Budino al cocco con fragole

16 giugno 2017
Dolci

Budino al cocco con fragole



Un dolce fresco e leggerissimo, adatto per chiudere un pranzo elegante o una cena di pesce. Adatto anche per chi è intollerante al lattosio, è facilissimo da realizzare e in questa stagione si accompagna bene con le fragole, che io ho preferito a cubetti, ma che possono anche essere trasformate in un goloso coulis per decorare e arricchire questo semplice ma goloso dessert. Il tocco in più? Per chi lo ama, una grattugiata di cioccolato fondente, che con il il cocco si sposa molto bene. L'ingrediente principale di questa ricetta però è il cocco, presente come latte e in scaglie, per un gioco di consistenze che il vostro palato non dimenticherà facilmente!

Ingredienti per 4 coppette



  • 500 ml di latte di cocco
  • 50 g di farina di riso
  • 40 g di zucchero a velo
  • 15 g di maizena
  • 150 g di fragole fresche
  • 4 cucchiai di cocco in scaglie
  • 50 g di cioccolato fondente grattugiato (a piacere)

Come devi fare

1. In un pentolino che possa poi contenere tutto, versa lo zucchero e la farina di riso, mescola e quindi aggiungi il latte di cocco piano piano, mescolando con una frusta.
2. Quando l'emulsione è completata, aggiungi anche la maizena, facendo molta attenzione che non si formino grumi.
3.Trasferisci il budino sul fuoco e mescola sempre con le fruste per circa 7/8 minuti, fino a raggiungere la giusta consistenza.
4. Togli dal fuoco e incorpora al budino due dei quattro cucchiai di cocco grattugiato o in scaglie.



5. Suddividilo in quattro coppette di vetro, cospargile con il restante cocco in scaglie, coprile con pellicola da cucina e riponile in frigorifero fino al momento di servire.
6. Nel frattempo, lava le fragole, asciugale bene, togli loro il picciolo e tagliale a cubetti il più possibile regolari. Mettile a scolare in un colino capiente finché le userai per guarnire il dolce.



7. Al momento di servire il dessert, capovolgi le coppette su altrettanti piattini per ottenere delle candide cupolette da completare con dadini di fragole e, a piacere, una grattugiata di cioccolato fondente amaro.

Il must di questo piatto

Questo dessert si caratterizza per la particolarità di essere privo di uova e di latte. In compenso, è assai ricco di cocco, un frutto tropicale molto utilizzato per i dolci, e dalle insospettate virtù salutari. L'aggiunta di frutta fresca (che può essere anche diversa dalle fragole), la piccola quantità di zucchero, le cui dosi sono contenute grazie al sapore già dolce del cocco (che tra l'altro ha un basso indice glicemico) e, per finire, la gradevole aggiunta di cioccolato fondente dall'elevato potere antiossidante, ne fanno una merenda saziante e corretta dal punto di vista nutrizionale. E in questa ricetta il cocco è presente in due modi: come latte e come polpa grattugiata!

Un alleato per il cervello
Ricchissimo di potassio, e per questo molto diuretico e in grado di regolarizzare i liquidi all'interno dell'organismo, nonché miniera di altri minerali quali zinco, ferro, magnesio e fosforo, il cocco apporta anche vitamine del gruppo B, C, E e K. Il latte di cocco, che si ottiene dalla spremitura della polpa, al contrario dell'acqua di cocco che si trova dentro il frutto quando è fresco, ed è più leggera di consistenza, è ricco di sostanze nutritive e di fibre, che sono preziose per depurare l'organismo, contenere i problemi di meteorismo intestinale e favorire una spiccata funzione lassativa. Il cocco contiene poi preziose proteine vegetali, che unite al quantitativo di magnesio presente nel frutto ne fa un valido alleato per proteggere (o ricostituire) la massa muscolare.
Ma la marcia in più del cocco pare consista nell'acido laurico, una sostanza che si trova anche nel latte materno, e che ha il compito di favorire lo sviluppo del cervello. Alcuni studi ancora in corso stanno cercando di dimostrare come questa speciale sostanza, contenuta sia nel latte sia nell'olio di cocco, sia in grado di stimolare la produzione di ormoni tiroidei che possono accelerare il metabolismo.
Il latte di cocco, poi, è molto usato oggi nella cucina vegana quando la ricetta richiederebbe l'aggiunta di latte o panna, e questo perché non contiene né lattosio né glutine, e può essere ritenuto un valido sostituto del latte vaccino benché sia di tipo vegetale. Per contro, tutti i derivati del cocco hanno una elevata quantità di grassi, che però sembrano essere meno insidiosi per la salute.
A tal proposito, una curiosa ricerca pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition è stata condotta, alcuni anni fa, su due atolli polinesiani i cui abitanti si nutrivano prevalentemente di cocco: i risultati dello studio arrivarono alla conclusione che entrambe le popolazioni godevano di un'invidiabile salute vascolare! In pratica, gli acidi grassi presenti nel cocco risulterebbero più salutari di quelli animali, che possiedono una struttura più complessa e sono più difficili da smaltire.

Cosa dice la nutrizionista*:

«Benché questo budino sia un dessert piuttosto leggero, in quanto privo di lattosio e grassi saturi, devo sottolineare che il cocco non è un frutto adatto a un regime ipocalorico. Ricco di proprietà benefiche per l'organismo: è diuretico, lassativo, apporta preziosa fibra, ha un indice glicemico medio - pur essendo molto dolce - il cocco è un frutto decisamente calorico: fino a 360 calorie per 100 grammi. E anche il latte che ne deriva non è da meno. Il consumo di questo frutto tropicale è quindi indicato per chi fa sport o deve seguire un regime dietetico particolarmente nutriente e ricostituente».

* Prof.ssa Evelina Flachi, specialista in Scienza dell'alimentazione-Nutrizionista.
Collabora con La Prova del cuoco, Raiuno, ed è presidente della Fondazione italiana per l'educazione alimentare

Il cocco in cucina

  • Sotto forma di latte, disidratato in scaglie o farina, e quindi confezionato, oppure come olio, il cocco è un grande alleato in cucina, sia per le preparazioni dolci come la ricetta di questa settimana, oppure per fare biscotti e torte, in sostituzione di latte vaccino o panna, sia per quelle salate.
  • Tra quelle salate, lo utilizzo spesso per ricette dal sapore esotico: il latte di cocco è infatti un ottimo ingrediente per il pollo con verdure al curry; oppure, aggiunto alle vellutate di cucina vegana.
  • Quanto alla farina di cocco confezionata, è bene puntualizzare che è abbastanza povera di carboidrati, è la più ricca di fibre in assoluto, ma anche quella con il più elevato apporto di grassi. Inoltre, è bene precisare che è sì composta da polpa di cocco disidratata, ma spesso la si trova in commercio con l'aggiunta di stabilizzanti o sbiancanti di natura chimica, come il diossido o biossido di zolfo.

A cura di Gloria Brolatti

Giornalista e food blogger

www.emoticibo.com


Vedi ricette della categoria Dolci (21)



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
Zucchine ripiene alla moda di una volta
Alimentazione
23 giugno 2017
Ricette
Zucchine ripiene alla moda di una volta
Soffri di insonnia? Colpa del Dna
Mente e cervello
21 giugno 2017
News
Soffri di insonnia? Colpa del Dna
L'esperto risponde