Colifoam 10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g

Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2018
Farmaci - Colifoam

Colifoam 10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Meda Pharma S.p.A.

MARCHIO

Colifoam

CONFEZIONE

10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g

PRINCIPIO ATTIVO
idrocortisone acetato

FORMA FARMACEUTICA
schiuma

GRUPPO TERAPEUTICO
Corticosteroidi

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
60 mesi

PREZZO
14,14 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Colifoam 10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g

Trattamento topico della colite ulcerosa, della proctosigmoidite, della proctite granulare.




CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Colifoam 10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Come in genere nell'uso dei cortisonici, il prodotto è controindicato nel caso di: lesioni tubercolari attive, latenti o di incerta cicatrizzazione; ulcera peptica; stati psicotici in fase acuta; herpes simplex oculare; diabete; osteoporosi; infezioni micotiche sistemiche. Il Colifoam è inoltre controindicato nel caso di ascessi "in loco"; peritoniti; perforazioni; anastomosi intestinali chirurgiche recenti; fistole.

Nella donna in stato di gravidanza e nella primissima infanzia il prodotto va somministrato nei soli casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico. La presenza di infezioni acute e croniche costituisce controindicazioni all'uso del prodotto in gravidanza.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Colifoam 10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g

Precauzioni d'impiego

Durante la terapia con Colifoam si devono osservare tutte quelle cautele che si riservano all'impiego dei corticosteroidi in genere: in particolare è necessario che la posologia sia gradualmente ridotta, prima della sospensione della terapia, dovendo tener conto della possibile insorgenza di uno stato di insufficienza corticosurrenale.

II prodotto deve essere utilizzato con cautela, evitandone l'uso nei casi più gravi, in quelle affezioni che possono essere peggiorate dall'uso di steroidi (glomerulonefrite acuta, miastenia grave, diverticoliti, tromboflebiti, ipertiroidismo, cardiopatia ischemica, ipertensione, ridotta riserva cardiaca, infezioni batteriche e/o fungine localizzate, malattie esantematiche) e nel caso di grave malattia ulcerosa a causa della loro predisposizione a perforazione della parete intestinale.

Colifoam non deve essere utilizzato nel periodo immediatamente successivo ad interventi di ileorettostomia.

II prodotto va usato a temperatura ambiente.

Non introdurre la capsula della bombola direttamente nell'ano.

Avvertenze speciali

Se non si evidenzia alcun beneficio clinico dopo due o tre settimane di terapia il trattamento va interrotto. Poiché Colifoam, una volta introdotto non viene espulso, l'assorbimento di idrocortisone per via sistemica può risultare maggiore che nelle formulazioni per clistere.

L'uso, specie se prolungato, del prodotto può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione o irritazione locale.

Avvertenze speciali per bambini

I bambini sottoposti a prolungata corticoterapia devono essere strettamente sorvegliati dal punto di vista della crescita e dello sviluppo.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Colifoam 10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g

Si ritiene che il trattamento concomitante con inibitori di CYP3A, compresi i medicinali contenenti cobicistat, possa aumentare il rischio di effetti indesiderati sistemici.

L'associazione deve essere evitata a meno che il beneficio non superi il maggior rischio di effetti indesiderati sistemici dovuti ai corticosteroidi; in questo caso è necessario monitorare i pazienti per verificare l'assenza di effetti indesiderati sistemici dovuti ai corticosteroidi.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Colifoam 10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g

Ogni erogazione è dosata a 100 mg di idrocortisone acetato.

In genere si raccomanda una applicazione al giorno, per 2-3 settimane, proseguendo poi eventualmente con una applicazione a giorni alterni, secondo il giudizio del medico.

Modo di somministrazione

  1. Agitare energicamente la bomboletta ripetutamente prima dell'uso. Tenendola in posizione verticale, inserire la bomboletta nel foro della punta dell'applicatore-dosatore.
    Assicurarsi che lo stantuffo dell'applicatore sia completamente sollevato, la bombola deve essere tenuta diritta al fine di consentire un regolare scorrimento della schiuma.
  2. Per riempire l'applicatore, premere leggermente sui lati del pulsante della bombola. Quando la schiuma avrà raggiunto il segno sull'applicatore, il prodotto è pronto all'impiego.
  3. Togliere l'applicatore della bombola e lasciare un po' di schiuma sulla punta dello stesso. Impugnando il corpo dell'applicatore, inserirne delicatamente l'estremità nell'ano.
    Quando l'applicatore sarà ben inserito, spingere lo stantuffo al fine di somministrare la schiuma; quindi togliere l'applicatore.
    Le due parti dell'applicatore devono essere separate l'una dall'altra e lavate accuratamente con acqua calda.



SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Colifoam 10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g

Un sovradosaggio di idrocortisone acetato aumenta la probabilità che si verifichino gli effetti indesiderati descritti al punto 4.8.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Colifoam 10 g/100 g schiuma rettale bombola 20,8 g

È noto che la terapia corticosteroidea, specialmente se intensa e prolungata, può provocare effetti indesiderati, quali:

  • alterazione del bilancio elettrolitico che, raramente in pazienti particolarmente predisposti, possono portare all'ipertensione e all'insufficienza cardiaca congestizia;
  • alterazioni muscolo-scheletriche, quali osteoporosi, miopatie, fragilità ossea;
  • complicazioni a carico dell'apparato gastro-intestinale, che possono arrivare fino alla comparsa o all'attivazione di ulcera peptica;
  • alterazioni cutanee quali ritardo nei processi di cicatrizzazione, assottigliamento e fragilità della cute;
  • complicazioni oftalmiche quali cataratta posteriore subcapsulare ed aumento della pressione endoculare;
  • alterazioni neurologiche quali vertigini, cefalea e aumento della pressione endocranica;
  • disendocrinie, quali irregolarità mestruali, disturbi della crescita nei bambini, aspetto simil cushingoide, interferenza con la funzionalità dell'asse ipofisi-surrene, particolarmente in momenti di stress, diminuita tollerabilità ai glucidi e possibile manifestazione di un diabete mellito latente nonché aumentata necessità di farmaci ipoglicemizzanti dei diabetici;
  • alterazioni psichiche di vario genere (euforia, mutamenti dell'umore o della personalità, depressione grave o sintomi psicotici), insonnia;
  • negativizzazione del bilancio dell'azoto.
In genere durante una terapia con corticosteroidi locali non si può escludere un certo grado di effetto sistemico; il rischio di effetti collaterali sistemici è minimo durante l'utilizzo normale di Colifoam.

L'uso, specie se prolungato, del prodotto può dare origine a irritazione locale con frequenza non comune.


CONSERVAZIONE



Conservare a temperatura non superiore ai 25°C; non tenere la bombola in frigorifero, né vicino a sorgenti di calore, né in luogo esposto alla luce solare diretta. Non perforare, né bruciare neppure le bombole esaurite. Non spruzzare su fiamme libere o corpi incandescenti.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
I piselli freschi, a metà tra legumi e verdura
Alimentazione
22 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
I piselli freschi, a metà tra legumi e verdura
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Alimentazione
20 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Zenzero: le controindicazioni
Alimentazione
19 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Zenzero: le controindicazioni
L'esperto risponde