Sclerodermia

23 aprile 2012

Sclerodermia



Definizione

Malattia cronica caratterizzata da degenerazione e sclerosi della cute, delle articolazioni e degli organi interni.


Cause

Le cause della malattia non sono conosciute. Generalmente viene classificata all'interno delle malattie autoimmuni del tessuto connettivo, cioè si ritiene essere dovuta a una reazione anomala del sistema immunitario contro costituenti dell'organismo. È molto più frequente nelle donne e rara nei bambini.


Sintomi

I sintomi principali della sclerodermia sono a carico della pelle, che diventa dura, tesa ed edematosa in aree estese del corpo o solo su mani e dita. L'ispessimento e la retrazione cicatriziale della cute possono determinare la contrazione dei muscoli e il blocco delle articolazioni di dita, polsi e gomiti. A volte sono presenti telangiectasie (piccole vene dilatate sulla pelle delle dita, della faccia o all'interno della bocca) e Raynaud (sindrome di). La malattia può comportare gravi danni anche agli organi interni, dando origine ad alterazioni renali, cirrosi epatica, disturbi cardiovascolari e gastrointestinali e ipertensione polmonare.


Diagnosi

La diagnosi di sclerodermia viene posta sulla base dei sintomi caratteristici. La ricerca di particolari autoanticorpi (anti-centromero, anti-tropoisomerasi), sebbene non specifici della sclerodermia, può aiutare a distinguere questa condizione da altre malattie autoimmuni.


Cure

Non esistono trattamenti risolutivi, in grado di arrestare la progressione della malattia. Per la gestione dei sintomi vengono utilizzati FANS e corticosteroidi (per ridurre il dolore articolare e la debolezza muscolare), farmaci immunosoppressori (ciclofosfamide, metotrexate), penicillamina, analoghi delle prostacicline (iloprost, per il fenomeno di Raynaud), antipertensivi e inibitori di pompa protonica (per i disturbi gastrici). Terapie attualmente in sperimentazione comprendono l'uso di cellule staminali, il trapianto di midollo osseo e l'imatinib.


Cure alternative

L'estratto di gotu kola riduce l'indurimento cutaneo e il dolore articolare.


Alimentazione

La dieta deve essere bilanciata e può essere valutata insieme al medico per scoprire eventuali intolleranze alimentari. Bisogna evitare alimenti che possono provocare alterazioni del metabolismo: sale, carne rossa, tofu, alcol, caffeina, zucchero raffinato, spezie e fritture.



Vedi le patologie di:



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Calcola la data del parto
Dizionario medico


Potrebbe interessarti
Contapassi: gli smartphone svelano quanto ci muoviamo
Scheletro e articolazioni
17 luglio 2017
Focus
Contapassi: gli smartphone svelano quanto ci muoviamo
L'esperto risponde