in seguito ad un incidente a mio figlio è stata effettuata una TAC alla testa ed è stata rilevata la presenza di liquido abbiamo esguito una r.m. con mdc da cui si evince la seguente diagnosi:L'indagine R.M dell'encefalo ,in tecnica TSE e FLAIR secondo piani assiali,sagittali e coronali,con immagini pesate in T1 e T2 ed eseguita prima e dopo somministrazione di mezzo di contrasto ha evidenziato: iv ventricolo eumorfico e nei limiti di norma.Normale morfologia ed ampiezza degli spazi liquorali pericerebellari.Sistema ventricolare sovra-tentoriale dismorfico,dilatato e asimmetrico per prevalenza volumetrica del ventricolo laterale di destra che esercita effetti compressivi sul setto pellucido e sul fornice che appaiono asimmetrici e dislocati verso sinistra.Regolari appaiono il corpo calloso e la regione infundibolo-ipofisaria.Non si eveidenziano aree di alterato segnale a carico del tessuto cerebrale.La somministrazione per via venosa di mezzo di contrasto non concretizza incrementi intensiometrici di significato patologico. L'indagine R.M. DELL'ANGOLO ponto-cerebellare,condotta in tecnica SE e GE,secondo piani asssiali,sagittali e coronali,con immagini pesate in T1 e T2 ed eseguita prima e dopo somministrazione di mezzo di contrasto evidenzia: le sequenze a strato sottili,sull'angolo ponto-cerebellare,non hanno evidenziato alterazioni intensiometriche focali. La somministrazione per via venosa di mezzo di contrasto non concretizza incrementi intensiometrici di significato patologico.Vorrei chiederLe devo farlo controllare da un neurochirurgo?Da quella sera dell'incidente,ogni suo malessere mi fa paura.Ringraziandola anticipatamente le auguro buon lavoro
Risposta del 31 maggio 2008

Risposta di GIOVANNI MIGLIACCIO


Si signora, lo porti a visita da un neurochirurgo. La natura di questo liquido evidenziato alla TAC non vi è stata detta? Però la RMN non ne fa cenno. Sta di fatto che sembra esservi qualcosa che comprime. Quanto tempo è passato dal trauma? è stato un trauma banale o no?
Senza vedere le immagini non saprei come interpretare il referto.
Cordialmente e ci faccia sapere!

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)



Il profilo di GIOVANNI MIGLIACCIO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio