Bulimia

29 agosto 2017

Bulimia



Definizione


Disturbo del comportamento alimentare che consiste in eccessi di fame smodata e incontrollabile, spesso seguiti da sensi di colpa e vomito autoindotto o abuso di lassativo e diuretici.

Cause


La bulimia è collegata per lo più a disturbi o a disagi psicologici ed è talvolta causata dalla paura di ingrassare o dal desiderio quasi ossessivo di dimagrire. A volte la bulimia può essere legata all'anoressia nervosa. La bulimia può tuttavia essere determinata anche da problemi fisici, quali disfunzioni del tratto gastrointestinale, della tiroide, delle ghiandole surrenali e degli ormoni.

Sintomi


I frequenti episodi di vomito autoindotti possono determinare disidratazione, squilibri elettrolitici e uno stato di grave malnutrizione. I primi sintomi della bulimia sono stanchezza, sonnolenza e crampi. La bassa pressione, il ritmo cardiaco irregolare e la comparsa di amenorrea sono il segno dell'aggravarsi della malattia. I capillari del viso rotti e i danni allo smalto dei molari derivano anch'essi dai numerosi episodi di vomito.

Diagnosi


La diagnosi di bulimia viene posta su base clinica, valutando il comportamento della paziente nei confronti del cibo e la presenza di notevoli variazioni di peso, che generalmente si mantiene comunque intorno a valori normali. Possono anche essere eseguiti gli esami necessari a diagnosticare eventuali malattie organiche che possono aver determinato la malattia o a evidenziare i disturbi correlati (squilibri elettrolitici, disidratazione).

Cure


I due approcci terapeutici più efficaci sono la psicoterapia (come le terapie cognitivo-comportamentali) e la terapia farmacologica, basata essenzialmente su antidepressivi inibitori della ricaptazione della serotonina, che, oltre a migliorare l'umore, tendono a ridurre l'appetito. È spesso utile comunque un approccio pluridisciplinare che coinvolga psicoterapeuta, neuropsichiatra, nutrizionista e spesso di altre figure diverse da caso a caso. Opportune terapie possono essere necessarie per correggere le alterazioni metaboliche provocate dagli squilibri alimentari

Cure alternative


L'iperico può essere utile per combattere la depressione e l'ansia. Tra i rimedi omeopatici Calcarea carbonica è utile per le donne timide, in soprappeso, di natura pigra e Natrum muriaticum è indicato se si detesta essere al centro dell'attenzione. Possibili anche terapie con fiori di Bach, agopuntura e aromaterapia.

Alimentazione


Per combattere la bulimia può essere utile rivolgersi a un dietologo o a un nutrizionista per farsi consigliare la dieta più appropriata. In genere è consigliabile consumare piccoli pasti intervallati da spuntini.


Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Torta rustica al radicchio, noci e bresaola
Alimentazione
20 ottobre 2017
Ricette
Torta rustica al radicchio, noci e bresaola
Mal di testa: i 10 cibi da evitare
Mente e cervello
17 ottobre 2017
News
Mal di testa: i 10 cibi da evitare
L'esperto risponde