05/06/08  - Steatosi epatica - Stomaco e intestino

05 giugno 2008

Steatosi epatica




Domanda del 05 giugno 2008

Domanda


Buonasera.6 mesi fa ho appurato da un ecografia all'addome,prescrittami per fastidi urologici(frequenti minsioni),che il mio fegato è "aumentato di volume(173mm diametro longitudinale lobo destro - oggi 161mm diametro saggittale lobo dx)con ecostruttura più addensata rispetto alla norma come x steatosi 2°-3°grado". Ho fatto varie analisi prescrittemi dall'epatologo. Gli unici valori che permangono alti da 6 mesi nonostante dieta equilibrata(niente grassi ne fritti ne alcool) sono GOT(41)e GPT(fino a 140). Tra gli esami eseguiti(tutti nei limiti): glicemia,YGT, TRANSFERRINA,AA MUSCOLO LISCIO,PROT.TOT, COLEST.HDL, TRIGLICERIDI, AMA, ANA,ASMA, LKM, BILIRUB.TOT E FRAZ, AMILASEMIA, LIPASEMIA, INTOLLERANA AL GLUTINE,
EMOCROMO, SIDEREMIA,
AST, ALT, FOSFATASI ALC,
Marches Epatite B e C dalle quali si evince solo il vaccino anti ep.B che ho fatto da bambino. Il mio epatologo parla di un probabile problema ereditario che ricollega al Diabete alimentare di mio padre (dai 60 anni) e di mio nonno materno.
Il mio medico curante mi ha consigliato di prendere LEGALON. Visto che finora nessuno ha saputo indicarmi la causa della steatosi Vi sarei grato di un vostro esperto parere su cosa fare. Grazie


La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Potrebbe interessarti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Stomaco e intestino
20 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio