07/03/13  - Tachicardia - Cuore circolazione e malattie del sangue

07 marzo 2013

Tachicardia





Domanda del 07 marzo 2013

Domanda: Tachicardia


Domanda di Cuore circolazione e malattie del sangue, inviata in data 07 marzo 2013.

Buonasera,chiedo cortesemente un vostro consulto e parere on line in attesa di intraprendere ulteriori accertamenti specialistici, anche per poter aver qualche indicazione aggiuntiva. Proprio ieri ho avuto (e non è il primo purtroppo) episodio di tachicardia: 147 battiti, ossigenazione 97, pressione arteriosa (misurata però quando i battiti erano già scesi a 118) 90-70. La tachicardia si è innescata in modo improvviso ed è perdurata in modo ininterrotto per circa tre ore. Trascorse le tre ore si è bruscamente interrotta portando i battiti prima a 118 e solo dopo alcune ore a 95. Frequente il bisogno di urinare e il senso di spossatezza anche nel corso della giornata. Vi informo (ma vi avevo già fornito questi dati mi sembra), che nel 2010 mi è stato diagnosticato un prolasso della mitrale con lieve insufficienza della stessa in aggiunta ad extrasistolia ventricolare singola e monomorfa, inizialmente e per due anni circa curato con betabloccante ed ora interrotto. Quello che vi chiedo è innanzittutto quali rischi si possono correre durante questi episodi tachicardici (io in genere continuo a svolgere le mie normali mansioni), se dovrei fare accertamenti specifici diversi dal normale controllo cardiologico..Aggiungo che in famiglia abbiamo ereditarietà per le patologie cardiache e diversi casi di infarto.
In attesa di un vostro gentile riscontro porgo cordiali saluti
Risposta del 12 marzo 2013

Risposta di ALBERTO TITTOBELLO


Gli episodi sembrano essere quelli chiamati " tachicardia parossistica ". Non sono pericolosi, ma se sono troppo frequenti, il cuore è sottoposto a un lavoro molto maggiore. Quando compaiono, non bisogna aspettare che si risolvano da soli, ma è necessario rivolgersi a un Pronto Soccorso dove, con certe manovre e con la somministrazione in vena di un farmaco antiaritmico, si provvede a ripristinare il ritmo normale. Ma soprattutto è opportuno prevenirli, cosa che può fare solo un cardiologo da cui lei già dovrebbe essere in cura.


Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)

Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Cuore circolazione e malattie del sangue



Potrebbe interessarti
Il sesso non mette a rischio il cuore
Cuore circolazione e malattie del sangue
20 novembre 2017
News
Il sesso non mette a rischio il cuore
Un matrimonio felice protegge il cuore degli uomini
Cuore circolazione e malattie del sangue
31 ottobre 2017
News
Un matrimonio felice protegge il cuore degli uomini
L’attività fisica è la migliore assicurazione per la salute
Cuore circolazione e malattie del sangue
24 ottobre 2017
News
L’attività fisica è la migliore assicurazione per la salute