I perché della pelle secca

12 gennaio 2018
News

I perché della pelle secca



Avete una pelle con grana fine e delicata, colorito chiaro, con tendenza a screpolature e arrossamenti e con la sensazione frequente di un'epidermide che 'tira'? Allora potete di avere una cute denominata generalmente "secca",  intesa come epidermide con carenze di lipidi e, di conseguenza, insufficiente presenza d'acqua. Non a caso al tatto questo tipo di pelle si presenta fredda e ruvida. I lipidi cutanei sono costituiti al 95 per cento dai grassi che, unendosi all'acqua proveniente dalle ghiandole sudoripare, formano sulla superficie cutanea il film idrolipidico mentre il 5 per cento è dato dai lipidi epidermici che hanno il compito di consentire la coesione dell'epidermide e trattenere l'acqua all'interno dell'organismo, per garantire la funzione di barriera allo strato corneo. Una pelle secca può anche essere spesso disidratata, fragile, irritabile e facilmente aggredibile dagli agenti esterni. Può anche essere accompagnata da altri inestetismi come couperose, estrema sensibilità e reattività. Inoltre, se non curata, la pelle secca invecchia precocemente. L'origine di questa tipologia di cute può essere costituzionale, genetica ma anche occasionale (per esempio in seguito a una dermatosi) o svilupparsi a causa di patologie (come dermatite atopica, diabete, ipotiroidismo). Anche una pelle grassa può diventare secca a causa, per esempio, di trattamenti cosmetici aggressivi e delipizzanti oppure se la persona utilizza detergenti troppo 'sgrassanti'. La carenza di lipidi nella pelle secca può essere dovuta anche a variazioni ormonali causate dalla menopausa. L'abbassamento degli ormoni estrogeni, tipica di questa fase della vita delle donne, infatti, crea fenomeni di secchezza, assottigliamento e rilassamento cutaneo; fenomeni che producono nella pelle le rughe profonde. Sono infatti gli estrogeni che conferiscono alla cute elasticità e turgore perché agiscono sugli strati profondi dell'epidermide ricchi di collagene ed elastina, oltre che di vasi capillari. La pelle secca, quindi, è molto diffusa dopo la menopausa e può presentarsi anche in donne che, fino a quel momento, avevano avuto tipologie cutanee diverse.

 

Detersione e trattamento viso/corpo

Per ripristinare l'equilibrio idrolipidico e apportare alla pelle secca ceramidi, acidi grassi, fosfolipidi oltre che contrastare l'invecchiamento precoce. Bisogna agire su detersione e trattamento dermocosmetico.
In tema di detersione del viso va detto che, se avete la pelle secca, è meglio che utilizziate detergenti che siano, nel contempo, idratanti e lenitivi. Nei momenti di particolare secchezza va utilizzata una maschera nutriente/idratante (anche 1 volta al giorno) mentre 1 volta al mese è possibile sottoporsi a un trattamento esfoliante ma delicato. Per quanto riguarda i trattamenti bisogna sottolineare che su una pelle secca al mattino va stesa una Crema nutriente e idratante, da scegliere più o meno ricca, in base alla stagione e all'età. La sera è consigliabile una Crema nutriente, idratante e antirughe. Se poi sentite proprio l'epidermide 'tirare' significa che il grado di secchezza è elevato e quindi è meglio utilizzare un dermocosmetico in forma oleosa.
Per la detersione di un corpo con pelle secca sono consigliati prodotti delicati e nutrienti. In presenza di desquamazione è ideale impiegare un olio a risciacquo ed esfoliare 1 volta la settimana. I trattamenti corpo possono essere fatti con olio idratante, latte o crema ma tutti i prodotti devono avere caratteristiche lenitive e riparatrici. Se la pelle dei vostri piedi è particolarmente secca e soggetta ad arrossamenti e fessurazioni dovete utilizzare una crema specifica da far assorbire, in particolare, nelle zone critiche.

 

Altri suggerimenti utili

Se avete la pelle secca ci sono poi alcuni suggerimenti preziosi che possono aiutarvi a mantenerla fresca, morbida e in salute:
- Usate un make up ricco ma non occlusivo
- Utilizzate una Crema antietà anche se siete giovani
- Scegliete sempre prodotti solari con fattore di protezione alto
- Seguite un'alimentazione che contenga il giusto apporto di grassi
- Scegliete sempre creme ricche poco fluide
- Utilizzate dermocosmetici contenenti filtri UV anche nei periodi invernali
- Non usate prodotti contenenti alcool
- Non indossate vestiti in fibra sintetica.

 

Elisa Da Vinci



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Fotoprotezione: istruzioni per l’uso
Pelle
17 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Fotoprotezione: istruzioni per l’uso
Fotoprotezione: consigli per le pelli più delicate e per i capelli
Pelle
12 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Fotoprotezione: consigli per le pelli più delicate e per i capelli
Psoriasi, chiedi al tuo dermatologo
Pelle
31 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Psoriasi, chiedi al tuo dermatologo
L'esperto risponde