Diabete di tipo 2: occhio allo zucchero, ma anche al sale

22 settembre 2017

Diabete di tipo 2: occhio allo zucchero, ma anche al sale



Quando si parla di cibi che possono aumentare il rischio di diabete si pensa immediatamente ai dolci e agli alimenti ricchi di zucchero, ma uno studio recentemente presentato al congresso annuale della European association for the study of diabetes (Easd) spiega che anche il sale potrebbe essere pericoloso.

Durante il congresso svoltosi a Lisbona (Portogallo), i ricercatori guidati da Bahareh Rasouli dell'Istituto di medicina ambientale al Karolinska institutet di Stoccolma hanno infatti sottolineato come un aumento del consumo di sale sia associato a un maggior rischio di sviluppare diabete negli adulti. «In base alle nostre analisi, per ogni aumento di 2,5 grammi di sale - poco meno di mezzo cucchiaino da caffè - il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 aumenta del 65 per cento circa» spiega Rasouliprecisando che per le persone con il livello di consumo di sale più elevato (circa 1,25 cucchiai da caffè o oltre) la probabilità di sviluppare la patologia era del 72 per cento più alta rispetto a chi ne consumava meno.

«Gli studi attuali sul diabete di tipo 2 difficilmente valutano l'associazione tra consumo di sale e patologia, ma il sale potrebbe in effetti influenzare il rischio attraverso diversi meccanismi» aggiungono gli autori. Tra gli effetti negativi sulla salute dell'eccessivo consumo di sale si possono citare per esempio una diminuzione della sensibilità all'insulina, caratteristica tipica del diabete, oppure l'aumento di peso che a sua volta si associa al rischio di diabete di tipo 2.

«Il consumo elevato di sale è risultato associato anche a un aumento significativo del rischio di diabete autoimmune latente, una forma di diabete di tipo 1 che si sviluppa molto lentamente e si manifesta negli adulti» concludono gli autori, ricordando che, se confermati da altre ricerche, questi risultati potrebbero essere la base per strategie di prevenzione del diabete di tipo 2.

Fonte: European association for the study of diabetes (EASD)


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Olio di oliva, aiuto prezioso nella prevenzione del diabete di tipo 2
Diabete tiroide e ghiandole
02 ottobre 2017
Interviste
Olio di oliva, aiuto prezioso nella prevenzione del diabete di tipo 2
Tumore della tiroide: il punto di vista dei pazienti
Diabete tiroide e ghiandole
13 aprile 2017
Interviste
Tumore della tiroide: il punto di vista dei pazienti