Allergie alimentari

29 agosto 2017

Allergie alimentari



Indice scheda


Definizione


Le allergie alimentari si manifestano con una reazione immediata o quasi al cibo ingerito, dovuta a una risposta anomala del sistema immunitario.

Cause


Gli alimenti che più spesso causano l'insorgere di una reazione allergica sono il grano, la soia, il latte e i latticini, le arachidi e le noci, le uova, il pesce, i crostacei, le fragole e gli agrumi. Una reazione simile a quella allergica può essere provocata anche dai solfiti presenti negli alimenti surgelati e in alcuni farmaci, dai coloranti e dai salicilati presenti nei cibi a lunga conservazione. Esiste una predisposizione genetica alle allergie alimentari, che sono più frequenti nei figli di soggetti affetti.

Sintomi


I sintomi delle allergie alimentari comprendono prurito alla bocca, orticaria, eczema e congestione degli occhi: essi sono causati dalla quantità imponente di anticorpi IgE che l'organismo produce reagendo agli allergeni e che provocano il rilascio di mediatori quali l'istamina. In alcuni casi, si possono avere reazioni anafilattiche gravi, con edema della gola, restringimento delle vie aeree e difficoltà respiratoria. Le allergie alimentari possono anche associarsi a malattie croniche quali asma, ipertrofia linfonodale, sinusite, diarrea, otite, eczema, affaticamento cronico, febbre da fieno, cefalea, irritabilità, rinorrea cronica.

Diagnosi


La diagnosi di allergia si formula tramite i comuni test allergologici (prick test, dosaggio delle immunoglobuline IgE, esame RAST). Un sistema semplice per individuare una reazione alimentare avversa è la dieta a rotazione, che consiste nel mangiare solo alcuni cibi cambiandoli ogni 3 o 4 giorni e ripetendo l'intero ciclo due o tre volte: in questo modo si riesce in molti casi a collegare i sintomi con un determinato cibo.

Cure


Qualsiasi trattamento è subordinato all'identificazione degli alimenti che provocano la reazione avversa e che vanno eliminati dalla dieta per almeno 6 mesi. Se si è affetti da periodiche reazioni allergiche, usare un antistaminico è utile ed efficace per alleviare orticaria e gonfiore. In caso di allergie a diversi alimenti, il medico può prescrivere il sodio cromoglicato, un composto in grado di limitare la reazione di spasmo delle vie aeree.

Cure alternative


Tra i trattamenti fitoterapici consigliati: unghia di gatto, cardo mariano, estratti di corteccia di pino e di semi d'uva e ginseng siberiano. Sono disponibili farmaci omeopatici per la cura delle allergie alimentari, fra cui anche un vaccino.

Alimentazione


Seguire una dieta di eliminazione oppure una dieta a rotazione per scoprire quali sono i cibi che determinano l'insorgere della sintomatologia. È consigliabile evitare, comunque, i prodotti che causano più facilmente reazioni allergiche (vedi sopra) ed i cibi confezionati, che contengono spesso coloranti ed esaltatori di sapidità in grado di scatenare allergie.


Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Diabete, la prevenzione arriva in farmacia
Alimentazione
08 gennaio 2018
Notizie
Diabete, la prevenzione arriva in farmacia
Chi comanda tra stomaco e cervello?
Alimentazione
06 gennaio 2018
Notizie
Chi comanda tra stomaco e cervello?
Biscotti di Natale al profumo di cioccolato e cannella
Alimentazione
19 dicembre 2017
Le ricette della salute
Biscotti di Natale al profumo di cioccolato e cannella
L'esperto risponde