Gravidanza a rischio se i chili della futura mamma sono troppi o troppo pochi

24 dicembre 2017
News

Gravidanza a rischio se i chili della futura mamma sono troppi o troppo pochi



Quando si tratta di gravidanza, un peso nella norma rappresenta per la futura mamma una sorta di assicurazione per la salute che si estende anche al nascituro. Lo dicono dalle pagine della rivista Jama i ricercatori guidati da Sarka Lisonkova del dipartimento di ostetricia e ginecologia alla University of British Columbia e del Children's and women's health centre di Vancouver, in Canada.
«Un indice di massa corporea (imc) elevato si associa a possibili complicazioni nella gravidanza, ma i dettagli di questo legame non sono noti» esordisce l'esperta ricordando che l'indice di massa corporea, calcolato in base al peso e all'altezza, permette di identificare diverse categorie: obesità, sovrappeso, peso nella norma e sottopeso.

Variazioni di peso

Per capire meglio il rapporto tra tali categorie e gli esiti della gravidanza, Lisonkova e colleghi hanno coinvolto nella loro ricerca poco meno di 745.000 donne che hanno partorito tra il 2004 e il 2013 recuperando dalle cartelle cliniche i dati relativi al peso delle partecipanti e agli eventuali problemi della gravidanza. Prima della gravidanza, circa il 3 per cento delle donne incluse nello studio era sottopeso, il 48 aveva un peso nella norma, il 26 per cento era sovrappeso e il 13 per cento rientrava nella definizione di obesità in base all'indice di massa corporea. A conti fatti, la ricerca ha mostrato che maggiore è il peso delle neomamme all'inizio della gravidanza, maggiore è il rischio di andare incontro a gravi problemi di salute nei 9 di attesa. Stesso discorso anche per le donne in sottopeso. «I dati di questo studio sono importanti soprattutto perché un numero sempre maggiore di donne inizia la gravidanza in condizioni di sovrappeso o di obesità aumentando il rischio di complicazioni come le trombo-embolie, ovvero la formazione di pericolosi coaguli» spiega Aaron Caughey, che dirige il dipartimento di ostetricia e ginecologia alla Oregon health and science university di Portland che poi conclude: «E se all'inizio della gravidanza il peso non è quello ideale è importante ricordare che non è mai troppo tardi per "rientrare nella norma"».

JAMA. 2017;318(18):1777-1786. doi:10.1001/jama.2017.16191



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Calcolo dei percentili di crescita
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Salute femminile
19 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Festa della donna all’insegna della salute ginecologica
Salute femminile
06 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Festa della donna all’insegna della salute ginecologica
Automedicazione per i disturbi ‘in rosa’
Salute femminile
23 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Automedicazione per i disturbi ‘in rosa’
L'esperto risponde