Dicynone 250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml

Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2018
Farmaci - Dicynone

Dicynone 250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Vifor Pharma Italia s.r.l.

MARCHIO

Dicynone

CONFEZIONE

250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml

ALTRE CONFEZIONI DI DICYNONE DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
etamsilato

FORMA FARMACEUTICA
soluzione (uso interno)

GRUPPO TERAPEUTICO
Antiemorragici vitamina K

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
60 mesi

PREZZO
15,23 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Dicynone 250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml

Dicynone 250 mg/2 ml soluzione iniettabile è indicato negli adulti e nei bambini in caso di stati di fragilità capillare.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Dicynone 250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml

  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo (qui non riportato) 6.1
  • Porfiria acuta
  • Asma bronchiale



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Dicynone 250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml

L'eventuale impiego di succedanei plasmatici ad alto peso molecolare può essere effettuato dopo e non prima della somministrazione dell'etamsilato.

Dicynone 250 mg/2 ml soluzione iniettabile contiene solfito monosodico, che raramente può causare gravi reazioni di ipersensibilità e broncospasmo. Le reazioni allergiche possono evolvere fino allo shock anafilattico e causare attacchi asmatici potenzialmente mortali. La diffusione nella popolazione non è conosciuta ma è probabilmente bassa. Tuttavia, l'ipersensibilità ai solfiti è osservata più frequentemente in pazienti asmatici che in quelli non asmatici. Nel caso in cui una reazione di ipersensibilità si manifestasse, la somministrazione di Dicynone 250 mg/2 ml soluzione iniettabile deve essere interrotta immediatamente.

A causa di un rischio di caduta della pressione sanguigna durante la somministrazione parenterale, si richiede cautela nei pazienti con ipotensione o pressione sanguigna instabile .

In caso di comparsa di reazioni cutanee e/o febbre, il trattamento deve essere sospeso.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Dicynone 250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml

La tiamina (vitamina B1) è inattivata dal solfito contenuto in Dicynone 250 mg/2 ml soluzione. iniettabile .

Non si conoscono interazioni con altri medicinali.

A dosi terapeutiche, l'etamsilato può interferire con il dosaggio enzimatico della creatinina determinando valori più bassi.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Dicynone 250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml

In Chirurgia

1 ora prima dell'intervento

Adulti: 2 fiale per via endovenosa od intramuscolare.

Bambini: 1 fiala per via endovenosa od intramuscolare.

Al momento dell'intervento

Adulti: 2 fiale per via endovenosa od intramuscolare.

Bambini: 1 fiala per via endovenosa od intramuscolare.

Trattamento posto-peratorio

Adulti: 2 fiale per via endovenosa od intramuscolare.

In Medicina

Casi acuti e terapia d'urgenza

Adulti: 2 fiale per via endovenosa od intramuscolare.

Bambini: 1 fiala per via endovenosa od intramuscolare.

Popolazioni speciali:

Non sono stati eseguiti studi clinici su pazienti con insufficienza epatica o renale.

Di conseguenza si richiede cautela nella somministrazione di Dicynone 250 mg/2 ml soluzione iniettabile in questi pazienti.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Dicynone 250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml

Non sono stati ad oggi riportati sintomi da sovradosaggio.

In caso di sovradosaggio, il trattamento dovrà essere di tipo sintomatico.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Dicynone 250 mg/2 ml soluz. iniett. 6 fiale 2 ml

 Gli effetti indesiderati sono classificati secondo la convenzione MedDRA per sistemi e organi e in base alla frequenza come segue:

Molto comune (≥1/10)

Comune (≥1/100, <1/10)

Non comune (≥1/1.000, <1/100)

Raro (≥1/10.000, <1/1.000)

Molto raro (<1/10.000)

Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili)

Patologie gastrointestinali

Comuni: nausea, diarrea, fastidio addominale

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Comuni: eruzione cutanea

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Comuni: astenia

Molto rare: febbre

Patologie del sistema nervoso

Comuni: cefalea

Patologie vascolari

Molto rare: tromboembolia, ipotensione

Patologie del sistema emolinfopoietico

Molto rare: agranulocitosi, neutropenia, trombocitopenia

Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo

Molto rare: artralgia

Disturbi del sistema immunitario

Molto rare: ipersensibilità. Le reazioni da ipersensibilità sono generalmente reversibili se il trattamento viene interrotto

Segnalazione delle reazioni avverse sospette.

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.


CONSERVAZIONE



Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione






Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Ultimi articoli
I piselli freschi, a metà tra legumi e verdura
22 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
I piselli freschi, a metà tra legumi e verdura
Zenzero: le controindicazioni
19 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Zenzero: le controindicazioni
L'esperto risponde