Meningite

29 agosto 2017

Meningite



Definizione


Infiammazione di origine infettiva delle membrane (meningi) che rivestono il sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale). Può essere dovuta sia a infezione batterica sia a infezione virale, nel qual caso si parla anche di meningite asettica. Solitamente, l'infezione origina in un altro punto del corpo, da cui i microrgansimi possono raggiungere le meningi attraverso il flusso sanguigno. La meningite può però anche svilupparsi da otiti o sinusiti.

Cause


I microrganismi che provocano la meningite dipendono strettamente dall'età. Fra i batteri, nei neonati sono più spesso coinvolti lo Streptococco tipo B e l'Escherichia coli. Nei bambini, particolarmente frequenti sono le meningiti da pneumococco, meningococco e Haemophilus influenzae. Negli adulti, sono più frequenti le forme da bacilli aerobi Gram-negativi. Nelle meningiti virali sono prevalentemente coinvolti gli enterovirus e gli herpes virus.

Sintomi


I sintomi iniziali della malattia sono tipici, ma non immediatamente riconducibili alla patologia: forti dolori alla testa, sensibilità accentuata alla luce e ai rumori, febbre, nausea, vomito, rigidità del collo e comparsa di macchie rosse sulla pelle. Nei bambini al di sotto dei 2 anni e nei neonati i sintomi sono più difficilmente individuabili: appaiono meno vitali, irritabili, di scarso appetito e possono presentare convulsioni. Se non trattata, la meningite, in particolare quella batterica, può essere mortale o condurre a danni neurologici permanenti, soprattutto nei bambini. La meningite di origine virale, invece, è più frequente ma ha generalmente un andamento più benigno.

Diagnosi


Soprattutto nei bambini è fondamentale ricorrere alle cure ospedaliere alle prime avvisaglie: già l'esame del paziente consente al medico di stabilire se vi è possibilità di meningite. Il test più affidabile, per accertare l'infezione, è l'esame del fluido cerebrospinale (liquor cefalo-rachidiano), estratto dal canale spinale attraverso la puntura lombare. Il prelievo consente anche di stabilire qual è il microrganismo responsabile e, in caso di batteri, di scoprire a quali antibiotici è sensibile.

Cure


La cura principale della meningite batterica è la somministrazione di antibiotici, prima su base empirica e, una volta in possesso dei risultati di laboratorio, usando farmaci mirati. Spesso è necessario supportare le funzioni vitali, con ricovero in un reparto di terapia intensiva. Contro l'Haemophilus influenzae, meningococco e pneumococco è possibile vaccinarsi. Per le meningiti virali non esiste una terapia specifica e solitamente si risolvono spontaneamente. Per alcune forme (herpes) è possibile utilizzare farmaci antivirali.

Cure alternative


Non sono proponibili trattamenti alternativi per la meningite.

Alimentazione


Nei neonati, sia a termine e sia immaturi, l'alimentazione con latte materno sembra ridurre l'incidenza di meningite rispetto all'uso di latte artificiale.


Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Mal di testa: i 10 cibi da evitare
Mente e cervello
17 ottobre 2017
News
Mal di testa: i 10 cibi da evitare
Battibecchi tra neo sposi? Lo stress cala grazie agli amici
Mente e cervello
21 settembre 2017
News
Battibecchi tra neo sposi? Lo stress cala grazie agli amici