10/01/05  - Vasculite linfocitaria - Pelle

10 gennaio 2005

Vasculite linfocitaria




Domanda del 10 gennaio 2005

Domanda


Buongiorno, volevo esporre il mio caso, in quanto mi desta preoccupazioni, ed ormai sto andando avanti ormai da mesi senza però vedere una fine. Dunque: I primi di novembre 2004 mi appaiono delle macchie sulla pelle, intorno al collo. In pochi giorni queste macchie si espandono sugli arti, formano delle lesioni tipo bruciatura da sigaretta. Iniziano controlli ed esami tutto ok, emocromo, feci, urine, vas, tas, sottopopolazioni linfocitarie, cd3, cd4 ecc. ecc. unica cosa la presenza di batteri dell'helicobacter. Dalla biopsia effettuata, risulta essere una vasculite linfocitaria, con minuti stravasi emorragici. Risposta del dermatologo: la cosa dovrebbe dipendere dall'uso di qualche farmaco, ma visto che non ho fatto uso di farmaci, si è pensato a qualche alimento. Fatto il rast alimentare risultato nessun alimento in eccesso di intolleranza, qualche piccola intolleranza per arancie, pesce, noci. Dopo la biopsia, a metà dicembre inizio la cura con cortisone (MEDROL), le macchie sulla pelle sembrano sparire quasi del tutto, ma finita la cura, riappaiono, quindi vengo rimesso in cura di cortisone. attualmente sotto cura, le macchie non spariscono, ma vanno e vengono un po' come vogliono, il che non mi fa vedere ancora una fine. Come se non batasse, ci sono alre cose che non riesco a capire se siano collegate o meno alla patologia: Ogni tanto (una due volte per settimana) sudori notturni molto forti, con la necessità del cambio di lenzuola, e indumenti. Vene varicose: ne ho sempre avuto una da molti anni, ma in queto peiodo mi sono accorto che sono aumentate, e una gamba mi crea dolori (qui forse potrebbe rientrare anche il fattore psicologico, vista la mia elevata preoccupazione). Attualmente sono in attesa di visita per eco-doppler. I pensieri poi, purtroppo corrono, e si pensa sempre a cose peggiori, ad esempio, mi viene il dubbio che di tutto questo possa essere responsabile un periodo di 3 anni passato nei balcani per volotariato, e che il tutto si possa ricollegare al pubblicizzato "uranio impoverito" di cui se ne è parlato molto qualche anno fa. Al di là di quelle che possano esere le cause, non capisco come devo comportarmi, se attendere che le macchie se ne vadano come sono venute (consiglio del dermatologo), oppure andare alla ricerca di quelle che possono essere le cause. Vi ringrazio per la disponibilità Cordiali saluti.
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Pelle



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Patologie



Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Perché sudiamo? Cause e rimedi
Pelle
18 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Perché sudiamo? Cause e rimedi
Come avere una pelle liscia e morbida senza peli superflui
Pelle
17 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Come avere una pelle liscia e morbida senza peli superflui
Meduse: le strategie giuste se si viene colpiti
Pelle
10 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Meduse: le strategie giuste se si viene colpiti