Ubistesin 40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml

Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2018
Farmaci - Ubistesin

Ubistesin 40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml




INDICE SCHEDA




INFORMAZIONI GENERALI



AZIENDA

3M Italia s.r.l.

MARCHIO

Ubistesin

CONFEZIONE

40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml

PRINCIPIO ATTIVO

articaina + adrenalina

FORMA FARMACEUTICA

siringhe preriempite/fiala + siringa

GRUPPO TERAPEUTICO

Anestetici locali

CLASSE

C

RICETTA

medicinale ad esclusivo uso degli specialisti in odontoiatria

SCADENZA

24 mesi

PREZZO

35,64 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE




A cosa serve Ubistesin 40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml

UBISTESIN® 40 mg/ml Soluzione iniettabile con Adrenalina 1:200 000

Anestesia per infiltrazione e per blocco nervoso in odontoiatria. Particolarmente indicato per procedure di routine quali: estrazioni singole ed in serie non complicate, preparazione di cavità e di monconi per l'applicazione di corone. UBISTESIN® 40 mg/ml Soluzione iniettabile con Adrenalina 1:100 000

Anestesia per infiltrazione e blocco nervoso in odontoiatria. Particolarmente indicato per interventi che richiedono analgesia profonda e notevole riduzione del flusso ematico nel campo operatorio, quali interventi chirurgici sulle mucose, chirurgia ossea, chirurgia pulpare (amputazione ed escissione), estrazione e trapanazione di denti desmotici ed estrazione di denti fratturati (osteotomia), procedure chirurgiche protratte come operazione di Caldwell-Luc, osteosintesi percutanea, cistectomia, operazioni mucogengivali, apicectomia.


CONTROINDICAZIONI




Quando non dev'essere usato Ubistesin 40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml

Bambini al di sotto dei 4 anni. Deficit di colinesterasi

UBISTESIN non deve essere impiegato, a causa del principio attivo anestetico locale articaina, in caso di: nota allergia od ipersensibilità ad anestetici locali del tipo delle amidi acide; gravi disturbi del sistema di formazione o di conduzione dello stimolo a livello cardiaco (ad es. blocco AV di II e III grado, marcata bradicardia); insufficienza cardiaca scompensata (insufficienza acuta della funzione cardiaca), grave ipotensione (pressione sanguigna molto bassa).A causa del contenuto di adrenalina come aggiunta di vasocostrittore, UBISTESIN non deve inoltre essere impiegato in caso di: tachicardia parossistica od aritmia assoluta ad alta frequenza; marcata insufficienza coronarica; grave ipertensione; tireotossicosi (iperfunzione della tiroide); glaucoma ad angolo irido-corneale ristretto; stato metabolico diabetico scompensato; feocromocitoma.

ATTENZIONE: UBISTESIN non deve essere impiegato in persone con allergia od ipersensibilità al solfito nonchè in persone con grave asma bronchiale. In queste persone UBISTESIN può scatenare reazioni allergiche acute con sintomi anafilattici, come uno spasmo bronchiale.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO




Cosa serve sapere prima di prendere Ubistesin 40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml

Attenzione: È necessario avere la disponibilità immediata dell'equipaggiamento, dei farmaci e del personale idonei al trattamento di emergenza poichè in casi rari sono stati riferiti, a seguito dell'uso di anestetici locali, reazioni gravi, talora a esito infausto, anche in assenza di ipersensibilità individuale nell'anamnesi.

La sicurezza di impiego dipende da un opportuno dosaggio, per cui deve essere usata la dose minima efficace determinata tenendo conto dell'età, del peso e dello stato fisico del paziente; da una corretta tecnica di utilizzazione, iniettando la soluzione lentamente e con frequenti aspirazioni, dall'adozione di misure precauzionali, che richiedono sempre l'immediata disponibilità di un idoneo equipaggiamento di rianimazione.

UBISTESIN può essere impiegato solo con particolare cautela in caso di: gravi disturbi della funzione renale ed epatica; angina pectoris; arteriosclerosi (calcificazione vasale), iniezione in un'area infiammata (infettata); notevoli disturbi della coagulazione del sangue.

Si deve evitare l'applicazione intravasale effettuata inavvertitamente ! Prima dell'uso il medico deve accertarsi dello stato e delle condizioni circolatorie dei soggetti da trattare. Occorre evitare qualsiasi sovradosaggio di anestetico e non somministrare due dosi massime di quest'ultimo senza che sia trascorso un intervallo minimo di 24 ore. È necessario comunque usare le dosi e le concentrazioni più basse che possono consentire di ottenere l'effetto ricercato. La soluzione anestetica deve essere iniettata con cautela in piccole dosi dopo 10 secondi circa da una preventiva aspirazione. Specialmente quando si devono infiltrare zone molto vascolarizzate è consigliabile lasciare trascorrere circa due minuti prima di procedere al blocco locoregionale vero e proprio. Il paziente deve essere mantenuto sotto accurato controllo sospendendo immediatamente la somministrazione al primo segno di allarme (per esempio modificazioni del sensorio). Il medico deve informare il paziente che il farmaco può dare reazioni positive al test antidoping.


INTERAZIONI




Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Ubistesin 40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml

 L'azione simpaticomimetica dell'adrenalina può essere potenziata dalla contemporanea assunzione di MAO-inibitori o di antidepressivi triciclici. L'adrenalina può inibire la liberazione di insulina nel pancreas e, quindi, diminuire l'azione di antidiabetici orali. In caso di contemporanea somministrazione di beta-bloccanti non cardioselettivi, a causa dell'adrenalina contenuta nell'UBISTESIN, si può avere un aumento della pressione arteriosa. Alcuni narcotici da inalazione, come l'halotano possono sensibilizzare il cuore alle catecolamine e, quindi, provocare aritmie dopo la somministrazione di UBISTESIN.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE




Come si usa Ubistesin 40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml

Soluzione iniettabile (anestetico locale per odontoiatria). È opportuno verificare per aspirazione in due piani ( rotazione della cannula di 180°) di non praticare inavvertitamente una somministrazione intravascolare, nel qual caso un reperto di aspirazione negativo non esclude con certezza un'iniezione intravascolare inavvertita ed inosservata. La velocità di iniezione non deve superare 0.5 ml in 15 secondi, cioè 1 cartuccia/min. Le cartucce aperte non devono essere utilizzate per altri pazienti. I residui devono essere gettati via. Valgono le seguenti linee-guida posologiche: utilizzare sempre il volume minimo di soluzione sufficiente per ottenere un'anestesia efficace. Per l'estrazione dei denti mascellari è generalmente sufficiente 1 cartuccia da 1.7 ml di UBISTESIN® per ciascun dente. Per estrazioni seriate di più denti è spesso possibile ridurre la quantità di soluzione da iniettare. Se è necessario praticare incisioni o suture nel palato, è indicata un'iniezione palatina di 0.1 ml per unità di intervento. Per estrazioni semplici di premolari mandibolari è generalmente sufficiente una anestesia per infiltrazione con 1.7 ml di UBISTESIN per ogni dente. In casi isolati può essere sufficiente una successiva iniezione di 1-1.7 ml. In casi rari può essere indicata una iniezione nel forame mandibolare. Iniezioni vestibolari di 0.5-1.7 ml di UBISTESIN per dente consentono operazioni intracavitarie e preparazioni di monconi per l'applicazione di corone. Per interventi a livello di molari mandibolari deve essere usata anestesia per blocco nervoso. In tutte le procedure chirurgiche la dose di UBISTESIN deve essere stabilita su base individuale in funzione del tipo e durata dell'intervento e di fattori relativi al singolo paziente. In linea generale in bambini di peso di 20 – 30 kg dosi di 0.25 – 1.0 ml sono sufficienti, evitando di eccedere a dose di 1.5 ml per intervento e di 2.5 ml nel corso delle 24 ore. In bambini da 30 –45 kg la dose mediamente sufficiente varia da 0.5 a 2.0 ml, avendo cura di non superare i 2.0 ml per intervento ed i 5.0 ml nel corso delle 24 ore. Nei pazienti molto anziani, in seguito ai ridotti processi metabolici ed al minor volume di distribuzione, possono comparire aumentati livelli ematici di UBISTESIN. In particolare, in caso di impiego ripetuto (ad es. iniezione successiva), aumenta il rischio di accumulo di UBISTESIN. Non ottimali condizioni generali del paziente, nonché gravi disturbi della funzione epatica e renale possono agire in maniera analoga. In tutti i casi citati, pertanto, si consiglia una dose inferiore (quantità minima per avere una profondità sufficiente dell'anestesia). In pazienti affetti da alcune malattie pre-esistenti (angina pectoris, arterosclerosi), la dose deve essere ugualmente ridotta. La dose massima giornaliera per adulti è di 500 mg di articaina (7 mg/kg di peso corporeo), corrispondenti a 12.5 ml o 7 cartucce di UBISTESIN.


SOVRADOSAGGIO




Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Ubistesin 40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml

In caso di sovradosaggio, in genere legato ad accidentale iniezione intravascolare o aumentato assorbimento, per esempio in caso di infiltrazione a livello di tessuti infiammati o altamente vascolarizzati, possono comparire effetti collaterali a carico del sistema nervoso centrale o del distretto vascolare. Al primo segno di allarme è necessario interrompere la somministrazione, portare il soggetto in posizione orizzontale e mantenere la respirazione mediante somministrazione di ossigeno. È opportuno monitorare la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa. Di solito queste misure sono sufficienti a dominare la sintomatologia.

Sintomi

  • provocati dal principio attivo articaina. I sintomi più lievi a carico del sistema nervoso centrale sono: sapore metallico, acufeni, vertigini, nausea, vomito, irrequitezza, ansia, aumento iniziale della frequenza respiratoria.
    I sintomi più gravi sono: ottundimento del sensorio, stordimento, tremore, spasmi muscolare, convulsioni tonico- cloniche, coma, paralisi respiratoria. Gravi episodi cardiovascolari si manifestano con caduta pressoria, disturbi di conduzione, bradicardia, arresto cardiocircolatorio.
  • provocati dal vasocostrittore adrenalina: manifestazioni cardiovascolari, come senso di calore, sudorazione, senso di oppressione al cuore, cefalea, aumento della pressione, disturbi anginosi, tachicardia, tachiaritmie ed arresto cardiocicolatorio. In caso di contemporanea comparsa di diverse complicazioni ed effetti collaterali, nel quadro clinico possono essere riconoscibili dalle sovrapposizioni.
Terapia

MISURE DI BASE GENERALI: diagnostica (respirazione, circolazione, sensorio), mantenimento/ripresa delle funzioni vitali di respirazione e circolazione, applicazione di ossigeno, accesso endovenoso.

MISURE SPECIALI. Ipertensione: tenere sollevata verso l'alto la parte superiore del corpo, eventualmente somministrare nifedipina per via sublinguale. Accessi di convulsione: proteggere il paziente da ferite contaminanti, eventualmente somministrare diazepam e.v. Ipotensione: porre il paziente sdraiato, eventualmente praticare un'infusione intravascolare di una soluzione totale di elettroliti, vasopressori (ad es. Etilefrin e.v.). Bradicardia: atropina e.v. Shock anafilattico: allertare il medico del pronto soccorso, nel frattempo tenere il paziente in posizione anti-shock, praticare un'infusione di una soluzione totale di elettroliti, eventualmente adrenalina e.v., cortisone e.v. Shock cardiogeno: tenere il paziente con la parte superiore del corpo sollevata, allertare il medico del pronto soccorso. Arresto cardio-circolatorio: praticare immediatamente la rianimazione cardiopolmonare, allertare il medico del pronto soccorso.


EFFETTI INDESIDERATI




Quali sono gli effetti collaterali di Ubistesin 40 mg/ml sol. iniet. c/adren. 1:200.000 50 cartucce 1,7 ml

Possono comparire in caso di sovradosaggio, soprattutto in seguito ad iniezione intravasale accidentale o di condizioni di assorbimento anormali, ad esempio in tessuti infiammati od in tessuti fortemente vascolarizzati e si evidenziano con manifestazioni a carico del sistema nervoso centrale e/o vascolare. Nell'impiego di UBISTESIN, a causa del principio attivo anestetico locale articaina possono comparire i seguenti effetti collaterali.

I sintomi più lievi a carico del sistema nervoso centrale sono: sapore metallico, acufeni, vertigini, nausea, vomito irrequietezza, ansia, aumento iniziale della frequenza respiratoria. I sintomi più gravi sono: ottundimento del sensorio, stordimento, tremore, spasmi muscolari, convulsioni tonico-cloniche, coma e paralisi respiratoria. Gravi episodi cardiovascolari si manifestano con caduta pressoria, disturbi di conduzione, bradicardia, arresto cardiocircolatorio: Reazioni allergiche alla articaina sono estremamente rare.

Effetti collaterali che possono comparire in seguito all'aggiunta di adrenalina come vasocostrittore. Nonostante la scarsa concentrazione di adrenalina (1:200.000 e 1:100.000) non si possono escludere manifestazioni come senso di calore, sudorazione, senso di oppressione al cuore, cefalea, aumento della pressione, disturbi anginosi, tachicardia, tachiaritmie ed arresto cardiocircolatorio.

PARTICOLARI AVVERTENZE. In base al contenuto di solfito di sodio anidro, in singoli casi in particolare in soggetti con asma bronchiale si possono verificare reazioni allergiche o reazioni di ipersensibilità che si possono manifestare con vomito, diarrea, respirazione affannosa, attacchi di asma acuta, disturbi del sensorio o shock.




CONSERVAZIONE




Conservare al riparo dalla luce e a temperatura non superiore ai 25° C.






Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Quali trattamenti tricologici per avere capelli belli e sani
Salute femminile
18 gennaio 2018
Notizie
Quali trattamenti tricologici per avere capelli belli e sani
Paura di volare
Mente e cervello
17 gennaio 2018
Notizie
Paura di volare
L'esperto risponde