Tumore della prostata

29 agosto 2017

Tumore della prostata



Definizione


Tumore maligno provocato dalla crescita incontrollata di alcune cellule all'interno della prostata. La prostata è una ghiandola situata dietro all'intestino e intorno all'uretra, che ha il compito di produrre e immagazzinare il liquido seminale rilasciato durante l'eiaculazione.

Cause


I fattori che possono predisporre all'insorgenza del carcinoma della prostata sono molteplici: l'età avanzata (il tumore è raro fra i giovani), gli squilibri ormonali (alti livelli di testosterone o di un ormone chiamato insulin-like growth factor 1), le abitudini alimentari (una dieta ricca di grassi saturi di origine animale), la familiarità, la predisposizione genetica (in particolare la mutazione del gene BRCA1 o 2), il tipo di occupazione e il fumo.

Sintomi


La sintomatologia è spesso scarsa nelle fasi iniziali. Quando compaiono i sintomi, questi sono simili a quelli di un'iperplasia benigna della prostata e sono dovuti all'aumento di volume della ghiandola che può comprimere il canale uretrale, ostacolando il normale deflusso dell'urina. Si possono avere: difficoltà nella minzione, getto urinario debole, bisogno di urinare spesso, minzione dolorosa e presenza di sangue nelle urine (ematuria) e nel liquido seminale, svuotamento incompleto della vescica (che può favorire le infezioni e la formazione di calcoli).

Diagnosi


La diagnosi si basa sulla sintomatologia e su alcuni esami: dosaggio del PSA (antigene prostatico specifico, elevato in caso di tumore della prostata), esplorazione rettale (che permette al medico di palpare la porzione posteriore della ghiandola, sede della maggior parte dei tumori) ed ecografia transrettale, eventualmente associata all'esecuzione di una biopsia. Quest'ultima permette la diagnosi di certezza e l'esame istologico del tumore. In casi particolari possono essere utili una TAC o una risonanza magnetica nucleare oppure una scintigrafia dello scheletro (per valutare il coinvolgimento delle ossa, sede frequente di metastasi).

Cure


Molte forme di cancro della prostata sono caratterizzate da crescita lenta: in questi casi può essere più utile limitarsi a monitorare l'evoluzione del tumore. La terapia chirurgica di asportazione della ghiandola (prostatectomia), quando possibile, è la più risolutiva. In alternativa, si ricorre alla radioterapia (anche sotto forma di brachiterapia), alla terapia ormonale (con farmaci che annullano gli effetti degli androgeni, gli ormoni che favoriscono la crescita del tumore) o alla chemioterapia.

Cure alternative


Alcuni rimedi fitoterapici potrebbero migliorare le sintomatologia in caso di tumore della prostata (serenoa, semi di lino). Tuttavia, questi non vanno mai assunti in alternativa al trattamento medico convenzionale.

Alimentazione


Vanno evitati cibi che possono irritare le vie urinarie come gli insaccati, i fritti e cibi troppo piccanti o speziati. In caso di chemio- o radio-terapia è bene assumere una dieta ricca di proteine e bere molti liquidi.


Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
L'esperto risponde