15/06/04  - Resistenza insulinica - Malattie infettive

15 giugno 2004

Resistenza insulinica





Domanda del 15 giugno 2004

Domanda: Resistenza insulinica


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 15 giugno 2004.

All'età di 17 anni mi sono rivolta ad un endocrinologo per problemi di irsutismo e dai dosaggi ormonali è risultata un'iperprolattinemia per la quale assumo dostinex da circa cinque anni senza risultati positivi per l'irsutismo. Recentemente a seguito di ulteriori controlli mi è stata diagnosticata una resistenza insulinica e prescritta una terapia con glucophage 1000mg tre volte al giorno, dieta ipocalorica e attività fisica moderata ma costante causa sovrappeso. Poichè il glucophage è un anti-diabetico orale e risultando la mia curva da carico della glicemia nella norma desidererei sapere se il farmaco mi è stato prescritto per prevenire un eventuale Diabete limitando il fattore di rischio del sovrappeso oppure la resistenza insulinica corrisponde al Diabete .Vorrei sottolineare che in famiglia non ci sono casi di Diabete .
age 1000mg tre volte al giorno. Trattandosi di un anti-diabetico orale e risultando la mia curva da carico della glicemia nella norma desidererei sapere se il
Risposta del 03 settembre 2004

Risposta di GIOVANNI PINNA


Che valori di prolattina erano stati riscontrati prima di iniziare il Dostinex? Che sintomi erano presenti oltre l'irsutismo? (assenza di mestruazioni? secrezione lattea dal capezzolo?). Aveva eseguito il dosaggio degli ormoni androgeni (testosterore, 17-OHprogesterone, delta4-Androstenedione, DHEAS)? La metformina viene in alcuni casi usata per trattare le insulino-resistenze, specie se associate a sovrappeso. Nel Suo caso la finalita' di questo trattamento serve per ridurre l'insulino-resistenza (che di per se stessa puo' essere associata ad irsutismo), il sovrappeso, ed a lungo termine lo squilibrio del compenso glicemico che ne deriverebbe (puo' in tal senso essere considerata una terapia finalizzata a ridurre il rischio di un Diabete mellito di tipo II, riducendo l'insulino-resistenza di concerto con la dieta e l'attivita' fisica).
Saluti.

Dott. Giovanni Pinna
Universitario



Il profilo di GIOVANNI PINNA
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti