13/06/08  - Sospetta ciste ovarica - Salute femminile

13 giugno 2008

Sospetta ciste ovarica




Domanda del 13 giugno 2008

Domanda


Buon giorno mi chiamo Giovanna.Circa 1 mese fa sono stata ricoverata per dei forti dolori alla zona pelvica e dopo 3 giorni di ospedale,sono stata dimessa e mandata dal mio medico curante che mi è ha diagniosticato una banale cistite,almeno così mi ha detto lui. Il fatto è che lui stesso si è alterato quando gli ho fatto leggere il foglio di dimissione che indicava sia nella voce ricovero che in quello di dimissione la dicitura:algie pelviche e che non gli è stato per nulla spiegato da parte dei medici che tipo di terapia mi sia stata applicata in fase di degenza ospedaliera, perciò lui con il solo foglio dell'esito dell'urinocultura mi ha detto che si trattava di una banale cistite e che però in ospedale non sono stata curata con gli antibiotici ma con una flebo di antidolorifico e per due giorni con del glucosio.Bene dopo due settimane di antibiotici ho ripetuto gli esami completi e da questi è emerso che il valore dell'antigene mucinico 125 eq è 34,9. Premetto che in ospedale mi sono già state fatte più di una ecografia di questo tipo e io stessa ho sentito i medici escludere una ciste.Il mio medico curante a questo punto mi ha prescritto di eseguire una ecografia pelvica transvaginale ca 125 borderline in quanto secondo lui al 90% si tratta di una ciste ovarica. Il mio quesito è: mi devo preoccupare?Grazie
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute femminile



Potrebbe interessarti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Salute femminile
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Salute femminile
07 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto