Glucosio + Potassio Cloruro Baxter 5% + 0,15% soluzione per infusione 20 sacche viaflo 500 ml

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2017
Farmaci - Glucosio + Potassio Cloruro Baxter

Glucosio + Potassio Cloruro Baxter 5% + 0,15% soluzione per infusione 20 sacche viaflo 500 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Baxter S.p.A.

MARCHIO

Glucosio + Potassio Cloruro Baxter

CONFEZIONE

5% + 0,15% soluzione per infusione 20 sacche viaflo 500 ml

ALTRE CONFEZIONI DI GLUCOSIO + POTASSIO CLORURO BAXTER DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
potassio cloruro + glucosio monoidrato

FORMA FARMACEUTICA
preparazione iniettabile

GRUPPO TERAPEUTICO
Soluzioni endovena elettrolitiche

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
84,14 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Glucosio + Potassio Cloruro Baxter 5% + 0,15% soluzione per infusione 20 sacche viaflo 500 ml

Prevenzione e trattamento della deplezione di potassio e/o ipopotassiemia nei casi in cui è richiesto un apporto di acqua e carboidrati qualora non sia consentito una immissione di fluidi e di elettroliti tramite le normali vie


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Glucosio + Potassio Cloruro Baxter 5% + 0,15% soluzione per infusione 20 sacche viaflo 500 ml

La soluzione è controindicata nei pazienti che manifestano:

  • Ipercloremia e iperpotassemia che non siano correlate all'effetto della ridotta concentrazione associato alla deplezione del volume
  • Insufficienza renale grave (con oliguria/anuria)
  • Insufficienza cardiaca non compensata
  • Morbo di Addison
La soluzione è anche controindicata in caso di diabete scompensato, altre intolleranze note del glucosio (come situazioni di stress metabolico), coma iperosmolare, iperglicemia, iperlattatemia


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Glucosio + Potassio Cloruro Baxter 5% + 0,15% soluzione per infusione 20 sacche viaflo 500 ml

Un'infusione di grande volume deve essere effettuata sotto specifico monitoraggio nei pazienti con insufficienza cardiaca o polmonare.

La somministrazione deve essere effettuata sotto regolare e attenta sorveglianza. Il regolare monitoraggio dello stato clinico, del livello di glucosio nel sangue, della concentrazione di elettroliti plasmatici dei livelli plasmatici di creatinina, del livello di BUN, del bilancio acido-basico e l'ECG è essenziale in pazienti che ricevono terapie con potassio, particolarmente per quelli affetti da alterazioni cardiache o renali. Un adeguato flusso delle urine deve essere assicurato ed il bilancio dei fluidi deve essere monitorato.

I sali di potassio devono essere somministrati con considerevole cautela in pazienti con malattie cardiache (infarto del miocardio, aritmie cardiache, …) o condizioni che predispongono alla iperpotassiemia, come insufficienza renale o surrenalica, disidratazione acuta, o estesa distruzione tissutale come quella che si osserva nelle gravi ustioni.

L'infusione di soluzioni contenenti glucosio può essere controindicata nelle prime 24 ore che seguono un trauma cranico e la concentrazione ematica di glucosio deve essere strettamente monitorata durante gli episodi di ipertensione intracranica.

La somministrazione di soluzioni contenenti glucosio può portare iperglicemia. In tal caso si raccomanda di non utilizzare questa soluzione dopo attacchi di ischemia acuta in quanto l'iperglicemia è stata coinvolta nell'incrementare il danno cerebrale dell'ischemia e nel danneggiare il recupero.

Se si verifica iperglicemia, la velocità di infusione deve essere adattata o deve essere somministrata insulina.

Nei pazienti diabetici, è necessario considerare la quantità di glucosio infuso, modificando i fabbisogni di insulina.

A causa del rischio di formazione di precipitati da pseudo-agglutinazione dovuti al contenuto di glucosio, la soluzione di Glucosio con Potassio Cloruro 5% + 0,15% non deve essere aggiunta o somministrata contemporaneamente, attraverso gli stessi tubi, con i citrati, usati come anticoagulanti e conservanti per il sangue.

In caso di trattamento prolungato, il paziente dovrà ricevere un idoneo trattamento di supporto nutritivo.

Possono verificarsi reazioni all'infusione/ipersensibilità, incluso reazioni anafilattoidi. L'infusione deve essere interrotta immediatamente in presenza di segni o sintomi di una sospetta reazione di ipersensibilità. Devono essere istituite appropriate contromisure terapeutiche come clinicamente indicato. Le soluzioni che contengono glucosio devono essere usate con cautela in pazienti con note allergie al mais o prodotti derivati dal mais .

Popolazione pediatrica

I neonati – specialmente quelli nati prematuri e con basso peso alla nascita – sono ad alto rischio di sviluppare ipo o iperglicemia e dunque necessitano un attento monitoraggio durante il trattamento con soluzioni endovenose di glucosio per assicurare un adeguato controllo glicemico per evitare potenziali effetti avversi a lungo termine. L'ipoglicemia nei neonati può causare convulsioni prolungate, coma e danni cerebrali. L'iperglicemia è stata associata ad emorragia intraventricolare, insorgenza tardiva di infezioni batteriche e fungine, retinopatia dei prematuri, enterocolite necrotizzante, displasia broncopolmonare, prolungata permanenza in ospedale e morte.

Per evitare eccessive infusioni potenzialmente fatali di liquidi endovenosi al neonato, è necessario porre speciale attenzione al modo di somministrazione. Quando si usa una pompa a siringa per somministrare liquidi endovenosi o farmaci ai neonati non deve essere lasciata collegata alla siringa una sacca di liquido.

Quando si usa una pompa per infusione tutte le clamp sul set di somministrazione endovenosa devono essere chiuse prima di rimuovere il set di somministrazione dalla pompa, o di spegnere la pompa. Ciò è richiesto nonostante o anche se il set di somministrazione ha un dispositivo anti-flusso libero.

Il dispositivo per infusione endovenosa e l'equipaggiamento per la somministrazione devono essere frequentemente monitorati.

Le concentrazioni degli elettroliti nel plasma devono essere monitorate attentamente nella popolazione pediatrica dato che questa popolazione può avere una ridotta capacità di regolare i liquidi e gli elettroliti. L'infusione di liquidi ipotonici insieme alla secrezione non-osmotica dell'ormone antidiuretico (ADH) può causare iponatremia. L'iponatremia può portare ad emicrania, nausea, convulsioni, letargia, coma, edema cerebrale e morte, quindi l'encefalopatia iponatremica sintomatica è considerata un'emergenza medica.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Glucosio + Potassio Cloruro Baxter 5% + 0,15% soluzione per infusione 20 sacche viaflo 500 ml

Le soluzioni che contengono potassio devono essere usate con cautela nei pazienti trattati con farmaci che incrementano le concentrazioni plasmatiche di potassio (diuretici il risparmiatori di potassio, ACE-inibitori, antagonisti dei recettori dell'angiotensina II, ciclosporina, tacrolimo e farmaci che contengono potassio).

Il glucosio non deve essere somministrato con la stessa attrezzatura utilizzata per l'infusione di sangue intero perchè potrebbero verificarsi fenomeni di emolisi e agglutinazione .


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Glucosio + Potassio Cloruro Baxter 5% + 0,15% soluzione per infusione 20 sacche viaflo 500 ml

Posologia

Adulti, Anziani e Bambini

Le dosi possono essere espresse in termini di mEq o mmol di potassio, massa del potassio o massa del sale di potassio:

1g KCl=525 mg di K+ o 13,4 mEq o 13,4 mmol di K+ e Cl-

1 mmol K+ = 39,1 mg K+

Il dosaggio di questa soluzione dipende dall'età, dal peso, dalle condizioni cliniche e biologiche (equilibrio acido-basico) del paziente, dalla terapia concomitante ed in particolare dallo stato di idratazione del paziente.

Posologia generale

La dose raccomandata per il trattamento della deplezione di carboidrati e fluidi è:

Adulti: da 500 ml a 3 litri nelle 24 ore

Neonati e bambini: 

0-10 Kg di peso corporeo: 100 ml/kg/24 ore

10-20 Kg di peso corporeo:1000 ml + (50 ml/kg al di sopra dei 10 Kg)/24 ore

> 20 Kg di peso corporeo: 1500 ml + (20 ml/kg al di sopra dei 20 Kg)/24 ore


La velocità di infusione non deve eccedere la capacità di ossidazione del glucosio del paziente per evitare l'iperglicemia. Inoltre l'intervallo del dosaggio da 5 mg/kg/min per gli adulti a 10-18 mg/kg/min per neonati e bambini dipende dall'età e dalla massa corporea totale.

Posologia per la prevenzione e il trattamento della deplezione del potassio

La dose abituale di potassio per la prevenzione dell'ipopotassemia può essere superiore a 50 mmol al giorno e dosi simili possono essere adeguate nella media carenza di potassio. La dose massima raccomandata di potassio è da 2 a 3 mmol/kg/24ore

Quando utilizzato per il trattamento dell'ipokalemia il dosaggio raccomandato è di 20 mmol di potassio dalle 2 alle 3 ore (per esempio 7-10 mmol/ora) sotto controllo con ECG

La massima velocità di infusione raccomandata non deve eccedere 15-20 mmol/ora

I pazienti con alterazioni renali devono ricevere dosi più basse

In ogni caso, il dosaggio indicato nella “Posologia Generale“ non deve essere superato.

Uso nella Popolazione pediatrica

La velocità di infusione ed il volume dipendono dall'età, peso, condizioni cliniche e metaboliche del paziente, terapia concomitante e devono essere determinate dal medico con esperienza nella terapia pediatrica con liquidi endovenosi .

Modo di somministrazione

Via di somministrazione

La somministrazione è eseguita per via endovenosa utilizzando un'attrezzatura sterile e apirogena.

Il potassio deve essere somministrato per via endovenosa utilizzando una grande vena periferica o centrale per ridurre il rischio di sclerosi. Se la soluzione viene infusa in una vena centrale accertarsi che il catetere non si trovi nell'atrio o nel ventricolo per evitare una iperpotassiemia localizzata.

Le soluzioni che contengono potassio devono essere somministrate lentamente.

Velocità di somministrazione

Somministrato per via endovenosa, il potassio non deve superare una velocità di infusione di 15-20 mmol/ora per evitare una pericolosa iperpotassiemia.

Monitoraggio

È necessario verificare un adeguato flusso di urina ed è essenziale monitorare accuratamente le concentrazioni del potassio plasmatico e di altri elettroliti. Dosaggi più elevati o elevate velocità di infusione devono essere effettuati sotto controllo ECG.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Glucosio + Potassio Cloruro Baxter 5% + 0,15% soluzione per infusione 20 sacche viaflo 500 ml

La prolungata somministrazione o l'infusione rapida di grandi volumi di soluzioni iso-osmotiche di glucosio possono causare edema o intossicazione idrica.

L'eccessiva somministrazione di potassio può portare allo sviluppo di iperpotassiemia, soprattutto nei pazienti con alterazione renale. I sintomi includono parestesia delle estremità, debolezza muscolare, paralisi, aritmie cardiache, blocco cardiaco, arresto cardiaco e confusione mentale.

Uno degli indicatori più importanti della tossicità del potassio sono i cambiamenti nell'ECG inclusi altezza, picchi delle onde T, depressioni del segmento S-T, scomparsa delle onde P, prolungamento dell'intervallo Q-T, e ampliamento e restringimento del complesso QRS.

Il trattamento dell'iperpotassiemia prevede la somministrazione di calcio, insulina o bicarbonato di sodio, e l'impiego di resine a scambio ionico o la dialisi.

L'eccessiva somministrazione di sali di cloruro può causare la perdita di bicarbonato con un conseguente effetto acidificante.

In caso di eccessiva infusione accidentale, il trattamento dovrà essere sospeso e il paziente deve essere tenuto sotto osservazione per valutare la comparsa di eventuali segni e sintomi correlabili al farmaco somministrato, garantendo al paziente le relative misure sintomatiche e di supporto a seconda della necessità.


CONSERVAZIONE



Questo medicinale non richiede alcuna speciale condizione di conservazione.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
I piselli freschi, a metà tra legumi e verdura
Alimentazione
22 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
I piselli freschi, a metà tra legumi e verdura
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Alimentazione
20 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Zenzero: le controindicazioni
Alimentazione
19 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Zenzero: le controindicazioni
L'esperto risponde