Pochi carboidrati ed esercizio al momento giusto per controllare la glicemia

02 gennaio 2017

Pochi carboidrati ed esercizio al momento giusto per controllare la glicemia



Pochi carboidrati ed esercizio al momento giusto per controllare la glicemia


Limitando i carboidrati durante i pasti potrebbe essere la strategia vincente per le donne che vogliono tenere sotto controllo i propri livelli di glicemia e ridurre la resistenza all'insulina, due caratteristiche tipiche di chi soffre di diabete di tipo 2.

«Bastano pochi e piccoli cambiamenti nelle abitudini quotidiane per ottenere grandi risultati in questo senso» esordisce Katarina Borer, professore alla University of Michigan's School of Kinesiology e autrice dello studio da poco pubblicato sulla rivista PLoS One. Anche l'esercizio fisico ha un ruolo nel modificare le risposte insuliniche e i livelli di glicemia, come dimostrano Borer e colleghi che nello studio hanno coinvolto 32 donne sane in post-menopausa di età compresa tra 50 e 65 anni suddividendole in 4 gruppi.

«Le partecipanti, che non mostravano segni di diabete o pre-diabete, hanno consumato tre pasti in laboratorio con composizioni differenti di macronutrienti a seconda del gruppo di studio» continuano gli autori, spiegano che le donne coinvolte nello studio hanno consumato pasti a basso o alto contenuto di carboidrati, preceduti o meno da due ore di esercizio fisico da moderato a intenso.

«Nei gruppi "low carb" i carboidrati rappresentavano il 30 per cento delle calorie del pasto, mentre negli altri gruppi rappresentavano il 60 per cento» dice Borer, ricordando che le attuali linee guida raccomandano un contenuto di carboidrati pari al 45-65 per cento delle calorie totali. Dallo studio emerge però che solo riducendo i carboidrati si hanno cambiamenti importanti nei livelli di glicemia dopo i pasti e di riduzione della resistenza all'insulina, con riduzioni che si attestano attorno al 30 per cento.

E per quanto riguarda l'esercizio fisico, sembra proprio che sia meglio evitare di allenarsi prima di consumare un pasto ricco di carboidrati se si vogliono tenere bassi i livelli di glicemia e di resistenza all'insulina. «Ridurre il contenuto di carboidrati a tavola non dovrebbe essere difficile per gli americani che ne consumano moltissimi nei fast food e sotto forma di dessert» commenta Samantha Heller nutrizionista clinica al Nyu langone medical center in New York City che poi conclude: «Per quanto riguarda l'esercizio, invece, mi sento di dire che dovrebbe sempre essere incoraggiato e in linea generale potrebbe essere corretto anche allenarsi prima di un pasto. L'importante è muoversi».



Cerca notizie e approfondimenti in:


Tag: Diabete tiroide e ghiandole

L'esperto risponde
Potrebbe interessarti
Tumore della tiroide: il punto di vista dei pazienti
Diabete tiroide e ghiandole
13 aprile 2017
Interviste
Tumore della tiroide: il punto di vista dei pazienti
150 milligrammi: il film sulla pneumologa paladina dei malati
Diabete tiroide e ghiandole
07 febbraio 2017
News
150 milligrammi: il film sulla pneumologa paladina dei malati