22/11/04  - Rughe labiali - Chirurgia estetica

22 novembre 2004

Rughe labiali





Domanda del 22 novembre 2004

Domanda: Rughe labiali


Domanda di Chirurgia estetica, inviata in data 22 novembre 2004.

Buongiorno! Ho 40 anni e il mio viso potrebbe essere ancora "accettabile" se non fosse per quei due solchi labiali che vengono simpaticamente chiamate "d'espressione" . Non credo che le creme possano aiutarmi a risolvere il problema. Ho letto di micro iniezioni locali. Lei che genere di soluzione (che sia veramente efficace) mi consiglia ? Grazie infinite. Potreste, per cortesia, consigliarmi
Risposta del 25 novembre 2004

Risposta di GIORDANO GIANNOTTI


molti trattamenti sono possibili. dipende da quanto si è disposte a "spendere". e non mi riferisco solo al lato economico, ma anche ai sacrifici del post-trattamento. Si va infatti dalle iniezioni di acido ialuronico o collagene, che se fatte la sera non rivelano nessun segno già al mattino dopo (però i risultati sono di moderata entità, e si riassorbono completamente dopo 3-4 mesi); il lipoffilling, in cui si prelevano delle cellule di grasso da una parte del corpo e si iniettano nei solchi, che però lasciano delle ecchimosi per vari giorni con un parziale riassorbimento del grasso, anche se una parte rimane per sempre, e il lifting, o minilifting - a seconda dei casi - trattamento più efficace, ma molto più oneroso per la paziente ( anestesia generale o locale assistita, ricovero per in day-hospital o per uno-due giorni, ecchimosi per 1-2 settimane, ecc.).

Dott. Giordano Giannotti
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
PISA (PI)



Il profilo di GIORDANO GIANNOTTI
Risposta del 05 dicembre 2004

Risposta di STEFANO ANDREA KAROSCHITZ


Un riempitivo , quindi un filler, resta l'unica soluzione possibile ad una valutazione estemporanea quale si offre alla Sua descrizione. Il punto è stabilire il tipo di esigenza, se temporanea e modificabile nel tempo - quindi Ac ialuronico- o se permanenete e definitivo, in questo caso sempre un riempitivo per infiltrazione in formulazione gelificata e di ultima generazione ma che non si riassorbirà nel tempo. Ovviamente i costi variano in funzione di ciò che si sceglie e per quanto possa apparire in primis più caro il permanente in realtà resta nel tempo il più economico. Dal canto mio consiglio sempre di provare la nuova immagine almeno una volta con il temporaneo, in modo da decidere insieme al chirurgo la forma, il modo e la "vestibilità" della nuova immagine.
Cordiali saluti


Dott. Stefano Andrea Karoschitz
Casa di cura privata
Medico Ospedaliero
TORINO (TO)




Il profilo di STEFANO ANDREA KAROSCHITZ
Risposta del 16 gennaio 2005

Risposta di MARIO DALBUONO


Signora, è bene sapere che esiste una vastissima gamma di riempitivi.
Esistono riempitivi (filler) riassorbibili, parzialmente riassorbibili e non riassorbibili.
Per ragioni di prudenza, vista la poca casistica ed il poco tempo dall'immissione sul mercato, personalmente uso o riassorbibili (completamente!) o non riassorbibili sotto forma di tessuto (quindi asportabile e modellabile).
Non uso mai prodotti in forma di gel o viscosi che siano parzialmente o non riassorbibili per il fatto che questi prodotti, analoghi del vecchio e prescritto silicone fluido, geerano una reazione organica più o meno forte a seconda del soggetto, con reazioni granulomatose impossibili ad eliminare completamente.
Comunque al di là delle metodiche personali, si faccia sempre dire quale prodotto le viene inserito e quale sia il nome commerciale per sapere indicare con precisione al medico che dovesse intervenire,in caso di reazione abnorme.E' un suo diritto sapere ed è dovere del medico riferirle quanto vuol sapere.

Dott. Mario Dalbuono
Casa di cura privata
Specialista attività privata
TRENTO (TN)



Il profilo di MARIO DALBUONO
Risposta del 05 febbraio 2005

Risposta di FRANCESCO MALATESTA


Cara signora,
Prima di tutto bisogna essere sicura che quelle che lei chiama solchi siano rughe adatta al riempimento e non un cedimento dei tessuti verso il basso....
...ammesso che siano rughe da riempire, il consiglio è di farsi iniettare solamente riempitivi (filler) di tipo riassorbibile (Acido ialuronico e collagene). Assolutamente no il Silicone. Io personalmente le sconsiglio anche i vari altri tipi di riempitivi permaneti e semipermanenti proposti dal mercato. E' vero che in questo modo si è costretti a ripetere l'niezione 3 o 4 volte l'anno, ma è un impegno che richiede pochi minuti, non la espone a complicazioni importanti e diventando cliente abituale, il suo chirurgo plastico di fiducia le farà sicuramente un buon prezzo
!
Oltre al riempitivo, comunque, è ideale anche eseguire trattamenti esfolianti e idratanti (sia domiciliarmante che con sedute ambulatoriali) per rimuovere la memoria della ruga che può rimanere anche dopo il filler e prevenire, per quel che si può, la formazione di ulteriori rughe d'espressione che il tempo ci regala

Cordiali saluti

Dott. Francesco Malatesta
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva
Casa di cura privata
Specialista attività privata
MONTEVARCHI (AR)



Il profilo di FRANCESCO MALATESTA
Risposta del 25 marzo 2005

Risposta di FRANCESCA UGHI


Mi dispiace ma senza neanche una foto le darei una risposta errata

Dott.ssa Francesca Ughi
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva



Il profilo di FRANCESCA UGHI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Chirurgia estetica



Potrebbe interessarti
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”
Chirurgia estetica
18 marzo 2016
News
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”
L’autostima non è solo questione di rughe
Chirurgia estetica
05 novembre 2015
News
L’autostima non è solo questione di rughe
Botox: ben oltre le rughe
Chirurgia estetica
08 giugno 2015
Focus
Botox: ben oltre le rughe