Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo 20 mg + 12,5 mg 14 compresse rivestite

Ultimo aggiornamento: 10 gennaio 2017
Farmaci - Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo

Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo 20 mg + 12,5 mg 14 compresse rivestite




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Aurobindo Pharma (Italia) S.r.l.

MARCHIO

Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo

CONFEZIONE

20 mg + 12,5 mg 14 compresse rivestite

PRINCIPIO ATTIVO
quinapril + idroclorotiazide

FORMA FARMACEUTICA
compresse rivestite

GRUPPO TERAPEUTICO
ACE inibitori + diuretici

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
2,22 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo 20 mg + 12,5 mg 14 compresse rivestite

Quinapril/Idroclorotiazide Aurobindo è indicato come terapia sostitutiva in pazienti adulti con ipertensione essenziale già adeguatamente controllata con quinapril e idroclorotiazide somministrati in concomitanza.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo 20 mg + 12,5 mg 14 compresse rivestite

  • Quinapril/Idroclorotiazide è controindicato nel secondo e nel terzo trimestre di gravidanza .
  • Quinapril/Idroclorotiazide è controindicato in pazienti con ipersensibilità ad uno qualunque dei principi attivi inclusi i pazienti con anamnesi di angioedema associato con precedente terapia con ACE-inibitori o ad uno qualunque degli eccipienti elencati nel paragrafo (qui non riportato) 6.1.
  • Quinapril/Idroclorotiazide è controindicato in pazienti con edema angioneurotico ereditario/idiopatico
  • Quinapril/Idroclorotiazide è controindicato in pazienti con ostruzione dinamica dell'efflusso ventricolare sinistro.
  • Quinapril/Idroclorotiazide è controindicato in pazienti con anuria o grave disfunzione renale.
  • Quinapril/Idroclorotiazide è controindicato in pazienti con ipersensibilità ad altri farmacisulfonamidi-derivati.
  • L'uso concomitante di Quinapril Idroclorotiazide Aurobindo con medicinali contenenti aliskiren è controindicato nei pazienti affetti da diabete mellito o compromissione renale (velocità di filtrazione glomerulare GFR <60 ml/min/1.73 m2) .



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo 20 mg + 12,5 mg 14 compresse rivestite

Quinapril Idroclorotiazide deve essere usato con cautela in pazienti selezionati con stenosi aortica.

Reazioni di sensibilità:

possono verificarsi reazioni di sensibilità in pazienti con o senza anamnesi di allergia o asma bronchiale, quali porpora, fotosensibilità, orticaria, angioite necrotizzante, stress respiratorio inclusa polmonite e edema polmonare, reazioni anafilattiche.

Ipotensione:

Quinapril/Idroclorotiazide può causare ipotensione sintomatica, di solito non più frequentemente di entrambi i farmaci in monoterapia. L'ipotensione sintomatica si osserva raramente nei pazienti con ipertensione non complicata. Nei pazienti ipertesi trattati con quinapril, l'ipotensione compare con maggior probabilità nel paziente con una deplezione del volume ematico, ad esempio a causa di terapia diuretica, restrizioni dietetiche del sale, dialisi, diarrea o vomito o con grave ipertensione renina-dipendente .

Quinapril/Idroclorotiazide deve essere usato con cautela in pazienti che assumono una terapia concomitante con altri agenti antipertensivi. Il componente tiazidico di quinapril/idroclorotiazide può potenziare l'azione di altri farmaci antipertensivi, in particolare i farmaci che causano il blocco adrenergico periferico o ganglionico. Gli effetti antipertensivi del componente tiazidico possono essere accresciuti anche in pazienti post-simpaticectomia.

Se compare ipotensione, il paziente deve essere posto in posizione supina e, se necessario, deve essere trattato con infusione endovenosa di soluzione fisiologica. Una risposta ipotensiva transitoria non è una controindicazione alla somministrazione di ulteriori dosi; tuttavia, se si verifica questo evento, devono essere prese in considerazione dosi più basse di quinapril o di qualsiasi terapia diuretica concomitante.

In pazienti con insufficienza cardiaca congestizia, associata o meno a insufficienza renale, la terapia con ACE inibitori per l'ipertensione può causare un eccessivo calo della pressione sanguigna, che può essere associato a oliguria, azotemia, e in rari casi, a insufficienza renale acuta e morte in questi pazienti. La terapia con Quinapril/Idroclorotiazide deve essere iniziata sotto stretta sorveglianza medica. I pazienti devono essere seguiti da vicino per le prime due settimane di trattamento e ad ogni aumento di dose.

Disfunzione cardiaca/malattia cardiaca:

In conseguenza dell'inibizione del sistema renina-angiotensina-aldosterone, negli individui sensibili possono prevedersi alterazioni della funzione renale. In pazienti con grave disfunzione cardiaca la cui funzione renale può dipendere dall'attività del sistema renina-angiotensina-aldosterone, il trattamento con quinapril può essere associato a oliguria e/o azotemia progressiva e raramente insufficienza renale acuta e/o morte.

Tosse:

Con l'uso degli ACE-inibitori è stata riportata tosse caratteristicamente non produttiva, persistente e che si risolve con l'interruzione della terapia. La tosse indotta da ACE-inibitori deve essere considerata come parte della diagnosi differenziale della tosse.

Malattia renale

Quinapril Idroclorotiazide deve essere usato con cautela in pazienti con malattia renale. In caso di malattia renale grave i tiazidici possono precipitare l'azotemia e in caso di disfunzione renale moderata (clearance della creatinina 10-20 ml/min) i tiazidici sono generalmente inefficaci in questi pazienti e gli effetti di dosi ripetute possono essere cumulativi.

L'esperienza nei pazienti con grave compromissione renale (clearance della creatinina < 10 ml/min) è insufficiente. Prima del trattamento con ACE-inibitori, deve essere esclusa la stenosi dell'arteria renale in pazienti con trapianto renale.

L'emivita di quinaprilat è prolungata quando la clearance della creatinina precipita. I pazienti con clearance della creatinina <60 ml/min necessitano di una dose iniziale più bassa di quinapril . La dose per questi pazienti deve essere titolata verso l'alto sulla base della risposta terapeutica e la funzione renale deve essere strettamente monitorata anche se gli studi iniziali non indicano che quinapril produca ulteriori deterioramenti della funzione renale.

Negli studi clinici in pazienti ipertesi con stenosi unilaterale o bilaterale dell'arteria renale sono stati osservati aumenti dell'azoto ureico nel sangue e della creatinina sierica in alcuni pazienti che seguivano una terapia con ACE inibitori. Questi aumenti erano quasi sempre reversibili con l'interruzione della terapia con l'ACE inibitore e/o della terapia diuretica. In alcuni pazienti la funzionalità renale deve essere monitorata durante le prime settimane di terapia.

Alcuni pazienti ipertesi o con insufficienza cardiaca senza apparenti malattie renali vascolari preesistenti, hanno sviluppato aumenti (>1,25 volte il limite superiore di normalità) dell'azoto ureico e della creatinina sierica, di solito modesti e transitori, specialmente quando il quinapril viene somministrato in associazione con un diuretico. Sono stati osservati aumenti dell'azoto ureico nel sangue e della creatinina sierica rispettivamente del 2% e 2% nei pazienti ipertesi in monoterapia con quinapril e del 4% e 3% rispettivamente nei pazienti ipertesi in terapia con quinapril/idroclorotiazide. Questi aumenti sono più probabili in pazienti con preesistente compromissione renale. Può essere necessaria una riduzione della dose e/o la sospensione del diuretico e/o del quinapril.

Funzione epatica compromessa:

Quinapril/idroclorotiazide deve essere usato con cautela in pazienti con compromissione della funzione epatica o malattia epatica pregressa, poichè dal trattamento con tiazidici possono derivare alterazioni minori dell'equilibrio idro-elettrolitico che possono precipitare in coma epatico. Quinapril è rapidamente deesterificato in quinaprilat (quinapril diacido, il suo principale metabolita) che, negli studi sull'uomo e sugli animali, è un potente inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina. Il metabolismo del quinapril in genere dipende dall'esterasi epatica. Le concentrazioni di quinaprilat sono ridotte in pazienti con cirrosi alcolica a causa della deesterificazione compromessa di quinapril.

Raramente gli ACE inibitori sono stati associati con una sindrome che inizia con ittero colestatico e progredisce in necrosi epatica fulminante (in alcuni casi fatale). I pazienti che durante la terapia con ACE inibitori sviluppano itterizia o enzimi epatici chiaramente elevati devono interrompere il quinapril/idroclotiazide e ricevere un adeguato follow-up medico.

Reazioni al farmaco immuno-mediate e reazioni anafilattoidi:

Desensibilizzazione: I pazienti che ricevono ACE-inibitori durante trattamenti di desensibilizzazione al veleno di imenotteri hanno presentato prolungate reazioni anafilattoidi pericolose per la vita. In questi pazienti, tali reazioni sono state evitate sospendendo temporaneamente gli ACE-inibitori ma sono ricomparse dopo aver usato inavvertitamente l'ACE-inibitore.

Con l'uso di tiazidici sono state osservate sindrome di Stevens-Johnson e esacerbazione o attivazione di lupus eritematoso sistemico.

Angioedema

Nei pazienti trattati con ACE-inibitori è stato riportato raramente angioedema. Se si verifica stridore laringeo o angioedema della faccia, della lingua o della glottide, il trattamento deve essere immediatamente interrotto, il paziente deve essere trattato in maniera adeguata in accordo con le cure mediche consolidate e tenuto sotto attenta osservazione fino alla scomparsa del gonfiore. Nei casi in cui il gonfiore è limitato al volto e alle labbra, la condizione si risolve generalmente senza trattamento; gli antistaminici possono essere utili nel dare sollievo ai sintomi. L'angioedema associato al coinvolgimento laringeo può essere fatale. Laddove c'è il coinvolgimento della lingua, della glottide o della laringe che possono provocare l'ostruzione delle vie aeree, deve essere prontamente somministrata la terapia adeguata, ad es. adrenalina sottocutanea in soluzione 1:1000 (da 0,3 a 0,5 ml).

I pazienti con anamnesi di angioedema non correlato alla terapia con ACE-inibitori possono presentare un aumentato rischio di angioedema quando vengono trattati con ACE-inibitori .

Angioedema intestinale:

In pazienti trattati con ACE inibitori è stato riferito angioedema intestinale. Questi pazienti presentavano dolore addominale (con o senza nausea o vomito); in alcuni casi non c'è stata precedente anamnesi di angioedema facciale e i livelli di C-1 esterasi erano nella norma. L'angioedema veniva diagnosticato attraverso procedure che includevano l'ecografia addominale o gli ultrasuoni, e in chirurgia, e i sintomi si risolvevano dopo l'interruzione della terapia con l'ACE inibitore. L'angioedema intestinale deve essere incluso nella diagnosi differenziale dei pazienti in trattamento con ACE inibitori che presentino dolore addominale.

Differenze etniche:

È stato riferito che i pazienti di razza nera che ricevono ACE-inibitori hanno una maggiore incidenza di angioedema rispetto ai pazienti di razza non-nera. Deve inoltre essere notato che negli studi clinici controllati gli ACE inibitori hanno avuto un effetto minore sulla pressione sanguigna dei pazienti di razza nera rispetto ai pazienti non di razza nera.

Emodialisi e aferesi delle lipoproteine a bassa densità:

I pazienti in emodialisi che utilizzano membrane in poliacrilonitrile ad alto flusso (“AN69“) hanno maggiore probabilità di sviluppare reazioni anafilattoidi se trattati con un ACE-inibitore. Questa combinazione deve pertanto essere evitata, con l'uso di agenti antiipertensivi alternativi o di un diverso tipo di membrana per dialisi. Simili reazioni sono state osservate durante l'aferesi delle lipoproteine a bassa densità (LDL) con destrano solfato. Pertanto questo metodo non deve essere usato in pazienti trattati con ACE inibitori.

Alterazione degli elettroliti sierici

I pazienti trattati con quinapril/idroclorotiazide devono essere tenuti sotto osservazione per segni di squilibrio idroelettrolitico indotto dai tiazidici. In questi pazienti deve essere eseguita una misurazione periodica degli elettroliti sierici (in particolare sodio e potassio). Poiché il quinapril riduce la produzione di aldosterone, la sua combinazione con l'idroclorotiazide può minimizzare l'ipopotassiemia indotta dal diuretico.

Gli effetti opposti di quinapril e idroclorotiazide sul potassio sierico si bilanceranno l'uno con l'altro in maniera approssimativa in molti pazienti cosicché non si osserverà nessun effetto sul potassio sierico. In altri pazienti, l'uno o l'altro effetto può essere dominante e alcuni pazienti possono comunque necessitare di integratori di potassio. All'inizio del trattamento e periodicamente ad intervalli appropriati devono essere eseguite misurazioni degli elettroliti sierici per rilevare il possibile squilibrio degli elettroliti.

L'escrezione del calcio viene ridotta dai tiazidici. In alcuni pazienti in terapia prolungata con tiazidici, sono state osservate alterazioni patologiche della ghiandola paratiroide, con ipercalcemia e ipofosfatemia. Non sono state osservate complicanze più gravi di iperparatiroidismo (litiasi renale, riassorbimento osseo, e ulcera peptica).

I tiazidici devono essere sospesi prima di effettuare i test di funzionalità paratiroidea.

I tiazidici aumentano l'escrezione urinaria di magnesio e possono provocare ipomagnesemia. (Vedere paragrafo (qui non riportato) 4.5).

Altri disturbi metabolici: I diuretici tiazidici tendono a ridurre la tolleranza al glucosio e ad aumentare i livelli sierici di colesterolo, trigliceridi e acido urico. Questi effetti sono di solito minori, ma in pazienti suscettibili la gotta o il diabete manifesto possono venire accelerati.

Ipopotassiemia:

Al contrario, il trattamento con i diuretici tiazidici è stato associato a ipopotassiemia, iponatriemia e alcalosi ipocloremica. Questi disturbi si sono a volte manifestati come uno o più dei seguenti sintomi: secchezza della bocca, sete, debolezza, letargia, sonnolenza, irrequietezza, dolori o crampi muscolari, affaticamento muscolare, ipotensione, oliguria, tachicardia, nausea, confusione, attacchi epilettici e vomito.

L'ipopotassiemia può anche sensibilizzare o esagerare la risposta del cuore agli effetti tossici della digitale. Il rischio di ipopotassiemia è maggiore in pazienti con cirrosi epatica, in pazienti sottoposti a forti diuresi, in pazienti che assumono quantità inadeguate di elettroliti per via orale, e in pazienti che assumono terapia concomitante con corticosteroidi o con l'ormone adrenocorticotropo (ACTH) .

Iperpotassiemia:

Si deve attentamente valutare la presenza di terapie concomitanti che possono aumentare livelli sierici di potassio. I pazienti devono essere avvertiti dal medico di non usare integratori di potassio o sostituti del sale che contengono potassio senza consultare prima il proprio medico .

Ipoglicemia e diabete:

Nei pazienti diabetici gli ACE inibitori possono aumentare la sensibilità all'insulina ed è stata associata ad ipoglicemia in pazienti trattati con agenti antidiabetici orali o con insulina. Deve essere strettamente monitorato il controllo glicemico, in particolare durante il primo mese di trattamento con un ACE-inibitore .

Neutropenia/Agranulocitosi:

Gli ACE inibitori sono stati raramente associati con agranulocitosi e depressione midollare in pazienti con ipertensione non complicata, ma più frequentemente in pazienti con compromissione renale, in particolare se hanno anche una malattia connettiva con uso concomitante di immunosoppressori o altri agenti che possono essere associati a neutropenia/agranulocitosi. I pazienti devono essere avvertiti di riferire prontamente qualsiasi indicazione di infezione (ad es. mal di gola, febbre) poichè questo potrebbe essere un segno di neutropenia.

Raramente è stata riferita agranulocitosi durante il trattamento con quinapril. Come per altri ACE inibitori, si deve considerare il monitoraggio dei globuli bianchi nei pazienti con malattia vascolare del collagene e/o malattia renale.

Chirurgia/anestesia:

Nei pazienti sottoposti a chirurgia maggiore o durante l'anestesia con agenti che producono ipotensione, quinapril può bloccare la formazione di angiotensina II secondaria al rilascio compensatorio di renina. Se si verifica ipotensione e si considera questo meccanismo, si può correggere tramite espansione del volume.

Miopia acuta e glaucoma secondario ad angolo chiuso:

L'idroclorotiazide, una sulfonamide, può causare una reazione idiosincratica, con conseguente miopia acuta transitoria e glaucoma acuto ad angolo chiuso. I sintomi includono l'insorgenza acuta di diminuzione dell'acuità visiva o dolore oculare e si verificano in genere da entro poche ore a settimane dall'inizio della terapia. Un glaucoma acuto ad angolo chiuso, non trattato può portare alla perdita permanente della vista. Il trattamento primario è quello di interrompere l'idroclorotiazide il più rapidamente possibile. Può essere necessario considerare tempestivi trattamenti medici o chirurgici se la pressione intraoculare rimane fuori controllo. I fattori di rischio per lo sviluppo di glaucoma acuto ad angolo chiuso possono includere una storia di allergia alla penicillina o sulfonamide.

Gravidanza:

La terapia con ACE inibitori non deve essere iniziata durante la gravidanza. Per le pazienti che stanno pianificando una gravidanza si deve ricorrere a trattamenti antipertensivi alternativi, con comprovato profilo di sicurezza per l'uso in gravidanza, a meno che non sia considerato essenziale il proseguimento della terapia con un ACE inibitore. Quando viene diagnosticata una gravidanza, il trattamento con ACE inibitori deve essere interrotto immediatamente e, se appropriato, deve essere iniziata una terapia alternativa

Duplice blocco del sistema renina-angiotensina-aldosterone (RAAS):

Esiste l'evidenza che l'uso concomitante di ACE-inibitori, antagonisti del recettore dell'angiotensina II o aliskiren aumenta il riscio di ipotensione, iperpotassemia e riduzione della funzionalità renale (inclusa l'insufficienza renale acuta). Il duplice blocco del RAAS attraverso l'uso combinato di ACE-inibitori, antagonisti del recettore dell'angiotensina II o aliskiren non è pertanto raccomandato .

Se la terapia del duplice blocco è considerata assolutamente necessaria, ciò deve avvenire solo sotto la supervisione di uno specialista e con uno stretto e frequente monitoraggio della funzionalità renale, degli elettroliti e della pressione sanguigna.

Gli ACE-iniitori e gli antagonisti del recettore dell'angiotensina II non devono essere usati contemporaneamente in pazienti con nefropatia diabetica.

Lattosio:

I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, carenza di Lapp- lattasi o malassorbimento di glucosio-galattosio non devono usare questo medicinale.

Litio:

Generalmente il litio non deve essere somministrato con diuretici. I diuretici riducono la clearance renale del litio e aggiungono un alto rischio di tossicità da litio .


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo 20 mg + 12,5 mg 14 compresse rivestite

Tetraciclina e altri farmaci che interagiscono con il magnesio:

A causa della presenza di magnesio carbonato nella formulazione, è stato dimostrato che nella somministrazione concomitante nei volontari sani quinapril riduce l'assorbimento delle tetracicline del 28-37%. Si raccomanda pertanto di evitare la somministrazione concomitante con tetracicline. Questa interazione deve essere considerata in caso di concomitante prescrizione di quinapril e tetraciclina.

Agenti che aumentano il potassio sierico:

Quinapril/idroclorotiazide contiene un diuretico tiazidico che tende ad aumentare l'escrezione urinaria di potassio ma contiene anche un ACE inibitore che tende a conservare il potassio riducendo i livelli di aldosterone. Non è consigliabile aggiungere regolarmente diuretici risparmiatori di potassio o integratori di potassio poichè ciò potrebbe causare potassio elevato nel siero.

Altri diuretici:

Quinapril/idroclorotiazide contiene un diuretico. L'uso concomitante di un altro diuretico può avere un effetto additivo. Inoltre i pazienti trattati con diuretici, in particolare quelli con deplezione del volume e/o del sale, possono subire un'eccessiva riduzione della pressione sanguigna all'inizio della terapia, o con l'aumento della dose di un ACE inibitore.

Altri agenti antipertensivi:

Può esserci un effetto additivo o un potenziamento quando quinapril/idroclorotiazide viene associato con altri farmaci antipertensivi quali i nitrati o i vasodilatatori.

Chirurgia/anestesia:

Benché non vi siano dati disponibili ad indicare che c'è un'interazione tra quinapril e gli agenti anestetici che produca ipotensione, si deve esercitare cautela quando i pazienti vengono sottoposti a interventi di chirurgia maggiore o ad anestesia poichè è stato dimostrato che gli ACE inibitori bloccano la formazione di angiotensina II secondaria al rilascio compensatorio di renina. Ciò può portare a ipotensione che può essere corretta tramite l'espansione del volume .

I tiazidici possono ridurre la risposta arteriosa alla noradrenalina. Nella chirurgia di emergenza gli agenti preanestetici e anestetici devono essere somministrati in dosi ridotte. I tiazidici possono aumentare la risposta alla tubocurarina.

Litio:

Generalmente il litio non deve essere somministrato con i diuretici. Gli agenti diuretici riducono la clearance renale del litio e aggiungono il rischio elevato di tossicità da litio. Aumentati livelli di litio nel siero e sintomi di tossicità da litio sono stati riportati in pazienti trattati contemporaneamente con litio e ACE inibitori a causa dell'effetto di perdita di sodio di questi agenti. Con quinapril/idroclorotiazide il rischio di tossicità da litio può essere aumentato. Quinapril/idroclorotiazide deve essere somministrato con cautela e si raccomandano frequenti monitoraggi dei livelli di litio nel siero.

Corticosteroidi, ACTH:

È stata osservata intensificata deplezione elettrolitica, in particolare ipopotassiemia.

Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS):

In alcuni pazienti, la somministrazione di un agente antinfiammatorio non steroideo può ridurre gli effetti diuretici, potassiemici e antipertensivi dei diuretici dell'ansa, dei diuretici risparmiatori di potassio e dei diuretici tiazidici e può ridurre l'effetto antipertensivo degli ACE inibitori. Pertanto, quando quinapril/idroclorotiazide e gli agenti antinfiammatori non steroidei vengono usati in concomitanza, i pazienti devono essere osservati attentamente per determinare se l'effetto desiderato di quinapril/idroclorotiazide è raggiunto. Inoltre, è stato descritto che i FANS e gli ACE inibitori esercitano un effetto additivo sull'aumento del potassio sierico, laddove la funzione renale può diminuire. Questi effetti sono in principio reversibili e si verificano soprattutto in pazienti con funzionalità renale compromessa.

Allopurinolo, agenti citostatici e immunosoppressivi, corticosteroidi sistemici o procainamide:

La somministrazione concomitante con ACE inibitori può portare a un aumento del rischio di leucopenia.

Alcool, barbiturici o narcotici:

Può verificarsi un potenziamento dell'ipotensione ortostatica.

Farmaci associati a torsioni di punta:

A causa del potenziale rischio di ipopotassiemia, occorre cautela quando l'idroclorotiazide viene somministrata in concomitanza con farmaci quali digitale, glucosidi o agenti associati a torsioni di punta.

Antiacidi:

Gli antiacidi possono ridurre la biodisponibilità di quinapril/idroclorotiazide.

Farmaci antidiabetici (agenti ipoglicemici orali e insulina):

Nei pazienti diabetici gli ACE inibitori possono aumentare la sensibilità all'insulina e sono stati associati a ipoglicemia in pazienti trattati con agenti antidiabetici orali o insulina. Il controllo glicemico deve essere strettamente monitorato in modo particolare durante i primi mesi di trattamento con ACE inibitori .

Amine pressorie (ad esempio, noradrenalina):

Possibile diminuzione della risposta alle amine pressorie, ma non sufficiente da precluderne l'uso.

Resine a scambio anionico:

L'assorbimento di idroclorotiazide è alterato in presenza di resine a scambio anionico, come la colestiramina e colestipolo. Singole dosi delle resine legano l'idroclorotiazide e ne riducono l'assorbimento dal tratto gastrointestinale fino al 85% e 43%, rispettivamente.

Altri agenti:

Quando quinapril è stato somministrato in concomitanza con propranololo, idroclorotiazide, digossina o cimetidina non si sono verificate interazioni clinicamente rilevanti nella farmacocinetica.

L'effetto anticoagulante di una singola dose di warfarin (misurata dal tempo di protrombina) non è stato significativamente cambiato dalla co-somministrazione due volte al giorno con quinapril.

I dati degli studi clinici hanno dimostrato che il duplice blocco del sistema renina-angiotensina-aldosterone (RAAS) attraverso l'uso combinato di ACE-inibitori, antagonisti del recettore dell'angiotensina II o aliskiren, è associato ad una maggiore frequenza di eventi avversi quali ipotensione, iperpotassemia e riduzione della funzionalità renale (inclusa insufficienza renale acuta) rispetto all'uso di un singolo agente attivo sul sistema RAAS .


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo 20 mg + 12,5 mg 14 compresse rivestite

Posologia

I pazienti che assumono quinapril e idroclorotiazide in monoterapia possono passare all'associazione a dosi fisse di Quinapril/Idroclorotiazide Aurobindo.

Adulti:

La dose raccomandata di Quinapril/Idroclorotiazide Aurobindo è 1 compressa al giorno.

Compromissione renale

A causa della presenza di idroclorotiazide, Quinapril/Idroclorotiazide Aurobindo è controindicato nei pazienti con grave compromissione renale (clearance della creatinina < 30 ml/min) .

Pazienti anziani (> 65 anni)

La dose deve essere mantenuta la più bassa possibile in proporzione ad un adeguato controllo della pressione sanguigna.

Bambini e adolescenti (al di sotto dei 18 anni di età)

L'uso di Quinapril/Idroclorotiazide Aurobindo è sconsigliato in bambini e adolescenti a causa della mancanza di dati di sicurezza ed efficacia.

Modo di somministrazione

Per uso orale.

Da prendere con o senza cibo. La dose deve essere presa circa sempre alla stessa ora del giorno per favorire l'aderenza alla terapia.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Quinapril + Idroclorotiazide Aurobindo 20 mg + 12,5 mg 14 compresse rivestite

Per quinapril/idroclorotiazide non sono disponibili dati per quanto riguarda il sovradosaggio nell'uomo.

Le manifestazioni cliniche più probabili potrebbero essere sintomi attribuibili al sovradosaggio di quinapril in monoterapia come grave ipotensione, che solitamente andrebbe trattata tramite infusione di una normale soluzione salina per via endovenosa.

I segni e sintomi più comuni osservati per il sovradosaggio con idroclorotiazide in monoterapia sono quelli causati da deplezione degli elettroliti (ipopotassiemia, ipocloremia, iponatriemia) e disidratazione risultante da un'eccessiva diuresi. Se è stata somministrata anche digitale, l'ipopotassiemia può accentuare le aritmie cardiache.

Non sono disponibili informazioni specifiche sul trattamento del sovradosaggio con quinapril/idroclorotiazide.

L'emodialisi e la dialisi peritoneale hanno scarso effetto sull'eliminazione del quinapril e del quinaprilat.

Il trattamento è sintomatico e di supporto, conforme ad una costante assistenza medica.


CONSERVAZIONE



Conservare a temperatura inferiore a 25°C


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Il paziente emofilico è uguale a tutti gli altri, specialmente nel campo odontoiatrico
Cuore circolazione e malattie del sangue
18 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Il paziente emofilico è uguale a tutti gli altri, specialmente nel campo odontoiatrico
Carenza di ferro
Cuore circolazione e malattie del sangue
18 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Carenza di ferro
Avocado, i grassi buoni che fanno bene al cuore
Cuore circolazione e malattie del sangue
22 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Avocado, i grassi buoni che fanno bene al cuore