Cobaforte 2,5 mg 20 capsule rigide

Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2018
Farmaci - Cobaforte

Cobaforte 2,5 mg 20 capsule rigide




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

SF Group s.r.l.

MARCHIO

Cobaforte

CONFEZIONE

2,5 mg 20 capsule rigide

ALTRE CONFEZIONI DI COBAFORTE DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
cobamamide

FORMA FARMACEUTICA
capsula

GRUPPO TERAPEUTICO
Antianemici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale non soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
60 mesi

PREZZO
DISCR.


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Cobaforte 2,5 mg 20 capsule rigide

Stati carenziali di Vitamina B12 nelle diverse forme cliniche che coinvolgono il sistema emopoietico ed il sistema nervoso.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Cobaforte 2,5 mg 20 capsule rigide

Ipersensibilità già nota verso il farmaco o verso altre forme di Vitamina B12.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Cobaforte 2,5 mg 20 capsule rigide

Avvertenze

I prodotti contenenti vitamina B12 non dovrebbero essere somministrati a soggetti anemici se non sulla base di indagini volte a stabilire l'esatta natura dell'anemia.

Una somministrazione non mirata del prodotto può condurre ad errori diagnostici.

Il trattamento degli stati anemici va condotto sotto controllo ematologico.

Il prodotto in fiale deve essere conservato al riparo dalla luce.

Tenere il medicinale fuori della portata dei bambini.

Precauzioni

Data la particolare labilità e fotosensibilità della cobamamide, l'eventuale soluzione del prodotto in liquidi o la sua miscelazione in altri alimenti deve avvenire immediatamente prima del momento della somministrazione.

La solubilizzazione del COBAFORTE iniettabile deve essere eseguita anch'essa immediatamente prima dell'uso. 

La cobamamide è una molecola fragile che rischia di perdere una parte delle sue attività quando il pH della soluzione si allontana dai valori neutri, è pertanto meglio evitare le associazioni nella stessa siringa.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Cobaforte 2,5 mg 20 capsule rigide

Non si conoscono interazioni ed incompatibilità con altri farmaci.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Cobaforte 2,5 mg 20 capsule rigide

Cobaforte capsule 2500

Questa titolazione è indicata nella terapia dell'adolescente, dell'adulto e del vecchio e comunque nei casi in cui si richiedono posologie elevate: 1-2 capsule pro die, per 3-6 settimane.

L'involucro delle capsule si scioglie perfettamente nello stomaco. Quando si somministrano ai pazienti più piccoli, le capsule possono anche essere aperte ed il contenuto può venire mescolato all'alimento. Data la particolare labilità e fotosensibilità della cobamamide, l'eventuale soluzione del prodotto in liquidi o la sua miscelazione in altri alimenti deve avvenire immediatamente prima del momento della somministrazione.

Cobaforte Fiale 5000

Adulti: 1 fiala al giorno o a giorni alterni per via intramuscolare

Queste dosi, a giudizio del medico, possono essere aumentate.

La solubilizzazione del Cobaforte iniettabile deve essere eseguita immediatamente prima dell'uso.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Cobaforte 2,5 mg 20 capsule rigide

Non sono noti sintomi da sovradosaggio.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Cobaforte 2,5 mg 20 capsule rigide

Rare le manifestazioni allergiche, di norma di grado modesto; rarissime le eruzioni cutanee a tipo acneico.


CONSERVAZIONE



Il prodotto in fiale deve essere conservato al riparo dalla luce.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La cellulite
Cuore circolazione e malattie del sangue
04 giugno 2018
Patologie
La cellulite
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso
Cuore circolazione e malattie del sangue
16 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso