05/12/04  - X la dottoressa D'Ambrosio - Mente e cervello

05 dicembre 2004

X la dottoressa D'Ambrosio





Domanda del 05 dicembre 2004

Domanda: X la dottoressa D'Ambrosio


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 05 dicembre 2004.

Buonasera dottoressa sono quella ragazza che poco tempo le scrisse "una ferita che non riesco a chiudere" Spero tanto che lei possa rispondermi ancora. Sono ancora triste purtroppo...il tempo sta passando ma dentro di me non è cambiato molto. Sto cercando di convincermi che non è possibile..che non posso permettere a me stessa di pensarci ancora ma è ancora difficile.Sento sempre più forte la convinzione che questo stato d'animo dipenda dal non aver sfogato nessuna rabbia su di lui ed essermi tenuta tutto dentro. Questo silenzio..pesa,pesa ancora...che devo fare.. Ho dato via un pezzo di me ad una persona e ora non so che fa, cosa pensa,a chi sta sorridendo,cosa avrà fatto di quella lettera,della mia foto.. Cosa ho lascitato di me..questa la cosa che più mi fa male.. Gli chiederei "Ma come stai..come stai?perchè sei sparito così?"..ma non posso più niente...non posso più sapere niente di lui. E lui esiste..lui lontano da me esiste..penserà,riderà,soffrirà.. è un ragazzo,lo so. Cosa devo fare per smettere di soffrire così...forse dovrei dirglielo.Forse è l'unico modo. L'orgoglio,il tempo che è passato, forse ora ha una relazione...eppure io sto così. Non so più se in questo silenzio io stia pensando a me stessa..o se l'unico modo per farlo è sfogarmi, smetterla di farmi male da sola credendo d'aver lasciato qualcosa e che prima o poi ripenserà a ciò che non è stato. ho paura di questa mia sensibilità e di questa idea..perchè tra poco sarà natale,quante volte ho pensato di dirgli qualcosa che potesse colpirlo..ma non posso più regalare parole,e penseri di me.Eppure sono qui che scrivo..a chiedere un consiglio dopo aver pianto a lungo. Perchè ancora mi sento ferita..e non so so che darei per poter essere libera di cercarlo. Risentire la sua voce..per salutarlo e chiedergli perchè.Distinti saluti.
Risposta del 08 dicembre 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Cara amica,
non è passato così tanto tempo, eppure a lei sembra tanto. Certo che le rispondo, ma ancora credo che sarebbe meglio che trovasse qualcuno di competente e di meno … virtuale per confidarsi.
Al ragazzo ha già scrito una lettera e non ha ricevuto risposta, dovrebbe bastare così, anche per una questione di dignità.
L’ha caricato dei suoi sogni, ma lui non era la valigia adatta, mi creda. Si rassegni al fatto di aver sbagliato, carissima, e faccia i passi giusti per non avvolgere mai più nessuno con simili pretese di guarigione totale della sua vita. Questo è il suo vero problema, e sono certa che con la sua sensibilità non sarà un percorso lungo trovare la strada.
Un forte abbraccio. Mi riscriva quando vuole, ma agisca anche.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio