Indom 0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre 2017
Farmaci - Indom

Indom 0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Alfa INTES Industria Terapeutica Splendore - S.r.l.

MARCHIO

Indom

CONFEZIONE

0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml

ALTRE CONFEZIONI DI INDOM DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
indometacina

FORMA FARMACEUTICA
collirio

GRUPPO TERAPEUTICO
Analgesici FANS

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
21,00 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Indom 0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml

Stati infiammatori eventualmente dolorosi, e non su base infettiva, a carico del segmento anteriore dell'occhio in particolare per interventi di cataratta.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Indom 0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo (qui non riportato) 6.1.

Pazienti con crisi di broncospasmo scatenate dall'aspirina o da altri antiinfiammatori non steroidei. Evitare l'impiego del prodotto nei portatori di lenti a contatto.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Indom 0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml

L'uso, specie se prolungato di prodotti per uso topico, può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione; in tali casi è necessario sospendere il trattamento e consultare il medico.

Sebbene l'assorbimento sistemico di indometacina sia modesto, usare il prodotto con le dovute cautele nei portatori di ulcera peptica.

La monodose non contiene conservanti, pertanto dopo l'uso va gettata anche se parzialmente utilizzata.

Uso esterno.

Per assicurare la sterilità della sospensione durante l'uso del flacone multidose, evitare che la punta del contagocce venga a contatto con le superfici oculari, con le dita o con altre superfici.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Indom 0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml

L'indometacina può interferire con l'effetto ipotensivo oculare dell'epinefrina. Monitorare pertanto, in caso di trattamenti concomitanti, la pressione endoculare per accertare il mantenimento dei valori pressori oculari desiderati.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Indom 0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml

Posologia

Secondo prescrizione medica.

Popolazione pediatrica

La sicurezza del prodotto in età pediatrica non è stata stabilita.

Modo di somministrazione

Agitare bene il flacone prima dell'uso.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Indom 0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml

La quantità di indometacina per flacone da 7 ml è 35 mg, valore questo non tossico; comunque in caso di ingestione accidentale recente di notevole quantità di indometacina, si deve ricorrere a lavanda gastrica, altrimenti praticare le comuni terapie di sostegno. Il paziente deve essere seguito per diversi giorni per sorvegliare l'eventuale comparsa di ulcerazioni o emorragie gastrointestinali, può essere utile la somministrazione di antiacidi.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Indom 0,5% collirio, sospensione 30 contenitori monodose 0,5 ml

Con l'uso del prodotto sono stati descritti i seguenti effetti indesiderati: rossore e bruciore congiuntivali, alterazioni dell'epitelio corneale, aumento della pressione intraoculare, edema palpebrale, edema della cornea e cheratite striata, prurito.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.


CONSERVAZIONE



Non conservare a una temperatura superiore ai 25°C.

Conservare il medicinale nel contenitore ben chiuso per tenerlo al riparo dalla luce.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Sindrome dell'occhio secco, ecco come riconoscerla e curarla
Occhio e vista
27 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'occhio secco, ecco come riconoscerla e curarla
Glaucoma, il killer silenzioso della vista
Occhio e vista
14 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Glaucoma, il killer silenzioso della vista
Malati di glaucoma a rischio depressione
Occhio e vista
16 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Malati di glaucoma a rischio depressione
L'esperto risponde