La vaccinazione in gravidanza protegge i bimbi dalla pertosse

03 maggio 2017
News

La vaccinazione in gravidanza protegge i bimbi dalla pertosse



Con la vaccinazione effettuata preferibilmente tra le settimane 27 e 36, le mamme possono trasferire al bimbo uno scudo protettivo contro la pertosse, che nei primi mesi di vita può rivelarsi particolarmente pericolosa.

«Le infezioni da Bordetella pertussis, il batterio responsabile della malattia, sono aumentate negli ultimi anni per una serie di ragioni tra le quali anche la differenza tra il nuovo vaccino "acellulare" e quello precedente» spiega Nicola Klein direttore del Kaiser Permanente vaccine study center, negli Stati Uniti, e coordinatore di uno studio sull'argomento pubblicato sulla rivista Pediatrics.

Per valutare l'impatto della vaccinazione in gravidanza delle future mamme sulla protezione dei neonati contro la pertosse, i ricercatori hanno incluso nella loro ricerca circa 149mila bambini nati in California tra il 2006 e il 2015. «In questo arco di tempo le percentuali di vaccinazione delle mamme in gravidanza sono passate dall'1 per cento del 2006 all'87 per cento del 2015» precisa Klein, ricordando che dal 2013 le autorità sanitarie statunitensi raccomandano la vaccinazione Tdap (tetano-difterite-pertosse acellulare) a tutte le donne gravide, indipendentemente dal fatto che le future mamme si fossero già vaccinate in precedenza.

I numeri parlano chiaro. La vaccinazione in gravidanza riduce del 91 per cento il rischio che il neonato contragga la pertosse nei primi due mesi di vita, quando è ancora troppo piccolo per essere a sua volta vaccinato. «L'effetto protettivo dura per tutto il primo anno di vita del bambino anche se la percentuale scende al 69 per cento» dicono gli autori, osservando che anche dopo la vaccinazione del bambino si osserva un effetto protettivo residuo che deriva dagli anticorpi che la mamma vaccinata ha passato al piccolo. «Questi dati sono a sostegno della raccomandazione di vaccinarsi in gravidanza e dimostrano che la vaccinazione della futura mamma durante l'attesa è più efficace della vaccinazione post partum delle persone che saranno più a stretto contatto con il piccolo» conclude Klein.

Fonte: Pediatrics 2017. doi: 10.1542/peds.2016-4091


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Calcolo dei percentili di crescita


Potrebbe interessarti
L'esperto risponde