21/04/10  - Vena safena - Chirurgia estetica

21 aprile 2010

Vena safena




Domanda del 21 aprile 2010

Domanda


Salve,
qualche settima fa ho scritto chiedendo consiglio per sospetta vena safena. Il dottore specialista, eseguendo l'eco-doppler, ha riscontrato sulla coscia sinistra una vena di 3 mm collegata alla safena, che potrebbe peggiorare col passare del tempo, dal momento che in futuro vorrò avere un bambino.
Mi ha consigliato di asportarla chirugicamente, facendo l'epidurale, può essere estratta. La mia perplessità consiste nel fatto che per asportarla, occorre fare dei piccoli tagli sulla coscia.
Le chiedo se c'è una tecnica meno invasiva, che potrebbe non lasciare delle brutte cicatrici?!se si, quale e a chi rivolgermi?
Grazie della sua disponibilità
Cordiali saluti
Risposta del 26 aprile 2010

Risposta di LUCIO PISCITELLI


Difficile esprimere una valutazione a distanza senza conoscere il quadro clinico e la sede precisa della "vena di 3 mm collegata alla Safena".
Probabilmente Le è stato proposto un intervento di flebectomia alla Muller.
Se di questo si tratta e se eseguito da mani esperte il danno estetico è minimo.
Una alternativa potrebbe essere la scleroterapia, ma è impossibile valutare a distanza, per i motivi su indicati, se vi sia indicazione per questa soluzione terapeutica.



a href="/Lucio_Piscitelli?esp=2237" Dott. Lucio Piscitelli /a
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
Napoli (NA)




Il profilo di LUCIO PISCITELLI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Chirurgia estetica



Potrebbe interessarti
Ustioni
Chirurgia estetica
29 agosto 2017
Patologie
Ustioni
Labbra rifatte: ecco come preservare l'aspetto naturale
Chirurgia estetica
26 aprile 2017
Notizie e aggiornamenti
Labbra rifatte: ecco come preservare l'aspetto naturale
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”
Chirurgia estetica
18 marzo 2016
Notizie e aggiornamenti
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”