03/11/04  - Rischio embolia per lunghi viaggi aerei - Malattie infettive

03 novembre 2004

Rischio embolia per lunghi viaggi aerei





Domanda del 03 novembre 2004

Domanda: Rischio embolia per lunghi viaggi aerei


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 03 novembre 2004.

Mi è stato diagnosticato uno "shunt ds>sin di tipo II" ritenuto lieva: ho pertanto ottenuto l'idoneità alla pratica sportiva (triathlon): A breve partirò per l'Australia dove effettuerò un "ironman"(km.3,8 nuoto - km.180 bici - km.42 corsa):ne ho già effettuato un altro in Europa senza problemi. Dovendo ora prendere l'aereo per il ritorno in Italia 24 h dopo il termine della gara, che comporta notevole perdita di liquidi e presumibilmente riduzione della fluidità del sangue, chiedo se vi sono particolari precauzioni da adottare per evitare il rischio di embolia (in considerazione della sommatoria di 3 circostanze: lungo viaggio aereo, lieve shunt, probabile disidratazione). Anticipati ringraziamenti
Risposta del 07 novembre 2004

Risposta di RAFFAELE CANALI


Penso che ragionevolmente si possano attuare le seguenti strategie:
1.Adeguata idratazione post gara e durante il viaggio
2.Contrazioni della muscolatura delle gambe per qualche minuto ogni ora, e alzarsi di tanto in tanto per " sgranchirsi le gambe"
3.Eventuale assunzione il giorno della partenza di "aspirina " a piccole dosi(100mg) come antiaggregante.
Questi erano i consigli dati da una importante compagnia aerea americana.
Comunque un parere cardiologico è sempre indicato.In bocca al lupo per la competizione!

Dott. Raffaele Canali
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
DESIO (MI)



Il profilo di RAFFAELE CANALI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti