Glutatione Germed 600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.

Ultimo aggiornamento: 17 novembre 2017
Farmaci - Glutatione Germed

Glutatione Germed 600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Germed Pharma S.r.l.

MARCHIO

Glutatione Germed

CONFEZIONE

600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.

PRINCIPIO ATTIVO
glutatione sale sodico

FORMA FARMACEUTICA
Polvere

GRUPPO TERAPEUTICO
Antidoti

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
26,50 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Glutatione Germed 600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.

Profilassi della neuropatia conseguente a trattamento chemioterapico con cisplatino o analoghi.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Glutatione Germed 600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Glutatione Germed 600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.

Il prodotto nell'uso intramuscolare deve essere sciolto completamente con la sua fiala solvente: la soluzione si presenta limpida ed incolore.

Il prodotto nell'uso endovenoso può essere sciolto con il suo solvente (acqua p.p.i.) ed iniettato lentamente per via diretta oppure somministrato per fleboclisi aggiungendolo ad almeno 20 ml della soluzione sterile da infondere.

Attenzione: I prodotti per uso parenterale devono essere ispezionati visivamente, prima della somministrazione, quando il contenitore o la soluzione lo permettano, per rilevare la eventuale presenza di particelle o di colorazione anomala. Non utilizzare se si osserva intorbidamento o precipitato.

Ricostituire la soluzione nel flaconcino di polvere prelevando l'acqua contenuta nella fiala solvente mediante siringa provvista di idoneo ago. Estrarre la linguetta in alluminio del flaconcino e disinfettare il tappo con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool, quindi inserire l'ago della siringa nel flaconcino attraverso il centro del tappo in gomma e dirigere il flusso di acqua verso la parete di vetro del flaconcino. Agitare delicatamente per favorire la completa solubilizzazione, quindi somministrare la soluzione così ottenuta per via intramuscolare o endovenosa lenta.

Utilizzare subito dopo l'apertura dei flaconi. La soluzione ricostituita deve essere limpida e priva di particelle visibili. Serve per una sola somministrazione e l'eventuale residuo non può essere utilizzato


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Glutatione Germed 600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.

In letteratura non sono descritti casi di interazioni farmacologiche con il glutatione.

Alle dosi raccomandate Glutatione GERMED non interferisce con l'attività terapeutica del chemioterapico.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Glutatione Germed 600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.

Nelle forme più impegnative: 1-2 flaconi al giorno per via intramuscolare o per via endovenosa lenta o aggiunti a fleboclisi o secondo diversa prescrizione medica.

Nelle forme più lievi: metà della dose sopraindicata.

Nei bambini la sicurezza e l'efficacia non sono state determinate.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Glutatione Germed 600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio. In caso di necessità, si può ricorrere a trattamenti sintomatici.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Glutatione Germed 600 mg/4 ml polv. e solv. per soluz. iniettabile 10 flaconi + 10 fiale solv.

Dopo somministrazione intramuscolare sono state segnalate molto raramente eruzioni cutanee, che generalmente scompaiono con la sospensione della terapia. È stata inoltre riportata dolenzia nella sede di iniezione. Segnalati rari casi di nausea, vomito e cefalee.

Come per tutte le soluzioni per uso parenterale, possono verificarsi reazioni febbrili, infezioni nella sede d'iniezione, trombosi venose o flebiti, diffusione extravasale.

In caso di reazione avversa immediata in corso di infusione endovenosa interrompere la somministrazione e, laddove possibile, conservare il rimanente fluido non somministrato per eventuali esami.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.


CONSERVAZIONE



Questo medicinale non richiede particolari condizioni di conservazione.






Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Ultimi articoli
L'esperto risponde