Ulcera

29 agosto 2017

Ulcera



Indice


Definizione


Lesione infiammatoria aperta dovuta all'azione corrosiva dei succhi gastrici, localizzata sulla superficie interna dello stomaco (ulcera gastrica) o del duodeno (ulcera duodenale). Il succo gastrico secreto dallo stomaco è altamente acido e corrosivo: quando i fattori protettivi della mucosa gastrica e duodenale vengono meno a causa di una infiammazione cronica o dell'azione di agenti irritanti, l'aggressione degli enzimi digestivi provoca la lesione denominata ulcera peptica.

Cause


Fra i fattori che possono portare allo sviluppo di un'ulcera peptica vi sono le gastriti croniche, la iperproduzione di succhi gastrici acidi, il fumo, lo stress e l'azione di farmaci (specialmente aspirina, FANS e corticosteroidi). Tuttavia, la scoperta recente del ruolo preminente giocato nella formazione dell'ulcera dal batterio Helicobacter Pylori ha rivoluzionato molte opinioni sulla genesi e la stessa terapia della malattia.

Sintomi

Il sintomo più comune dell'ulcera peptica è il dolore, localizzato al di sotto dello sterno. Nell'ulcera duodenale il dolore compare generalmente nell'intervallo fra i pasti, quando lo stomaco è vuoto, e viene alleviato dall'ingestione di cibo. L'ulcera gastrica induce una sintomatologia dolorosa meno caratteristica, che in qualche caso viene piuttosto esacerbata dal mangiare. Possono essere presenti anche nausea e vomito. I sintomi dell'ulcera tendono a presentarsi per periodi che durano da uno a due mesi, soprattutto in primavera ed autunno.

Diagnosi

La diagnosi viene sospettata sulla base dei sintomi e confermata da esami quali la gastroscopia (che permette l'osservazione della superficie interna dello stomaco e, se necessario, l'esecuzione di una biopsia) e l'esame radiografico con mezzo di contrasto (pasto di bario). L'infezione da Helicobacter può essere diagnosticata con il rilevamento di anticorpi specifici nel sangue o con la ricerca del batterio nella lesione ulcerosa biopsiata.

Cure

La terapia dell'ulcera peptica si basa su sostanze in grado di ridurre la secrezione acida dello stomaco: antiacidi (come l'idrossido di alluminio), bloccanti del recettore H2 dell'istamina (cimetidina, ranitidina) e inibitori di pompa protonica (omeprazolo e derivati). In particolare l'introduzione di questi ultimi farmaci, in grado generalmente di risolvere la malattia con un trattamento di poche settimane, ha rivoluzionato la terapia dell'ulcera peptica, rendendo molto raro il ricorso all'intervento chirurgico. Nei pazienti positivi per l'infezione da Helicobacter pylori, viene associata una terapia antibiotica.

Cure complementari

Esistono numerosi rimedi fitoterapici e omeopatici per il trattamento dell'ulcera peptica. Poiché la malattia, non trattata, può comunque dare complicazioni anche gravi, essi andrebbero assunti sotto il controllo del medico.

Alimentazione

È utile consumare i pasti ad orari regolari: saltare i pasti e mangiare in modo sregolato può peggiorare i sintomi. Comunemente vengono sconsigliati il pepe, il caffè, il tè e il cacao, oltre ai succhi di frutta e ai cibi grassi o piccanti. Evitare i superalcolici.


Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Le tre fasi dei diverticoli
Stomaco e intestino
10 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Le tre fasi dei diverticoli
Due italiani su tre sconfiggono il tumore del colon-retto
Stomaco e intestino
30 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Due italiani su tre sconfiggono il tumore del colon-retto
Consumare a tavola più fibre
Stomaco e intestino
26 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Consumare a tavola più fibre
L'esperto risponde