20/10/04  - REFLUSSO ESOFAGEO CON REFLUSSO DUODENO BILIARE - Stomaco e intestino

20 ottobre 2004

REFLUSSO ESOFAGEO CON REFLUSSO DUODENO BILIARE




Domanda del 20 ottobre 2004

Domanda


Mia moglie si è sottoposta a Gastroscopia e la diagnosi è stata : Esofagite da reflusso;Gastrite cronica antrale;HP positivo;Reflusso duodeno biliare. Lo specialista le ha prescritto una terapia composta anche Zimox e Veclam. Il medico di base è contrario, perchè, secondo lui, gli antibiotici provocherebbero, in futuro, danni irreversibili(possibile carcinoma), andando a stimolare virus già presenti nel nostro stomaco. Qual'è la strada più giusta da seguire? E' vero che l' Helicobacter Pylori si trasmette anche attraverso la saliva?
Risposta del 23 ottobre 2004

Risposta di ALFREDO SAGGIORO


Gli orientamenti attuali sono quelli di eradicare (trattare) l'Helicobacter anche nella malattia da reflusso, non essendo stati verificati alcuni dati che suggerivano un rischio di aggravamento della stessa in caso di eliminazione del batterio. Anzi, la presenza dell'Helicobacter nello stomaco sottopone a rischio di cancro dello stesso e quindi è sicuramente meglio eliminare il batterio. Per quanto riguarda la saliva, il rischio è potenziale ma non è mai stato dimostrato in studi appositi. Cordialità

Prof. Alfredo Saggioro
Medico Ospedaliero



Il profilo di ALFREDO SAGGIORO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Potrebbe interessarti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Stomaco e intestino
20 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio