Piano nazionale prevenzione vaccinale 2017-2019: tutte le novità

13 febbraio 2017

Piano nazionale prevenzione vaccinale 2017-2019: tutte le novità



Piano nazionale prevenzione vaccinale 2017-2019: tutte le novità


Il 2017 si apre con il via libera della Conferenza Stato-Regioni al nuovo Piano nazionale prevenzione vaccinale (Pnpv) 2017-2019, realizzato in collaborazione con le numerose istituzioni che in Italia si occupano di strategie vaccinali.
Sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il prossimo 18 febbraio e sarà subito operativo.

«L'emanazione di raccomandazioni nazionali, non calate dall'alto, bensì fortemente condivise sul piano tecnico e politico con le Regioni e Province Autonome, nel rispetto della loro legittima autonomia, rappresenta una garanzia di equità di accesso a prestazioni di uguale qualità su tutto il territorio nazionale e per tutti i cittadini» dice Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, in un documento pubblicato sul sito ufficiale del ministero dove è possibile anche scaricare il Pnpv 2017-2019 completo.

Diverse priorità e un approccio a 360 gradi al problema

Definire una strategia di prevenzione vaccinale non è certo semplice e per questa ragione è fondamentale stabilire le priorità di un percorso lungo e complesso. Eccone alcune ritenute particolarmente importanti nel nuovo Pnpv:

1. Mantenere lo stato Polio-free
2. Perseguire gli obiettivi del Piano nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita (Pnemorc) e rafforzare le azioni per l'eliminazione.
3. Garantire l'offerta attiva e gratuita delle vaccinazioni, l'accesso ai servizi e la disponibilità dei vaccini
4. Prevedere azioni per i gruppi di popolazione difficilmente raggiungibili e con bassa copertura vaccinale (HtRGroups)
5. Elaborare un Piano di comunicazione istituzionale sulle vaccinazioni.

«Perché la strategia vaccinale abbia successo è necessario aumentare la consapevolezza dell'importanza delle vaccinazioni sia per il singolo sia per l'intera comunità e questo obiettivo può essere raggiunto solo con interventi formativi mirati che coinvolgano gli studenti nelle scuole, ma anche i medici e gli operatori sanitari» spiegano gli esperti, che sottolineano anche l'importanza della comunicazione medico-paziente su un tema tanto delicato.

Vaccinazioni gratuite

Tutte le vaccinazioni contenute nel Calendario vaccinale 2017-2019 sono state inserite nel decreto che definisce i nuovi Lea, i Livelli essenziali di assistenza, che i cittadini hanno il diritto di ricevere gratuitamente. E il nuovo Pnpv, oltre alle vecchie vaccinazioni aggiunge anche quelle anti-meningococco B, anti-rotavirus e anti-varicella nei nuovi nati, amplia la vaccinazione anti-Hpv ai maschi undicenni, introduce la vaccinazione antimeningococcica tetravalente Acwy135 e il richiamo anti-polio negli adolescenti. Si aggiungono inoltre le vaccinazioni anti-pneumococco e anti-Herpes zoster nei sessantacinquenni.

Discorso a parte le vaccinazioni obbligatorie in Italia, anch'esse gratuite, che non vengono toccate da questo calendario vaccinale e riguardano poliomielite, difterite, tetano ed epatite B.

Vediamo tutti gli appuntamenti raccomandati, e quindi gratuiti, del Calendario vaccinale (in grassetto sono indicate le novità rispetto ai piani vaccinali precedenti) per queste fasce d'età: primo anno, secondo anni, infanzia (5-6 anni), adolescenza (11-18 anni), età adulta (19-64 anni), donne in età fertile, adulti dai 65 anni in su.

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE IL CALENDARIO VACCINALE

 




Cerca notizie e approfondimenti in:


Tag: Malattie infettive

L'esperto risponde
Potrebbe interessarti