Iridina Antistaminico collirio 10 ml

Ultimo aggiornamento: 01 marzo 2018
Farmaci - Iridina Antistaminico

Iridina Antistaminico collirio 10 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Montefarmaco OTC S.p.A.

MARCHIO

Iridina Antistaminico

CONFEZIONE

collirio 10 ml

PRINCIPIO ATTIVO
nafazolina + tonzilamina

FORMA FARMACEUTICA
collirio

GRUPPO TERAPEUTICO
Decongestionanti

CLASSE
C

RICETTA
medicinale di automedicazione

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
DISCR.


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Iridina Antistaminico collirio 10 ml

Stati allergici ed infiammatori della congiuntiva, accompagnati da fotofobia, lacrimazione, sensazione di corpi estranei.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Iridina Antistaminico collirio 10 ml

Il prodotto è controindicato nei pazienti con ipersensibilità ad uno dei componenti, nei pazienti affetti da glaucoma ad angolo chiuso o con altre gravi malattie dell'occhio.

Controindicato nei bambini al di sotto dei 12 anni

Contemporaneo trattamento con farmaci inibitori delle monoaminossidasi .


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Iridina Antistaminico collirio 10 ml

Il prodotto, pur presentando uno scarsissimo assorbimento sistemico, deve essere usato con cautela nei pazienti affetti da ipertensione, ipertiroidismo, disturbi cardiaci, asma bronchiale e iperglicemia (diabete).

Infezioni, pus, corpi estranei nell'occhio, danni meccanici, chimici, da calore, richiedono l'intervento del medico.

Poiché il prodotto, nella confezione flacone 10 ml, contiene il benzalconio cloruro, durante il trattamento, non devono essere indossate lenti a contatto morbide.

Tenere fuori dalla portata dei bambini poichè l'ingestione accidentale può causare depressione del S.N.C. (sedazione spiccata ed ipotonia).

In questi casi è sempre necessaria un'immediata assistenza medica.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Iridina Antistaminico collirio 10 ml

IRIDINA ANTISTAMINICO non deve essere usato dai soggetti in trattamento con farmaci antidepressivi (IMAO) e nelle due settimane successive a tale trattamento poichè possono comparire severe crisi ipertensive.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Iridina Antistaminico collirio 10 ml

Instillare nell'occhio interessato 1-2 gocce, fino a 2-3 volte al giorno, secondo necessità.

Attenersi scrupolosamente alle dosi consigliate. Un dosaggio superiore del prodotto anche se assunto per via topica e per breve periodo di tempo può dar luogo ad effetti sistemici gravi.

In caso del persistere o aggravarsi dei sintomi dopo breve periodo di trattamento consultare il medico. In ogni caso, il prodotto non deve essere impiegato per più di 4 giorni consecutivi , salvo diversa prescrizione medica, in quanto si possono verificare effetti indesiderati.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Iridina Antistaminico collirio 10 ml

Attenersi scrupolosamente alle dosi consigliate.

Il prodotto, se accidentalmente ingerito o se impiegato per un lungo periodo a dosi eccessive può determinare fenomeni tossici, specie nei bambini.

L'ingestione accidentale del farmaco può causare, specialmente nei bambini, depressione del SNC fino al coma.

In questi casi è sempre necessaria una immediata assistenza medica: lavanda gastrica, sedazione con diazepam e misure di supporto generale.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Iridina Antistaminico collirio 10 ml

L'uso del prodotto può determinare talvolta dilatazione pupillare, effetti sistemici da assorbimento (ipertensione, disturbi cardiaci, iperglicemia), aumento della pressione endoculare, nausea, cefalea. Raramente possono manifestarsi fenomeni di ipersensibilità. In tal caso occorre interrompere il trattamento e consultare il medico affinchè, ove necessario, possa essere istituita terapia idonea.

Il paziente è invitato a segnalare al medico curante o al farmacista l'eventuale comparsa di effetti indesiderati non descritti.


CONSERVAZIONE



Tenere il flacone nell'imballaggio esterno per proteggere il medicinale dalla luce.

Il periodo di validità dopo prima apertura del flacone è: 30 giorni.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Sindrome dell'occhio secco, ecco come riconoscerla e curarla
Occhio e vista
27 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'occhio secco, ecco come riconoscerla e curarla
Glaucoma, il killer silenzioso della vista
Occhio e vista
14 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Glaucoma, il killer silenzioso della vista
Malati di glaucoma a rischio depressione
Occhio e vista
16 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Malati di glaucoma a rischio depressione
L'esperto risponde