31/10/17  - Sostituzione cipralex con cymbalta - Mente e cervello

31 ottobre 2017

Sostituzione cipralex con cymbalta





Domanda del 31 ottobre 2017

Domanda: Sostituzione cipralex con cymbalta


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 31 ottobre 2017.

Egregi dottori, sono un uomo di 44 anni e da circa 1 anno soffro di ansia e depressione. Inizialmente sono stato curato con cipralex 20mg per 10 mesi che ha attenuato molto l'ansia ma ha portato ad un notevole aumento della depressione. Il mio psichiatra ha ritenuto di dover cambiare il cipralex con il cymbalta che prendo da 15gg alla dose minima di 30mg. Il mio umore è notevolmente migliorato ma ho una strana sensazione di irrequietezza. Volevo chiederVi se tutto ciò è normale e si attenuerà nel tempo e se il passaggio da un SSRI ad un SNRI è corretto in queste situazioni. Grazie
Risposta del 05 novembre 2017

Risposta di MARCO PAOLEMILI


La sensazione di irrequietezza, all'inizio dell'assunzione di questi tipi di farmaci è comune. E' un effetto collaterale inziale che si esaurisce nell'arco di una settimana massimo. Come vede, la sua sensazione dura da più tempo, segno che l'effetto collaterale perdura. Deve valutare con il suo medico cosa fare, per tenere sotto controllo l'effetto collaterale. Le opzioni più comuni sono quelle di associare un altro farmaco che tenga sotto controllo tale irrequietezza, oppure cambiare il tipo di antidepressivo.

Dott. Marco Paolemili
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Ricercatore
Specialista in Psichiatria
Roma (RM)

Il profilo di MARCO PAOLEMILI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio