28/10/04  - Terapie aggiuntive - Mente e cervello

28 ottobre 2004

Terapie aggiuntive





Domanda del 28 ottobre 2004

Domanda: Terapie aggiuntive


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 28 ottobre 2004.

Salve, sono Gino di Frosinone.
Vi spiego in breve il motivo che mi ha spinto ad inviarVi la presente.
Sono il papà di una splendia bambina di 5 anni affetta da "TETRAPARESI SPASTICA". Arianna, mia figlia appunto, è normalissima sotto l'aspetto intelletivo e dell'apprendimento, frequenta regolarmente la scuola ed è ben inserita, ha però problemi motori, causati soprattutto dalla spasticità muscolare e dal precario senso dell'equilibrio. La bambina da sempre effettua fisioterapia tutti i giorni, ed è seguita attualmente presso il "centro disabilità" della U.S.L. di Bologna per quanto concerne appunto la parte motoria. Ed eccomi al motivo di questa lettera, io e mia moglie spesso ci chiediamo se quello che stiamo facendo sia il massimo che si possa fare (credo che succeda a tutti i genitori con problemi simili ai nostri), abbiamo sempre il dubbio che ci possano essere delle novità tecnologiche o curative che potrebbero fare al caso di nostra figlia ma che magari non ne siamo a conoscenza, ecc. ecc., ecco quello che vorrei sapere è qual'è, se esiste, il centro o la persona, in Italia, più all'avanguardia e maggiormente specializzato per la patologia di mia figlia, o eventualmente anche all'estero.
Spero di essere stato abbastanza conciso e di essermi espresso bene per far capire di cosa abbiamo bisogno e soprattutto se è questa la sede giusta per chiedere questo tipo di informazioni. vi ringrazio infinitamente per l'attenzione che presterete alla presente e spero di ricevere quanto prima notizie. Le notizie che riporto nella scheda seguente sono naturalmente riferite a mia figlia.
Distinti saluti
Gino




Risposta del 02 dicembre 2004

Risposta di CLAUDIO CRISCI


La tetraparesi spastica è ben conosciuta come situazione patologica. Anche la causa della patologia di sua figlia probabilmente è già nota. Se è solo l'aspetto motorio compromesso, dovrebbe essere possibile agire sull'ipertono muscolare con sistemi un pò più energici che la sola fisoterapia: Per esempio: farmaci miorilassanti; iniezioni di tossina botulinica nei muscoli più spastici; impianto di pompa intratecale al baclofene. Un neurologo o un fisiatra o un ortopedico infantile potranno senz'altro spiegarle meglio queste opzioni.

Dott. Claudio Crisci
Casa di cura convenzionata
NAPOLI (NA)



Il profilo di CLAUDIO CRISCI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio