Infezione da HIV

29 agosto 2017

Infezione da HIV



Indice


Definizione


Infezione provocata dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV). Il virus distrugge progressivamente i linfociti T CD4, componenti importanti del sistema immunitario, rendendo l'organismo suscettibile all'attacco di molti microrganismi. La comparsa, nella fase più avanzata, di complicanze dovute ad altre infezioni, definisce lo sviluppo dell'AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita) conclamato.


Cause


L'HIV si contrae attraverso il sangue, lo sperma e le secrezioni vaginali e viene quindi trasmesso attraverso i rapporti sessuali, sia omosessuali e sia eterosessuali. Non sempre l'esposizione al virus dell'HIV determina l'infezione ma, in genere, contatti prolungati e duraturi ne aumentano la probabilità. I bambini possono contrarre l'infezione da una madre sieropositiva durante il periodo fetale, al momento del parto e in quello dell'allattamento. Le trasfusioni di sangue e la somministrazione di suoi derivati infetti possono trasmettere la malattia.


Sintomi

Qualche tempo dopo aver contratto il virus la persona inizia a sviluppare i sintomi caratteristici dell'infezione da HIV: aumento di volume dei linfonodi, perdita di peso, senso di affaticamento, diarrea, febbre e sudori notturni. Tuttavia, in molti soggetti l'infezione è quasi asintomatica. L'AIDS, dovuto alla lenta e graduale perdita di linfociti T con conseguenti numerosi episodi infettivi e altre malattie, che raramente colpiscono persone sane, si sviluppa in media dopo 8-12 anni dall'infezione da HIV.

Diagnosi

Per ricercare gli anticorpi contro il virus HIV, viene in genere utilizzato il test ELISA. Se il risultato è positivo, deve essere eseguito un test più sofisticato, il Western Blot, in grado di avvalorare in modo definitivo la diagnosi. Entrambi i test spesso non sono positivi prima di due mesi dall'infezione (periodo finestra): la carica virale e la ricerca dell'antigene P24 possono invece essere utilizzati per rilevare l'HIV nel sangue all'esordio dell'infezione.

Cure

Il trattamento dell'infezione da HIV è mirato a inibire la riproduzione virale. A questo scopo vengono utilizzati: inibitori nucleosidici della transcriptasi inversa, inibitori non nucleosidici della transcriptasi inversa e inibitori della proteasi. Nessuno di questi farmaci è in grado di eliminare l'infezione, ma essi mantengono sotto controllo il virus e rallentano lo sviluppo di AIDS, anche per molto tempo. Generalmente vengono utilizzati cocktail di farmaci, per aumentarne l'efficacia e prevenire lo sviluppo di resistenze. Possono anche essere aggiunti trattamenti antibiotici e antimicotici per la prevenzione delle infezioni.

Cure complementari

Rimedi naturali sono consigliati per manifestazioni sintomatiche dell'infezione. Aloe vera per la cura delle mucose, astragalo per il sistema immunitario, zenzero e menta per la nausea e per la digestione. Segnalati anche rimedi omeopatici, fiori di Bach e agopuntura.

Alimentazione

Può essere vantaggioso assumere buone quantità di verdure della famiglia delle crocifere che contengono agenti fitochimici utili per stimolare il sistema immunitario e, al contrario, evitare alcol, caffeina, cibi fritti, zuccheri raffinati e alimenti confezionati perché possono diminuire la funzionalità immunitaria. Consumare diversi piccoli pasti giornalieri e supplementi di proteine e carboidrati a ogni pasto è utile se si soffre di una eccessiva perdita di peso.


Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO
Schede patologia


Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Malattie infettive
01 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Amore al capolinea
Sessualità
26 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amore al capolinea
Combattere l’influenza con la dieta
Malattie infettive
24 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Combattere l’influenza con la dieta
L'esperto risponde