Persantin 10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale

Ultimo aggiornamento: 17 ottobre 2017
Farmaci - Persantin

Persantin 10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Boehringer Ingelheim Italia S.p.A.

MARCHIO

Persantin

CONFEZIONE

10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale

ALTRE CONFEZIONI DI PERSANTIN DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
dipiridamolo

FORMA FARMACEUTICA
soluzione (uso interno)

GRUPPO TERAPEUTICO
Antiaggreganti piastrinici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
5,25 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Persantin 10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale

Come alternativa nella diagnostica per immagini alla perfusione miocardica con tallio sotto sforzo e nella diagnostica per immagini ecocardiogragrafica da stress per la valutazione delle patologie a carico delle arterie coronarie, in particolare nei pazienti che non possono affrontare esercizi fisici.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Persantin 10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale

L'impiego di Persantin soluzione per infusione è controindicato nei seguenti casi:

  • ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti;
  • ipersensibilità nota alla teofillina o altre metilxantine;
  • pazienti con aritmie importanti (p.e. tachicardia ventricolare) o disturbi della conduzione quali blocco atrioventricolare di 2° o 3° grado o malattia del nodo del seno (a meno che essi non abbiano un pacemaker funzionante);
  • bradicardia < 40 battiti/minuto;
  • pazienti con ipotensione basale (pressione sistolica < 90 mmHg), sincope di natura non diagnosticata recente (entro 1 mese) o con attacchi ischemici transitori recenti;
  • pazienti emodinamicamente instabili, come può essere in caso di infarto miocardico acuto o recente (entro 1 mese), angina instabile o infarto imminente, insufficienza cardiaca scompensata (classi NYHA III e IV);
  • stenosi subvalvolare aortica serrata o altri disordini valvolari gravi;
  • ipertensione arteriosa polmonare di grado severo;
  • asma bronchiale o tendenza al broncospasmo; broncopneumopatia cronica ostruttiva di grado severo;
  • miastenia gravis ;
  • gravidanza .



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Persantin 10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale

Le potenziali informazioni cliniche ottenibili con la somministrazione di Persantin soluzione per infusione usato come medicinale aggiuntivo nella diagnostica per immagini miocardica devono essere valutate considerando il rischio per il paziente.

Possono verificarsi reazioni simili a quelle indotte dallo stress dello sforzo fisico, e quindi è indicato un appropriato monitoraggio elettrocardiografico.

I pazienti con una storia pregressa di grave patologia a carico delle coronarie possono essere soggetti a rischi maggiori, come anche i pazienti con anamnesi positiva per asma bronchiale.

Quando la diagnostica per immagini miocardica viene effettuata con Persantin soluzione per infusione, dovrebbe essere prontamente disponibile aminofillina per uso parenterale in modo da alleviare gli effetti indesiderati come il broncospasmo o il dolore al torace.

I segni vitali devono essere monitorati durante l'infusione di Persantin e nei 10 - 15 minuti che seguono e si deve ottenere un tracciato elettrocardiografico utilizzando almeno una derivazione toracica.

Se dovesse manifestarsi intenso dolore toracico o broncospasmo, si può somministrare aminofillina in dosi da 50 a 240 mg per via endovenosa lenta (50-100 mg in 30-60 secondi).

L'esperienza clinica suggerisce che i pazienti in trattamento con dipiridamolo per via orale che debbano essere anche sottoposti ad un test in condizioni di stress farmacologico con dipiridamolo per via endovenosa, dovrebbero sospendere la terapia orale 24 ore prima di sottoporsi al test stesso. La mancata osservanza di questa avvertenza può compromettere la sensibilità del test.

Nel caso di ipotensione grave, prima di somministrare aminofillina per via parenterale, il paziente deve essere messo in posizione supina e con la testa in posizione declive, se necessario.

Se 240 mg di aminofillina non alleviano i sintomi del dolore al torace entro pochi minuti, si può somministrare nitroglicerina per via sublinguale. Se il dolore al torace persiste nonostante l'uso di aminofillina e nitroglicerina, si deve considerare la possibilità di un infarto miocardico.

Se la condizione clinica del paziente con un effetto indesiderato permette un ritardo di un minuto nella somministrazione di aminofillina per via parenterale, tallio-201 può essere iniettato e messo in circolazione per un minuto, prima di somministrare aminofillina. Questo permetterà di effettuare un'iniziale imaging in perfusione con tallio prima che siano annullati gli effetti farmacologici di Persantin sulla circolazione coronarica.

Deve essere usata cautela nei pazienti con pre-esistente blocco atrioventricolare di 1° grado noto.

Nei pazienti con miastenia grave, si deve considerare la possibilità dell'interazione tra il dipiridamolo e gli inibitori della colinesterasi .


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Persantin 10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale

I derivati xantinici (che si trovano per esempio nel caffè e nel the) possono ridurre l'effetto vasodilatatorio del dipiridamolo e devono essere quindi evitati nelle 24 ore precedenti l'imaging miocardica con Persantin soluzione per infusione.

Dipiridamolo aumenta i livelli plasmatici e gli effetti cardiovascolari dell'adenosina.

Dipiridamolo può aumentare l'effetto ipotensivo dei medicinali antiipertensivi e può contrastare l'effetto anticolinesterasico degli inibitori della colinesterasi e quindi potenzialmente aggravare la miastenia grave.

L'esperienza clinica suggerisce che la sensibilità del test da sforzo condotto con dipiridamolo somministrato per via endovenosa, può essere compromessa se i pazienti sono già in trattamento con dipiridamolo per via orale.

Il trattamento con dipiridamolo orale dovrebbe essere sospeso 24 ore prima del test.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Persantin 10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale

La dose di Persantin soluzione per infusione in aggiunta all'imaging in perfusione miocardica con tallio deve essere aggiustata in funzione del peso corporeo del paziente.

La dose raccomandata è 0,142 mg/kg/minuto (0,567 mg/kg totali) infusi in 4 minuti. La dose massima è 0,84 mg/kg infusi in 6-10 minuti. Si raccomanda di non superare la dose massima.

Prima della somministrazione, Persantin soluzione per infusione, deve essere diluito in un rapporto di almeno 1:2 con sodio cloruro 0,45% o 0,9% o con glucosio 5% ad un volume totale di ca. 20-50 ml.

L'infusione non diluita di Persantin può dare irritazione locale. Il tallio-201 deve essere iniettato entro 5 minuti dopo l'infusione di 4 minuti di Persantin soluzione per infusione.

Persantin soluzione per infusione non deve essere miscelato nella stessa siringa o sacca infusionale con altri medicinali.

Durante le 24 ore precedenti l'inizio dell'esame i pazienti dovranno astenersi dal consumare cibi e/o bevande contenenti derivati xantinici, quali caffè, the, cacao o coca-cola .

La sicurezza e l'efficacia nei bambini non è stata definita. Non si raccomanda l'uso in tali casi.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Persantin 10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale

Sintomi:

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio in questa indicazione. È improbabile che possa accadere un caso di sovradosaggio per la natura stessa della applicazione e condizioni d'uso (cioè una singola somministrazione e.v. in situazione controllata). Sono attesi i segni e i sintomi descritti nel paragrafo (qui non riportato) "Effetti indesiderati" che potrebbero essere persino più gravi in singoli casi.

Terapia:

Si consiglia una terapia sintomatica.

Se dovesse manifestarsi intenso dolore al torace o broncospasmo, si può somministrare aminofillina in dosi da 50 a 240 mg per via endovenosa lenta (50-100 mg in 30-60 secondi).

A causa della sua elevata distribuzione ai tessuti e della sua eliminazione prevalentemente epatica, è improbabile che il dipiridamolo sia accessibile alle procedure per aumentare l'eliminazione.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Persantin 10 mg/2 ml soluzione per infusione endovenosa 10 fiale

In circa il 47% dei pazienti ai quali viene somministrato dipiridamolo per via endovenosa si verifica un evento avverso, di cui lo 0,26% di tipo grave.

Gli effetti indesiderati sono di seguito elencati per classificazione per sistemi e organi e per frequenza, secondo le seguenti categorie:

Molto comune ≥ 1/10

Comune ≥ 1/100, < 1/10

Non comune ≥ 1/1.000 < 1/100

Raro ≥ 1/10.000, < 1/1.000

Molto raro < 1/10.000

Non nota la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili

Disturbi del sistema immunitario

Raro: ipersensibilità.

Molto raro: reazione anafilattica.

Non nota: angioedema.

Patologie del sistema nervoso

Molto comune: cefalea, vertigini.

Comune: parestesia.

Raro: attacchi ischemici transitori, eventi cerebrovascolari.

Molto raro: accidente cerebrovascolare, convulsioni.

Patologie cardiache

Molto comune: dolore al torace/angina pectoris.

Comune: aritmia, tachicardia.

Non comune: infarto del miocardio, bradicardia.

Molto raro: arresto cardiaco, fibrillazione ventricolare.

Non nota: sincope, arresto sinusale, blocco atrioventricolare.

Patologie vascolari

Comune: ipotensione, vampate di calore, ipertensione arteriosa.

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Non comune: broncospasmo.

Non nota: laringospasmo.

Patologie gastrointestinali

Comune: nausea.

Non comune: dolore addominale, dispepsia.

Non nota: diarrea, vomito.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Non nota: orticaria, eruzioni cutanee.

Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo

Non nota: mialgia.

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Non comune: astenia.

Raro: morte.

Non nota: edema.

Esami diagnostici

Comune: alterazioni del tratto ST o dell'onda T dell'ECG.

Non nota: alterazioni dell'ECG.

Ad alte dosi di dipiridamolo e.v. come nella imaging cardiaca, sono stati riportati più frequenti e gravi effetti indesiderati rispetto a quanto segnalato durante l'uso e.v. od orale del medicinale alle dosi raccomandate. Nondimeno, tutti i dati disponibili suggeriscono che il rapporto rischio/beneficio è almeno favorevole quanto il rapporto rischio/beneficio dei convenzionali test da sforzo.


CONSERVAZIONE



Non conservare a temperatura superiore ai 30°C.

Le soluzioni pronte per l'uso non possono essere conservate per più di 8 ore. Proteggere dalla luce.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La cellulite
Cuore circolazione e malattie del sangue
04 giugno 2018
Patologie
La cellulite
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso
Cuore circolazione e malattie del sangue
16 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Le statine: un baluardo contro il colesterolo in eccesso