Senza zucchero per controllare la pressione

28 maggio 2010

Senza zucchero per controllare la pressione



La riduzione del consumo di bevande dolci e cibi a base di zucchero può rappresentare una mossa importante in ogni strategia alimentare indirizzata all'abbassamento della pressione. A sostenerlo uno studio pubblicato sull'autorevole rivista scientifica Circulation: i ricercatori, guidati da Liwei Chen della Louisiana State University Health Science Center-School of Public Health, hanno selezionato un campione di 810 adulti di età compresa tra i 25 e i 79 anni, affetti da ipertensione lieve e consumatori di bevande zuccherate (in media 300 grammi al giorno, pari all'incirca a un bicchiere). È bastato che queste persone rinunciassero a mezzo bicchiere al giorno perché in 18 mesi la loro pressione si abbassasse in media di 1,8 millimetri di mercurio (mm/Hg). Al contrario, una riduzione del consumo di bevande dietetiche o a base di caffeina non ha dato alcun risultato in termini di riduzione pressoria, il che ha indotto il team di ricerca a ritenere che sia lo zucchero contenuto negli alimenti il fattore chiave. Gli autori ricordano che le stime dicono che una riduzione di 3 millimetri della pressione sistolica del sangue può causare una riduzione della mortalità per ictus dell'8% e per malattie coronariche del 5%.

Circulation; 24 maggio 2010



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico


Potrebbe interessarti
Arresto cardiaco: arrivano i droni per salvare le vite
Cuore circolazione e malattie del sangue
26 giugno 2017
Focus
Arresto cardiaco: arrivano i droni per salvare le vite
L'esperto risponde