Appendicite

29 agosto 2017

Appendicite



Definizione


Malattia infiammatoria acuta, ricorrente o cronica dell'appendice cecale, un piccolo diverticolo situato nella parte iniziale del colon.


Cause


L'infiammazione è generalmente causata da un'ostruzione interna all'appendice, evento favorito dalla ricchezza di tessuto linfatico e dalla ristrettezza del diametro interno, specie nei giovani e negli anziani. L'occlusione può essere dovuta al ristagno di materiale ingerito, all'ipertrofia dei follicoli linfatici in risposta ad un'infezione o alla presenza di un corpo estraneo (come calcoli biliari, neoplasie o parassiti intestinali) e scatena il processo infiammatorio e infettivo che prende il nome di appendicite.


Sintomi


Il primo sintomo dell'appendicite consiste in un dolore diffuso all'addome che si intensifica in alcune ore spostandosi verso il quadrante inferiore destro dell'addome, che diventa molto sensibile persino a lievi pressioni. Alcune persone presentano per molti giorni solo un dolore lieve e discontinuo. Spesso il dolore è accompagnato da nausea, vomito e febbre; in alcuni casi da diarrea, dolore diffuso alla coscia e alla gamba destra. Un'appendice infiammata si può rompere provocando una peritonite, ossia un'infezione della parete addominale potenzialmente letale. In caso di peritonite le condizioni peggiorano rapidamente, si è colpiti da febbre, pallore, sudorazione e dolore addominale intenso.


Diagnosi


La diagnosi di appendicite viene formulata dal medico sulla base essenzialmente di dati clinici: la sintomatologia e l'esame obbiettivo dell'addome. L'analisi del sangue è utile per controllare la presenza di segni di infezione aspecifici (aumento del numero dei globuli bianchi e degli indici di infiammazione). Gli esami strumentali, in particolare l'ecografia, raramente risultano decisivi per la diagnosi, ma possono servire a escludere altre patologie (per esempio, patologie ginecologiche nelle giovani donne).


Cure


L'unica terapia risolutiva nelle forme acute è l'intervento chirurgico di asportazione dell'appendice (appendicectomia), che può essere eseguito nel modo tradizionale o in laparoscopia. In attesa dell'intervento, non vanno assunti antidolorifici e purganti, mentre è indicata una dieta liquida ed un'eventuale terapia antibiotica. Nelle forme perforate, può essere necessario somministrare per qualche giorno antibiotici prima di procedere all'intervento.


Cure alternative


Omeopatia e agopuntura consigliati dopo l'intervento per accelerare il processo di guarigione.


Alimentazione


Una dieta raffinata e povera di scorie, rallentando la velocità di transito intestinale e provocando un mutamento negativo della flora batterica, favorisce la comparsa di appendicite. Dopo l'intervento chirurgico è utile invece assumere alimenti liquidi come il brodo, i succhi di frutta o verdura e le tisane. Per riabilitare gradualmente il sistema digerente al cibo, assumere minestre, mele e verdure cotte, spremute di frutta. Evitare i cibi che producono gas come i legumi e i formaggi stagionati.



Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
L’intestino irritabile si cura con la dieta personalizzata
Stomaco e intestino
28 settembre 2017
News
L’intestino irritabile si cura con la dieta personalizzata
Reflusso acido? Ecco la giusta alimentazione per tenerlo a bada
Stomaco e intestino
15 settembre 2017
Focus
Reflusso acido? Ecco la giusta alimentazione per tenerlo a bada
Fusilli di kamut in crema di basilico e dadolata “caprese”
Stomaco e intestino
11 agosto 2017
Le ricette della salute
Fusilli di kamut in crema di basilico e dadolata “caprese”