19/02/08  - Rapporti sessuali protetti e gravidanza - Salute femminile

19 febbraio 2008

Rapporti sessuali protetti e gravidanza




Domanda del 19 febbraio 2008

Domanda


Gentilissimo Dottore, mi rivolgo a Lei nella speranza che possa risolvere il nostro problema. Ho 27 anni e sono fidanzata da 7 anni con un ragazzo mio coetaneo. Dall’estate scorsa abbiamo cominciato ad avere rapporti sessuali, sempre con il preservativo, sempre nei periodi in cui io non ero fertile, e lui ha sempre eiaculato nel preservativo ma mai dentro di me, bensì attraverso la stimolazione orale. Io ho un ciclo di 35 giorni, l’ovulazione si presenta sempre intorno al 17°-18° giorno, me ne accorgo non solo dalla secrezione del muco cervicale (filante come il bianco d’uovo) ma soprattutto dal rialzo della temperatura basale, che ho imparato a misurare alcuni anni fa quando il mio ginecologo, prima di prescrivermi la Diane per la sindrome dell’ovaio policistico, volle capire se i miei cicli fossero ovulatori o meno. Inoltre le mie mestruazioni non sono più dolorose come un tempo e durano solo 2 giorni. Alcune settimane fa, durante il rapporto, il preservativo si è rotto: io ero al 6° giorno del ciclo, lui non aveva ancora eiaculato, ma la paura per lui fu così forte che ci fermammo lì…..ancora oggi lui teme che io sia incinta, nonostante tutte le mattine mi misuri e la temperatura sia sempre normale (per normale intendo il fatto che si è avuto il normale rialzo termico che si ha dopo l’ovulazione, tra i 36,9° ed i 37°). Io sono davvero esasperata dalla situazione che si è creata, che non mi permette + di vivere il rapporto con serenità, e che non riesco più a gestire: vorrei adesso semplicemente far capire al mio ragazzo, tramite il Suo aiuto, che continuando così non c’è nessuna possibilità che io possa rimanere incinta, che utilizzando sempre il preservativo, avendo rapporti solo quando non sono fertile ed eiaculando sempre fuori di me la possibilità di avere un bambino praticamente non esiste. Vi ringrazio di cuore per la risposta che mi invierete e che farò leggere a lui, nella speranza che metta una volta per tutte da parte le sue paure e che possa vivere il rapporto sessuale non come un momento di ansia e paura ma come uno dei tanti modi di amare chi ti sta accanto.
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute femminile



Potrebbe interessarti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Salute femminile
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Salute femminile
07 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto