Riso nero ai carciofi e mazzancolle

20 febbraio 2015
Primi

Riso nero ai carciofi e mazzancolle



riso venere


Quando porti in tavola il riso nero, detto anche "venere", ti assicuri un pieno di ferro e altri minerali quali selenio, manganese e zinco.
Come il riso bianco, poi, è gluten free e quindi adatto per chi soffre di celiachia. Questo cereale, inoltre è un buon alleato nella lotta ai radicali liberi e contro l'invecchiamento delle cellule grazie alla quantità di antociani che contiene, a cui deve il colore scuro che vira al viola e per cui batte perfino il mirtillo. Recenti studi evidenziano in questo super alimento proprietà antitumorali, oltre alla capacità di contrastare il colesterolo cattivo o Ldl.

Profumato e dal sapore deciso, in cucina è così versatile da prestarsi a preparazioni inedite e gustose, accompagnato con verdure, carni bianche o pesce.
Qui lo propongo in insalata, da servire tiepido, con i carciofi, che sono di stagione, e le mazzancolle fresche (che possono essere sostituite anche da gamberetti surgelati), per un piatto unico a tutta salute!

INGREDIENTI

350 g di riso nero
6 carciofi
250 g di mazzancolle fresche o gamberetti (anche surgelati)
1 spicchio di aglio (facoltativo)
1 scalogno piccolo
½ limone
8 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino di brandy
sale e pepe

PREPARAZIONE

1. Porta a bollore - e sala poco - l'acqua per cuocere il riso: deve bollire circa 40 minuti.

2. Nel frattempo, pulisci lo scalogno e l'aglio (se piace); li triti finemente, poi li versi in una padella antiaderente in cui avrai versato 2 cucchiai di olio.
Quando il soffritto è appena rosolato, aggiungi le mazzancolle sgusciate, lavate e asciugate oppure i gamberetti decongelati, mescola affinché il pesce rosoli uniformemente e poi sfuma con il brandy e aggiusta di sale e di pepe. Lascia cuocere non più di 5 minuti. Togli dal fuoco e tieni da parte, coperto.



3. Pulisci i carciofi, tagliali a spicchi e tuffali via via a bagno in acqua fresca acidulata con succo di limone. Versa in una padella 3 cucchiai di olio, quando è caldo butta i carciofi ben scolati e falli rosolare uniformemente, sempre rigirandoli: occorrono circa 4 minuti. Dopodiché aggiungi sale e pepe, se necessario anche alcuni cucchiai di acqua, copri e lascia cuocere per circa 8/10 minuti, curando che non attacchino.

4. Scola il riso nero una volta cotto e versalo in un'ampia ciotola. Aggiungi al riso le mazzancolle e il loro sughetto di cottura e fai altrettanto con i carciofi. Mescola delicatamente e unisci il restante olio a crudo. Servi tiepido.

«Il riso venere ha meno amidi del riso bianco e un indice glicemico più basso (evita le impennate di zuccheri nel sangue), quindi è particolarmente adatto nelle diete dimagranti e per chi ha problemi di diabete. Molto proteico, contiene lisina, un aminoacido essenziale che non è facile trovare in altri cereali. Povero di sodio, è consigliabile anche a chi è iperteso».

* Prof.ssa Evelina Flachi, specialista in Scienza dell'alimentazione-Nutrizionista
Collabora con La Prova del cuoco, Raiuno, ed è Presidente della Fondazione Italiana per l'Educazione Alimentare

Il riso venere è italiano! Molti lo credono un prodotto esotico, invece viene coltivato prevalentemente in pianura Padana (anche se nasce dall'incrocio con una varietà originaria dalla Cina). Il color ebano è tutto naturale, dovuto ai pigmenti della pianta.

a cura di Gloria Brolatti,
giornalista e food blogger
www.emoticibo.com


Vedi ricette della categoria Primi (38)

Guida agli alimenti
Scopri le calorie e i valori energetici e nutrizionali degli alimenti


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Alimentazione
21 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
L'esperto risponde