28/03/09  - Respiro affannoso - Malattie infettive

28 marzo 2009

Respiro affannoso





Domanda del 28 marzo 2009

Domanda: Respiro affannoso


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 28 marzo 2009.

ho 64 anni, pensionato, nessuna attività sportiva da sempre, ma buon camminatore. Ritengo di avere un respiro più corto del presunto normale. Diverse volte eseguo la respirazione controllata, lenta e lunga inspirazione ed lenta espirazione.
Quando vado a ballare, sopratutto durante il valzer o la polka vado praticamente in apnea, e a differenza di altri non mi riesce di parlare mentre ballo. Quindi devo scegliere ritmi più appropriati al mio respiro. Peccato !!
Non fumo.
<a quali controlli dovrei sottopormi per conoscere il rimedio a questa mia deficienza respiratoria?
Grazie per il consiglio che mi vorrete dare.
Risposta del 01 aprile 2009

Risposta di MASSIMILIANO MANZOTTI


In considerazione dell'età mantenere un'attività fisica, così come non fumare e osservare una dieta adeguata, è fondamentale per il proprio benessere psicofisico. E' tuttavia prudente eseguire alcuni controlli: visita pneumologica con spirometria completa di volume residuo ed emogasanalisi e visita cardiologica in base alla quale lo specialista deciderà se far eseguire anche prova da sforzo, tenendo conto della sua attività motoria impegnativa come il ballo.

Cordiali saluti.

Dott. MASSIMILIANO MANZOTTI
Medico Ospedaliero
Specialista in Cardiologia
Specialista in Malattie apparato respiratorio



Il profilo di MASSIMILIANO MANZOTTI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Influenza 2017: riflettori puntati sulla vaccinazione
Malattie infettive
27 novembre 2017
Notizie
Influenza 2017: riflettori puntati sulla vaccinazione
Vaccinazioni obbligatorie: facciamo chiarezza
Malattie infettive
04 settembre 2017
Notizie
Vaccinazioni obbligatorie: facciamo chiarezza