Mnesis 45 mg 30 compresse rivestite

Ultimo aggiornamento: 14 maggio 2018
Farmaci - Mnesis

Mnesis 45 mg 30 compresse rivestite




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Takeda Italia S.p.A.

MARCHIO

Mnesis

CONFEZIONE

45 mg 30 compresse rivestite

PRINCIPIO ATTIVO
idebenone

FORMA FARMACEUTICA
compressa rivestita

GRUPPO TERAPEUTICO
Psicostimolanti

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
51,50 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Mnesis 45 mg 30 compresse rivestite

Nel trattamento dei deficit cognitivo-comportamentali conseguenti a patologie cerebrali sia di origine vascolare che degenerativa.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Mnesis 45 mg 30 compresse rivestite

Ipersensibilità individuale accertata al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Mnesis 45 mg 30 compresse rivestite

Il medicinale contiene lattosio e saccarosio non è quindi adatto per i soggetti con deficit di lattasi, galattosemia, con intolleranza ereditaria al fruttosio, con sindrome da malassorbimento di glucosio/galattosio o deficit di saccarasi-isomaltasi.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Mnesis 45 mg 30 compresse rivestite

Nono sono stati descritti casi di interazioni medicamentose ed incompatibilità particolari con il prodotto.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Mnesis 45 mg 30 compresse rivestite

La posologia consigliata è di 90 mg/die (1 compressa rivestita da 45 mg due volte al giorno).

È consigliata l'assunzione del farmaco subito dopo i pasti.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Mnesis 45 mg 30 compresse rivestite

Non sono stati sino ad oggi segnalati sintomi tossici da iperdosaggio.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Mnesis 45 mg 30 compresse rivestite

Con l'impiego del prodotto sono stati segnalati i seguenti effetti indesiderati:

reazioni di ipersensibilità: rash cutaneo, prurito

reazioni psiconeurologiche: convulsioni, delirio, allucinazione, eccitazione, movimenti involontari, ipercinesia, poriomania, vertigini, cefalea, irrequietezza, sensazione di testa vuota,  insonnia, sonnolenza, torpore.

Disturbi gastrointestinali: nausea, vomito, anoressia, mal di stomaco, diarrea.

Disturbi ematologici: agranulocitosi, anemia, leucocitopenia, trombocitopenia

Disturbi epatici: aumento di ASAT (SGOT), ALAT (SGPT), fosfatasi alcalina, LDH e gamma-GTP o bilirubina.

Disturbi renali: aumento dell'azotemia

Disturbi metabolici: aumento del colesterolo totale o dei trigliceridi

Generale: malessere


CONSERVAZIONE



Non conservare al di sopra dei 30°C.






Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Ultimi articoli
L'esperto risponde