31/10/04  - Sterilità - Salute maschile

31 ottobre 2004

Sterilità




Domanda del 31 ottobre 2004

Domanda


Innanzitutto volevo ringraziare il Dott.Montalcini,aggiungo inoltre che gli spermiogrammi di mio marito hanno dato come risultato una oligoastenospermia prima dell'intervento.Dopo il volume era di 20mil con una possibilità del 40% di gravidanza naturale.La diagnosi di Prostatite è stata fatta da una spermiocultura,i livelli ormonali del testosterone ;Fsh e altro prima della cura con Menogon erano molto bassi.Si può cosi' ottenere una gravidanza naturale o dovremo sempre ricorrere a fec.assistita?
Risposta del 03 novembre 2004

Risposta di MICHELANGELO SORRENTINO


purtroppo i dati da lei forniti sono sempre troppo vaghi. Lo spermiogrmma va valutato nella sua completezza, i valori ormonali definiti numericamente (dire molto bassi non li quantifica) e poi si sono modificati con la terapia, dopo il menogon è stato ripetuto un esame del seme. La partner è perfettamente in ordine, ha le tube pervie, ovula regolarmente? sono tante le variabili da considerare che non è facile darvi una risposta di orientamento terapeutico. Inoltre l'esame del seme non permette di stabilire in maniera assoluta la fertilità di un individuo, ma da solo un perccentuale di possibilità di fertilizzare, ecco perchè un gravidanza spontanea è sempre (o quasi) possibile, ma a volte è molto improbabile.
cordiali saluti.

Dott. Michelangelo Sorrentino
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
NAPOLI (NA)



Il profilo di MICHELANGELO SORRENTINO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute maschile



Potrebbe interessarti
La procreazione assistita è anche una scelta socio-culturale
Salute maschile
16 ottobre 2017
Notizie e aggiornamenti
La procreazione assistita è anche una scelta socio-culturale
Fecondazione in vitro: l’età conta anche del futuro papà
Salute maschile
03 agosto 2017
Notizie e aggiornamenti
Fecondazione in vitro: l’età conta anche del futuro papà