PRONTUARIO DEI FARMACI



GLADIO*100MG OS 30BUST.


NOME COMMERCIALE    GLADIO*100MG OS 30BUST.

AZIENDA    Abiogen Pharma S.p.A.

CLASSE       A

RICETTA    RR - medicinale soggetto a prescrizione medica

ATC    M01AB16
Aceclofenac

PRINCIPIO ATTIVO    aceclofenac (FU)

NOTA    66

GRUPPO TERAP.    Analgesici FANS

TIPOLOGIA    Aceclofenac

VALIDITA'    48 mesi

TEMP. CONS.    nessuna temperatura


INDICAZIONI TERAPEUTICHE

trattamento di malattie osteoarticolari croniche quali: osteoartrosi, artrite reumatoide, spondilite anchilosante, e di reumatismi extrarticolari quali: periartriti, tendiniti, borsiti, entesiti. Trattamento degli stati dolorosi acuti di differente eziologia quali: sciatalgie, lombalgie, mialgie, dismenorrea primaria, dolore conseguente a traumi di varia natura e odontalgia

POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE

Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della più bassa dose efficace per la più breve durata possibile di trattamento che occorre per controllare i sintomi (vedere paragrafo 4.4)<br/>Adulti<br/>Compresse rivestite <br/>La dose giornaliera raccomandata è di 2 compresse (200 mg/die), 1 compressa ogni 12 ore.<br/>Le compresse vanno ingerite con un sufficiente quantitativo di acqua.<br/>Polvere per sospensione orale<br/>La dose giornaliera è di 2 bustine al giorno (200 mg/die), 1 bustina ogni 12 ore. La polvere deve essere sciolta in 40-60 ml di acqua e ingerita immediatamente.<br/>Sia le compresse rivestite che la polvere per sospensione orale vanno assunte preferibilmente durante i pasti.<br/>Bambini<br/>Attualmente non sono disponibili dati clinici sull'uso del farmaco in pediatria, pertanto se ne sconsiglia la somministrazione.<br/>Anziani<br/>Nei pazienti anziani il profilo farmacocinetico di aceclofenac non risulta modificato, pertanto non si ritiene necessario modificare la posologia.<br/>Tuttavia, come per altri FANS, dovrebbe essere posta particolare cautela nel trattamento di pazienti anziani con compromessa funzionalità renale, epatica, con disfunzioni cardiovascolari o sottoposti contemporaneamente ad altri trattamenti farmacologici.<br/>Pazienti affetti da lieve insufficienza renale<br/>Come per altri FANS, il farmaco deve essere somministrato con cautela anche se non sono emerse evidenze cliniche tali da indurre una riduzione della dose.<br/>Pazienti affetti da insufficienza epatica<br/>In pazienti con insufficienza epatica è consigliabile ridurre la dose iniziale a 100 mg/die.<br/>