Cirrosi biliare

29 agosto 2017

Cirrosi biliare



Definizione


La cirrosi biliare è una malattia cronica della colecisti che colpisce soprattutto le donne, 9 volte più degli uomini, tra i 40 e i 60 anni d'età. Ha un andamento progressivo che dall'ostruzione dei dotti biliari tende a evolvere in insufficienza epatica, però con le cure opportune il decorso può essere ottimamente controllato.

Cause


La cirrosi biliare è dovuta a progressiva distruzione dei dotti biliari interlobulari che sono rimpiazzati da tessuto fibroso. Non è ancora stato individuato un meccanismo causale diretto, tuttavia sono molti i fattori coinvolti nella sua insorgenza, da reazioni immunomediate a fattori ambientali, infettivi e chimici.

Sintomi


Astenia e prurito notturno sono i segnali più comuni mentre l'ittero colestatico, con incremento della bilirubina diretta, è una manifestazione tardiva legata al progredire della cirrosi. Si può avere anche comparsa di xantelasmi e xantomi cutanei, correlati all'ipercolesterolemia. Inoltre, col passare del tempo, il deficit di sali biliari a livello intestinale provoca un malassorbimento dei grassi, con possibile comparsa di steatorrea, e delle vitamine liposolubili con conseguenti manifestazioni patologiche correlate.

Diagnosi


La diagnosi si ha dai risultati di alcuni esami di laboratorio specifici: l'aumento della fosfatasi alcalina è patognomonico mentre la bilirubina aumenta in un secondo momento, quando la cirrosi è già progredita, ed è quindi un indice di prognosi sfavorevole. Altri indici caratteristici sono iper-gamma-globulinemia, ipercolesterolemia (perché senza la bile non viene più eliminato il colesterolo), presenza di anticorpi antimitocondrio (Ama), antimuscolo liscio (Sma) e antinucleo (Ana), aumento della cupremia, positività al fattore reumatoide.
La biopsia epatica serve a confermare la diagnosi e definire lo stadio istologico della malattia.

Cure


L'acido ursodesossicolico somministrato per via orale, specie se la terapia comincia quando la malattia è in fase iniziale, è in grado di migliorare sia i parametri di laboratorio che il decorso della cirrosi. Per alleviare il prurito è indicata la colestiramina, eventualmente associata a farmaci antistaminici.
In caso di deficit vitaminico è necessaria la supplementazione con vitamine A, D e K.
Quando la cirrosi progredisce fino all'insufficienza epatica si rende necessario il ricorso al trapianto di fegato.

Fonte: Rugarli. Medicina Interna sistematica. Sesta edizione - 2010 Elsevier


Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
L’intestino irritabile si cura con la dieta personalizzata
Stomaco e intestino
28 settembre 2017
News
L’intestino irritabile si cura con la dieta personalizzata
Reflusso acido? Ecco la giusta alimentazione per tenerlo a bada
Stomaco e intestino
15 settembre 2017
Focus
Reflusso acido? Ecco la giusta alimentazione per tenerlo a bada
La mia torta leggera al caffè con chicchi al cioccolato
Fegato
18 agosto 2017
Le ricette della salute
La mia torta leggera al caffè con chicchi al cioccolato
L'esperto risponde